Particolarità di sostantivi e aggettivi latini (superiori)

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Particolarità di sostantivi e aggettivi latini (superiori)
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Grammatica latina per le superiori 1
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%

I nomina pluralia tantum (in latino 'nomi solamente plurali'), o semplicemente pluralia tantum, sono sostantivi che hanno solo la forma plurale, la quale però indica un solo oggetto.

I pluralia tantum non sono soltanto propri e caratteristici del latino: in italiano, esempi ne sono le voci occhiali (plurale sostantivato dellʼaggettivo occhiale), viveri (‘alimenti, vettovaglie’), traveggole[1] (solo nella locuzione avere le traveggole ‘vedere una cosa per un’altraʼ; nel significato figurato ‘sbagliarsi, fraintendere’); usate specialmente al plurale sono invece le forme forbici e abbaglianti (al singolare: «si è fulminato un abbagliante»), le quali, come le voci viste sopra, designano un oggetto (gli occhiali) o ciascuna parte di una coppia o unità (gli abbaglianti), oppure un complesso di elementi (i viveri).

Opposti ai nomina pluralia tantum sono i nomina singularia tantum, con solo il singolare.