Il Codice Pisanelli

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Il Codice Pisanelli
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Diritto medievale e moderno
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.

Il codice civile italiano del 1865, anche detto Codice Pisanelli dal nome del Guardasigilli Pisanelli, rappresenta il primo codice civile del Regno d'Italia e fu emanato il 2 aprile 1865.

Il Codice fu redatto sotto l'ampio influsso del Codice Napoleonico non per questo è da sempre giudicato come un Codice fotocopia dell'altro. In realtà il Codice Napoleonico fu chiaramente il modello ideale ma ugualmente il Codice Pisanelli presenta novità circa allo stesso soprattutto in campo familiare. In Italia infatti l'influsso della tradizione cattolica portò una tendenza meno favorevole alla laicizzazione della materia matrimoniale e familiare cosa che invece era avvenuta in Francia.

Il Codice fu articolato in tre libri:

  1. Alla persona
  2. Ai beni, alla proprietà e alle sue modificazioni
  3. Ai modi di acquisto e di trasmissione della proprietà e degli altri diritti sulle cose

Si compose complessivamente di 2147 articoli, preceduti da 12 "preleggi".

In questo codice ancora non è presente la materia del diritto commerciale che sarà aggiunta solo in seguito.

Circa la materia delle "successioni", delle "obbligazioni" e dei "contratti", questa non ebbe una disciplina autonoma, ma fu inglobata nel terzo libro. Inoltre non fu prevista una disciplina "peculiare" dei rapporti di lavoro, che venivano fatti rientrare nel paradigma dei "rapporti obbligatori".