Teche RAI

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Teche RAI
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Storia della radio e della televisione




Rai Teche è un archivio del materiale RAI disponibile in rete.

Storia[modifica]

Negli anni '90 con una scelta all'epoca rivoluzionaria, la RAI decise di creare una apposita struttura, dal 1996 affidata a Barbara Scaramucci, denominata Le teche Rai per catalogare e conservare l'immenso materiale (secondo solo alla BBC inglese) che sui più diversi supporti documentano 50 anni della storia della televisione.

Le vecchie banche dati sono state tutte unificate e dal 1999 è stato messo in linea sul catalogo multimediale tutto quello che va in onda sulle tre reti RAI e progressivamente oltre 300.000 ore di materiale televisivo storico, mentre dal 2000 sono documentati anche i canali radiofonici.

Il catalogo completo può essere consultato dal pubblico nella biblioteca di viale Mazzini a Roma, nella biblioteca del Centro di produzione Rai a Torino, e in tutte le sedi regionali della Rai. Il Ministero dei beni culturali ha posizionato 4 terminali presso la Mediateca Braidense di Milano, ospitata presso la ex chiesa di Santa Teresa. li studenti, i ricercatori, i docenti e tutti coloro che hanno bisogno di materiali per eventi e celebrazioni senza fini di lucro possono rivolgersi al servizio customer della direzione Teche a Roma. Chi vuole acquistarlo per utilizzi commerciali e per trasmetterlo su altre emittenti deve rivolgersi alla società Rai Trade (oltre 600 titoli sono pubblicati in DVD).

La Struttura Teche Rai ha anche edito un volume di oltre 500 pagine, in grande formato RicordeRai e un manuale per la documentazione televisiva.

Sulla falsariga di quanto già compiuto e di quanto si compirà dalla struttura Teche Rai Anche il mondo delle televisioni locali in occasione del Gran Premio Tv di Desenzano, ha avanzato la proposta di realizzare, sia pure con mezzi infinitamente più modesti, un analogo servizio di Teche della disparatissima produzione delle Tv private.

Un contributo teorico e creativo sull'accesso ai materiali e sull'utilizzo del repertorio televisivo è di Filippo Porcelli, che in particolare attraverso l'esperienza di Blob e di Schegge (i programmi di Rai Tre), di cui è uno degli autori, è uno dei più autorevoli conoscitori dell'archivio RAI.

Bibliografia[modifica]

  • Barbara Scaramucci e Claudio Ferretti Ricorderai Rai Eri Roma 2003 ISBN 88-397-1274-7
  • A cura di Millecanali La storia della Radio e della Televisione Gruppo Editoriale JCE, Milano 2004
  • Barbara Scaramucci e Guido Del Pino Come si documenta la TV Rai Eri Roma 2007
  • Filippo Porcelli Schegge.la Tv dopo la Tv Il saggiatore 2007

Collegamenti esterni[modifica]