Area:Bisogni educativi speciali

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
(Reindirizzamento da Area:Diversamente abili)
Crystal Clear action view bottom.png
Crystal Clear app kedit.svg

Questa facoltà è incompleta
Tutti i contributi sono ben accetti perché sono stati scritti pochi (o nessun) corsi o dipartimenti di questa facoltà.


Facoltà di Bisogni educativi speciali

Modifica
Facoltà di Bisogni educativi speciali

In Italia si è diffusa l'espressione “Bisogni Educativi Speciali” (BES) dopo l’emanazione della Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012 “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica“.

« “L’area dello svantaggio scolastico è molto più ampia di quella riferibile esplicitamente alla presenza di deficit. In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse”. »

Il principio fissato dalla L. 53/2003 della personalizzazione del'insegnamento pertanto nei confronti di una vasta area di alunni va applicato con particolari accentuazioni.

Il DM 27/12/2012

« "Gli alunni con disabilità si trovano inseriti all’interno di un contesto sempre più variegato, dove la discriminante tradizionale - alunni con disabilità / alunni senza disabilità - non rispecchia pienamente la complessa realtà delle nostre classi. Anzi, è opportuno assumere un approccio decisamente educativo, per il quale l’identificazione degli alunni con disabilità non avviene sulla base della eventuale certificazione, che certamente mantiene utilità per una serie di benefici e di garanzie, ma allo stesso tempo rischia di chiuderli in una cornice ristretta. A questo riguardo è rilevante l’apporto, anche sul piano culturale, del modello diagnostico ICF (w:International Classification of Functioning, Disability and Health dell’OMS (w:Organizzazione Mondiale della Sanità>), che considera la persona nella sua totalità, in una prospettiva bio-psico-sociale. Fondandosi sul profilo di funzionamento e sull’analisi del contesto, il modello ICF consente di individuare i Bisogni Educativi Speciali (BES) dell’alunno prescindendo da preclusive tipizzazioni. In questo senso, ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali: o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta. Va quindi potenziata la cultura dell’inclusione, e ciò anche mediante un approfondimento delle relative competenze degli insegnanti curricolari, finalizzata ad una più stretta interazione tra tutte le componenti della comunità educante." »



Facoltà di agraria Agraria Facoltà di architettura Architettura Facoltà di arte Arte Facoltà di economia Economia
Facoltà di farmacia Farmacia Facoltà di giurisprudenza Giurisprudenza Facoltà di ingegneria Ingegneria Facoltà di lettere e filosofia Lettere e filosofia
Facoltà di lingue e letterature straniere Lingue e letterature straniere Facoltà di medicina e chirurgia Medicina e chirurgia Facoltà di medicina veterianria Medicina veterinaria Facoltà di musica Musica
Facoltà di psicologia Psicologia Facoltà di scienze della comunicazione Scienze della comunicazione Facoltà di scienze della formazione Scienze della formazione Facoltà di scienza MM.FF.NN. Scienze matematiche, fisiche e naturali
Facoltà di scienze politiche Scienze politiche Facoltà di scienze strategiche Scienze strategiche Facoltà di sociologia Sociologia Facoltà di teologia Teologia