Aiuto:Approfondimento

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search

Gli approfondimenti servono a trattare in dettaglio aspetti marginali di un argomento. Possono essere testi brevi, da inserire direttamente nelle risorse, in un riquadro a parte, oppure pagine a sé stanti, distinte dalla lezione a cui si riferiscono. Va tenuto presente che anche un approfondimento deve trattare argomenti comunque adatti a Wikiversità.

Riquadro di approfondimento[modifica]

Un riquadro di approfondimento può essere creato col template {{nota}}, che genera un box nella pagina della risorsa. I parametri possono essere lasciati vuoti o compilati come segue:

{{Nota
|allineamento = destra
|larghezza = 350px
|titolo = Approfondimento: testo libero
|contenuto = testo libero
}}

In certi casi la parola «approfondimento» nel titolo può essere tralasciata.

Pagina di approfondimento[modifica]

Una pagina di approfondimento tratta un argomento che la comunità wikiversitaria considera troppo marginale per una lezione. Un criterio indicativo è che, oltre ad essere eccessivamente specifico, non sia contestualizzato. In generale si decide in base al contenuto, prescindendo dagli aspetti formali: che una risorsa sia wikificata o meno non è rilevante a questo proposito. Nel corso degli anni, gli orientamenti della comunità potrebbero mutare, sia sui criteri generali, sia su risorse specifiche; pertanto è del tutto possibile che questo tipo di decisioni vengano riviste, se si raggiunge il consenso necessario. Ecco alcuni esempi tipici di approfondimenti:

Un elenco di approfondimenti è in Letture di geografia. Altri esempi:

Titolo (namespace)[modifica]

Le pagine di approfondimento si trovano nel namespace principale, proprio come le lezioni. Questo vuol dire che nel titolo non sono ammessi i due punti.

Esempio:

Titoloapprofondimento (giusto)

non

Approfondimento:Titoloapprofondimento (sbagliato)

Inserimento del template Approfondimento[modifica]

La pagina di approfondimento si riconosce visivamente per la presenza, sulla destra, di un box color giallo-arancio, di norma coll'indicazione di lezione, materia (in mancanza, corso o al limite area) e diparimento a cui si riferisce. Si ottiene coll'inserimento del template {{approfondimento}}, che va compilato come spiegato nel manuale. Vanno evitati i parametri ridondanti (niente corso se c'è la materia, niente area se ci sono corso o materia) per evitare problemi di categorizzazione. Va inserito al di sopra del testo, ma al di sotto di eventuali template di avviso. Dal momento che gli approfondimenti sono tipicamente importati, la presenza del template {{importato}} è generalmente superflua.

Categorizzare[modifica]

Se si compila uno dei parametri "materia1=", "corso1=" o "area1=" del template {{approfondimento}}, la categorizzazione avviene in automatico e in genere è sufficiente. In generale gli approfondimenti vanno categorizzati proprio come se fossero lezioni: per argomento e per materia (mancando la materia, si possono categorizzare provvisoriamente per corso o al limite per area, e al tempo stesso disorfanarli, vedi la sezione seguente). Non c'è motivo di creare una categoria per gli approfondimenti di una specifica lezione, a meno che non siano eccezionalmente numerosi. È errato categorizzarli in Categoria:approfondimenti, che deve contenere solo sottopagine del namespace Dipartimento.

Disorfanare: creare i collegamenti in entrata[modifica]

Idealmente ogni pagina di approfondimento si riferisce a una lezione specifica (o a una sezione di questa), nella quale si inserisce il template {{vedi anche}}; tuttavia nella prassi molti approfondimenti vengono importati da altri progetti prima che sia stata scritta la lezione a cui si riferiscono. In questi casi è comunque necessario disorfanare l'approfondimento, inserendo il link allo stesso nella pagina della materia, o al limite del corso, in cui potrebbero rientrare (vedi le sezioni seguenti). È sempre opportuno, inoltre, inserire un link all'approfondimento nell'apposita sottopagina del dipartimento, o dei dipartimenti, che potrebbero avvalersene (vedi Categoria:approfondimenti), per renderlo facilmente disponibile agli utenti interessati, e categorizzarlo.

Collegamenti in entrata da una materia[modifica]

I collegamenti agli approfondimenti vanno inseriti nel template {{materia}} compilando il parametro approfondimenti. Dal momento che il parametro serve anche per elencare altre materie affini, bisogna ricordare che le pagine di approfondimento precedono le materie, cioè vanno inserite prima.
Quegli approfondimenti che si riferiscano a una lezione specifica possono invece essere inseriti compilando il parametro programma nel modo seguente:

|programma=
'''Eventuale modulo di riferimento'''
# [[lezione]]
# [[lezione]]
# [[lezione cui si riferisce l'approfondimento]] (Approfondimenti: [[approfondimento 1]], [[approfondimento 2]])
# [[lezione]]
# [[altra lezione cui si riferisce l'approfondimento]] (Approfondimento: [[approfondimento 2]])
# [[lezione]]
'''Eventuale modulo seguente'''

Come si vede dall'esempio, in questo caso gli approfondimenti vanno elencati fra parentesi senza andare a capo, per non interrompere l'elenco numerato che altrimenti ricomincerebbe da 1.

Collegamenti in entrata da un corso[modifica]

I collegamenti agli approfondimenti vanno inseriti (solo se manca la materia cui dovrebbero riferirsi) compilando il parametro specializzazione del template {{corso}}. In questo caso gli approfondimenti seguono le materie, cioè vanno inseriti dopo.

Collegamenti in entrata da un dipartimento[modifica]

Per inserire i collegamenti alle pagine di approfondimento dai dipartimenti, che sono sempre opportuni, bisogna compilare l'apposita sottopagina, del tipo Dipartimento:Nomedipartimento/Approfondimenti, che è un semplice elenco puntato (ogni collegamento è preceduto da un asterisco: *). Le sottopagine di tutti i dipartimenti sono riunite nella Categoria:Approfondimenti.

Quali risorse non sono approfondimenti[modifica]

Un approfondimento si riconosce essenzialmente dall'argomento di cui tratta, non dalla forma, dalla completezza o dalla qualità del testo. Quindi un testo anche non wikificato, anche disorganico, stilisticamente inappropriato, lacunoso e cosí via, ma che tratti un argomento non marginale di una data materia, non è un approfondimento ma è una lezione. Per approfondire, vedi Aiuto:Risorsa.

Differenza fra approfondimento e stub[modifica]

Uno stub è un abbozzo di risorsa, vistosamente incompleto (al limite di poche righe). Uno stub può anche essere un approfondimento, ma piú spesso è una lezione (questo perché la maggior parte degli approfondimenti vengono importati, non nascono su Wikiversità). Anche in questo caso dipende dall'argomento, non dal grado di completezza.

Differenza fra approfondimento e appunti[modifica]

Una pagina di appunti può essere sintetica, schematica, al limite frammentaria, ma non per questo tratta necessariamente un argomento marginale. Un buon approfondimento espone i contenuti in forma esauriente e facilmente fruibile. Al limite è pensabile che una pagina di appunti si riferisca a un approfondimento, ma è poco probabile perché si tratterebbe di nozioni eccentriche o di dettaglio, che di solito non è necessario ripassare.

Differenza fra approfondimento ed esercitazione[modifica]

Un approfondimento espone dei contenuti, non li rielabora né invita a svolgere attività: la fruizione di un approfondimento è passiva. In parole semplici, un approfondimento serve a chi lo legge, un'esercitazione serve a chi la svolge.

Differenza fra approfondimento e ricerca[modifica]

Un approfonodimento è una risorsa didattica, proprio come una lezione, solo piú specifica. Quindi deve rispettare il punto di vista neutrale ed essere verificabile; eventuali passaggi dubbi o controversi devono indicare le fonti da cui sono tratti. Visto che una ricerca deve contenere informazioni nuove, difficili da reperire altrove, normalmente un approfondimento privo dell'indicazione delle fonti non è una ricerca ma semplicemente una risorsa da verificare.