I Ruoli del Calcio

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
I Ruoli del Calcio
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Calcio
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.
Lezione precedente Materia Lezione successiva
Il Campo di Calcio Calcio Fondamentali del calcio

Nel campo di gioco si sfidano due squadre composte da 11 giocatori ciascuna, e ogni calciatore in campo ha il proprio ruolo. In generale esistono quattro reparti: porta, centrocampo, difesa, attacco.

Portiere[modifica]

Un portiere nell'atto di effettuare una parata.

Il portiere è il giocatore il cui compito è difendere la porta della propria squadra; è l'unico giocatore di una squadra a cui è consentito, nella sola area di rigore, toccare la palla con le mani o con le braccia, ad eccezione del caso di un retropassaggio volontario (effettuato con i piedi) da parte di un proprio compagno di squadra. Esempi di grandi portieri nel calcio sono: Lev Yashin (unico portiere nella storia ad aver vinto il Pallone d'Oro nel 1963), Dino Zoff (è il vincitore più anziano della Coppa del mondo, conquistata nel 1982 all'età di quarant'anni), Gianluigi Buffon (giudicato da IFFHS per 5 volte come miglior portiere dell'anno, detiene anche il record di presenze consecutive nei primi dieci classificati (17) dal 1999 al 2015, per cui considerato il miglior portiere del mondo del XXI secolo), Iker Casillas (record di miglior portiere dell'anno secondo IFFHS, 5 volte dal 2008 al 2012), Peter Schmeichel, Oliver Kahn, Manuel Neuer, José Luis Chilavert.

Difensore[modifica]

Un difensore (in bianco) affronta l'attaccante avversario (in azzurro).

Il difensore si occupa della fascia più arretrata del campo, davanti al portiere ed è schierato nei pressi della propria porta. Il suo compito è evitare che gli attaccanti avversari arrivino in prossimità della propria rete e che ci siano errori nella fase di non possesso. La zona nella quale staziona è chiamata appunto difesa. Anche il portiere è spesso definito l'estremo difensore.

In base alla sua posizione, un giocatore in difesa può essere definito:

  • Terzino, termine gergale usato solo in Italia, o laterale o esterno, destro o sinistro, che si occupa delle fasce laterali/esterne nella marcatura a zona e delle ali avversarie in caso di difesa a uomo;
  • Difensore centrale, che nella difesa a zona oggi fonde i ruoli del vecchio stopper e del vecchio libero, termini ormai non più in uso.

Terzino[modifica]

Il difensore laterale o esterno' è uno dei giocatori di calcio che difendono le fasce, o destra o sinistra. L'origine della denominazione sta nel fatto che un tempo erano denominati terzini i due giocatori che usualmente erano destinati alla terza linea, appunto quella di difesa, ma di fatto dai tempi della Piramide erano due difensori centrali, con l'avvento del modulo moderno del Metodo, in Italia e nell'Europa Centrale, a difendere le fasce sono stati abbassati i Mediani laterali del centrocampo, gli Half Back.

In Italia, che pure ha dato vita al modulo del Metodo, si è continuato a definire terzini i due difensori esterni chiamati a difendere le fasce, quando in tutto il mondo sono denominati laterali, o, appunto, esterni.

Terzino fluidificante[modifica]

Nel corso degli anni il terzino, che originariamente aveva compiti prettamente difensivi, ha iniziato a dare spinta alla manovra offensiva: è nato così il ruolo di terzino d'ala o terzino fluidificante. Il primo grande interprete fu Giacinto Facchetti, primo difensore in Italia capace di segnare 10 reti in un campionato; il ruolo fu poi degnamente ricoperto da giocatori come Antonio Cabrini fino a Paolo Maldini in tempi più recenti.

Difensore centrale[modifica]

Oggi i ruoli dello stopper e del libero sono stati riunificati dalla definizione di difensore centrale.

Stopper[modifica]

Dopo la modifica della regola del fuorigioco nel 1925, che riduceva da 3 a 2 il numero di giocatori che deve avere davanti il giocatore avversario che riceve un passaggio, al sistema di Herbert Chapman venne aggiunto un terzo difensore, che fu chiamato terzino centrale. La denominazione non ebbe comunque successo ma si affermò piuttosto il termine inglese di stopper, in quanto il centromediano del metodo veniva arretrato e destinato a marcare e fermare il centravanti avversario.

Libero[modifica]

Dagli anni '50 fu introdotto il ruolo del terzino libero, nome che fu presto soppiantato da battitore libero o più semplicemente libero, in quanto, libero da marcature fisse, interveniva in seconda battuta sugli avversari che si erano liberati dal controllo dei diretti marcatori. Il libero deve comandare assolutamente la difesa, quindi far salire e accorciare la squadra. Deve essere l'ultimo uomo a muoversi dietro.

Centrocampista[modifica]

Lo spagnolo Luis Suárez Miramontes, il primo centrocampista a vincere il Pallone d'oro (1960)

Il centrocampista è il giocatore che agisce nella zona centrale del campo, il centrocampo appunto, a metà tra difesa e attacco con la funzione di filtro e costruzione del gioco. A causa della grande quantità di campo che tale giocatore deve ricoprire, esistono più posizioni per questo ruolo; l'evoluzione del calcio ha portato alla necessità di completezza da parte di ogni centrocampista.

I centrocampisti possono essere:

  • Esterno, Interno e Centrale,
  • Il mediano è un termine gergale che indica il centrocampista Centrale, generalmente con un'accezione difensiva. Un esempio di mediano/centrocampista centrale è De Rossi.
  • Il regista non è un ruolo ma l'attitudine che può avere un centrocampista centrale o un centrocampista interno, è il giocatore che organizza il gioco, il fulcro della squadra. Le sue caratteristiche sono l'intelligenza tattica, la visione nei gioco e la precisione nei passaggi e nei lanci. Esempi di regista sono: Andrea Pirlo e Luka Modric.
  • Il centrocampista esterno o laterale opera sulle due fasce esterne del campo, quella destra o quella sinistra, a metà tra un'ala e un vecchio fluidificante. Spesso è dotato tecnicamente e può creare superiorità numerica saltando l'uomo: per questo ruolo sono necessarie buone capacità fisiche, oltre all'abilità nei cross e nel fornire assist.
  • Le ali sono una definizione gergale che ha origine con il modulo della Piramide ma che di fatto va ad indicare un attaccante esterno e non un centrocampista. Ma nel moderno 4-4-2 i centrocampisti esterni sono spesso definiti come Ali pur non essendo attaccanti di ruolo.
  • Gli interni o mezze ali sono i centrocampisti più completi, attaccano e difendono la profondità del campo e possono anche avere spiccata l'attitudine alla regia. Possono essere autentici attaccanti aggiunti in grado di raggiungere la doppia cifra di gol nell'arco di un campionato.
  • Il trequartista agisce, come dice la definizione stessa, nella zona della trequarti campo, a ridosso dell'area di rigore avversaria e si muove tra le linee, dietro le punte. Questa posizione è caratterizzata, specialmente nel calcio moderno, da scarso atletismo e grande intelligenza tattica oltre a buone capacità tecniche. I trequartisti sono spesso abili nel servire assist e nel battere i calci piazzati.Esempi di trequartista, o fantasista, sono Diego Maradona, Roberto Baggio, Zinédine Zidane, Francesco Totti.

Attaccante[modifica]

Un attaccante di calcio mentre si appresta a tirare in porta

L'attaccante è il calciatore cui compete realizzare i gol per la sua squadra, "attaccando" appunto gli avversari. Gli attaccanti, detti anche punte, si posizionano in prima linea (antica denominazione della linea offensiva). Esistono diversi tipi di attaccante:

  • Centravanti (anche prima punta, punta centrale o centrattacco): il terminale offensivo di una squadra, il classico uomo gol. Il centravanti deve sapersi muovere bene in area, resistere agli interventi dei difensori avversari e spedire il pallone in rete. Nel calcio moderno la prima punta si muove il più delle volte in orizzontale e lavora spesso spalle alla porta. Un centravanti di questo tipo è forte fisicamente in modo da resistere ai contrasti con i difensori e è in grado di colpire efficacemente di testa, sia per concludere verso la porta avversaria che per servire i compagni. Esistono anche centravanti meno dotati dal punto di vista fisico, ma capaci di segnare con opportunismo e in grado di liberarsi dalla marcatura dei difensori grazie alla rapidità nel voltarsi e all'abilità nel prendere il tempo all'avversario, smarcandosi con efficacia.
  • Seconda punta, è l'attaccante di supporto al centravanti. Di solito ha un fisico meno atletico del centravanti e delle doti di maggiore rapidità e abilità di palleggio nello stretto; può agire alle spalle della prima punta o al suo fianco. Le sue caratteristiche sono velocità, controllo di palla e abilità tecnica, e ha spesso il compito di fornire assist ai compagni (al centravanti o a un centrocampista inseritosi in zona d'attacco).
  • Mezzapunta (o anche trequartista), il giocatore che costituisce un raccordo tra centrocampo ed attacco. Egli si occupa sia della costruzione del gioco sia della rifinitura e/o della finalizzazione (come una punta): è sovente abile nel mettere i compagni in condizione di segnare. Può, talvolta, essere accomunato alla seconda punta.
  • Ala, destra o sinistra, è l'attaccante esterno che partendo dalle fasce cerca il fondo per il cross, o si accentra per concludere egli stesso; è spesso un giocatore dal fisico non atletico, ma è veloce, bravo nei dribbling e nei cross. Il ruolo dell'ala ha subito diverse modifiche: inizialmente, nei primi moduli della storia del calcio, l'ala era un attaccante esterno, il cui principale compito era effettuare dei cross per il centravanti. Quando i moduli si fecero più difensivi, ai compiti dell'ala s'aggiunse la copertura della propria fascia di competenza: pertanto, nel ruolo vengono schierati giocatori dalle caratteristiche meno offensive, spesso dei centrocampisti. L'introduzione del modulo 4-4-2 ridefinì la posizione delle ali, che da attaccanti divennero dei centrocampisti esterni.

Esempi di centravanti sono: Robert Lewandowski, Fernando Llorente, Luis Suárez, Radamel Falcao, Mario Mandžukić, Edinson Cavani, Gonzalo Higuaín, Mauro Icardi, Ciro Immobile

Esempi di seconda punta o mezzapunta sono: Carlos Tévez, Jérémy Ménez, Sergio Agüero, Paulo Dybala.

Esempi di ala (destra o sinistra) sono: Cristiano Ronaldo, Lionel Messi, Gareth Bale, Neymar Jr., Eden Hazard.