Breve storia del calcio

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Breve storia del calcio
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Calcio
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.
Il portiere: ultimo baluardo a difesa della porta

La patria del calcio moderno è l'Inghilterra, e in particolare, i college inglesi, i quali si ispirarono al calcio fiorentino che veniva praticato a Firenze, in Italia, nel periodo medievale. Nasce come sport d'elite: erano i giovani delle scuole più ricche e delle università a giocare al football. Le classi erano sempre composte da dieci alunni, e a questi si aggiungeva il maestro che giocava sempre insieme a loro. Ecco spiegato perché si gioca in 11. Il capitano di una squadra di calcio è una sorta di discendente del maestro della public school.

Nel 1848, all'Università di Cambridge, H. de Winton e J.C. Thring, proposero, e ottennero, di fare una riunione con altri 12 rappresentanti di Eton, Harrow, Rugby, Winchester e Shrewsbury. L'incontro fiume (durò 8 ore) produsse un importante risultato: vennero stilate le prime basilari regole del calcio.

Queste regole posero fine al dubbio che riguardava la parte del corpo con la quale colpire la palla: con le mani, con i piedi o entrambi indifferentemente? Le cosiddette regole di Cambridge favorivano chiaramente il gioco con i piedi e permettevano il gioco con le mani solo nel momento in cui era necessario catturare un pallone chiaramente indirizzato in porta, come un calcio di punizione.

Queste regole furono adottate da tutti eccetto che dall'Università di Rugby, i cui rappresentanti erano chiaramente a favore di un gioco più fisico e che consentisse di toccare il pallone anche con le mani. Si produsse così lo scisma che portò alla nascita del rugby, sport che prende il nome dall'Università che l'ha sviluppato.

Il 26 ottobre 1863 a Londra venne fondata la Football Association, prima federazione calcistica nazionale, nel 1886 le Federazioni britanniche diedero origine all' International Football Association Board, con il compito di sovraintendere al regolamento, ed infine nel 1888 si tenne il primo campionato inglese, secondo la formula tuttora in vigore.

Il calcio intanto si espandeva a macchia d'olio: in Inghilterra ben presto divenne lo sport per eccellenza della working class e non solo delle elite. Questo nuovo sport, divertente, semplice e stancante era l'ideale per sfogarsi dopo una settimana lavorativa.

Dall'Inghilterra il calcio venne esportato in tutta Europa ad opera di emigrati di ritorno dall'Inghilterra (che furono tra i primi a conoscere il football) o su iniziativa degli stessi inglesi che si trovavano all'estero.

Il fenomeno ormai era di dimensioni intercontinentali, era necessario adattare le istituzioni calcistiche e chiarire in maniera più dettagliata le regole. In questi anni infatti, erano svariate le interpretazioni del gioco del calcio. Finalmente, anche a questo scopo, nel 1904 a Parigi, si costituì la Federation Internationale de Football Association (FIFA), cui si affiliarono le varie Federazioni nazionali Il Presidente Julies Rimet il più famoso, che diede vita ai primi campionati mondiali di calcio, competizione che mette contro le Nazionali di tutti i paesi del mondo, disputatisi in Uruguay e vinti dai padroni di casa.