Adele Moroder

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
Approfondimento




Adele Moroder de Lenert è nata il 17 dicembre 1887 presso il Casa Lenert a Ortisei. lei era una dei 14 figli di Franz Moroder de Jan Matie e sorella di Franz Moroder da Costa. Si è sposata con il suo scultore e parente Ludwig Moroder e aveva cinque figli. Uno dei suoi figli era Alex Moroder Rusina (1923 - 2006) . Quando il marito è morto e i bambini ora erano sposati, ha cominciato a scrivere. Adele Moroder pubblicato antiche tradizioni e storie nella rivista Laden e nel Calendario de Gherdëina. Ha lasciato circa 70 racconti popolari, da che anche per le trasmissioni radiofoniche della RAI. È morta il 11 febbraio 1966 a Ortisei

Copertina per il libro di racconti di Adele Moroder - disegno di Egon Rusina

È stata una narratrice e scrittrice in lingua ladina. Pubblicò vecchi racconti e leggende in lingua ladina nel giornale “Nos Ladins” e nell'almanacco gardenese “Calender de Gherdeina”. Sono conosciuti 70 suoi racconti che leggeva anche nelle trasmissioni in lingua ladina della Rai di Bolzano.[1]

Vita dei nonni (info file)
Adele Moroder racconta in ladino la vita dei nonni Vinzanz Moroder e Moidl dl Pech sul maso Scurcià

Note[modifica]

  1. Archivio Radio Ladin Alex Moroder presso la Mediateca: catalogo on-line di documenti audiovisivi della storia contemporanea dell'Alto Adige

Pubblicazioni[modifica]

  • Calender de Gherdeina. Union di Ladins de Gherdeina, Ortisei Anno 1959/pag. 68; anno 1962/pag. 42; anno 1963/pagg. 37, 53, 62; anno 1964/pagg. 2-26, 54; anno 1965/pagg. 81; anno 1966/pagg. 41, 97, 98 (in ladino).
  • Stories de Anda Adele Moroder de Lenèrt. Con 7 Illustrationi di Egon Moroder Rusina. Editore: Union di Ladins de Gherdeina, Ortisei 1990 (in ladino).
  • Archivio Radio Ladin de Gherdeina. Museo della Val Gardena, Ortisei.

Collegamenti esterni[modifica]

Immagini e testi in ladino

Bibliografia[modifica]