Seconda declinazione latina

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Seconda declinazione latina
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Grammatica latina
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 25%.

In questa lezione verrà presentata la seconda declinazione che comprende sostantivi maschili, femminili e neutri. È opportuno svolgere tutti gli esercizi finali per verificare il proprio apprendimento.

Hanno uguale uscita:

  • (-i) genitivo singolare (maschile e neutro), nominativo plurale (maschile) e accusativo plurale (maschile);
  • (-um) accusativo singolare (maschile), nominativo-accusativo-vocativo singolare (neutro);
  • (-o) dativo e ablativo singolare (maschile e neutro);
  • (-is) dativo e ablativo plurale (maschile e neutro);
  • (-a) nominativo, accusativo e vocativo plurale (neutro).

Dunque, è facile confondersi; in ogni caso la costruzione della frase aiuta ad evitare gli errori.

Terminazioni
Modello: sostantivi maschili e femminili

Caso Singolare Plurale
Nominativo -us, -er -i
Genitivo -i -orum
Dativo -o -is
Accusativo -um -os
Vocativo -e, -er -i
Ablativo -o -is

Sostantivi maschili e femminili[modifica]

La seconda declinazione comprende tre gruppi di sostantivi con tema in (la vocale tematica si è fusa con la desinenza).

Il primo gruppo è formato da sostantivi maschili e femminili in -us.

  • Oculus domini sagīnat equum. Ovidio = L'occhio del padrone ingrassa il cavallo.

Il secondo gruppo è formato da sostantivi in -er (anticamente uscivano in -ro-s).