Polis

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Polis
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Storia greca
Lezione precedente Materia Lezione successiva
Materia:Storia greca Storia greca Sparta ed Atene
Città del Mediterraneo dall'VIII al VI secolo. Evidenziate in rosso le città greche, in giallo quelle fenicie. Le poleis greche erano presenti in tutto l'Egeo e nello Ionio, e avevano fondato colonie indipendenti anche lungo le coste del Mediterraneo occidentale.

La storia della Grecia non è la storia di uno Stato unitario, ma la storia di tante città. I Greci infatti vissero organizzati in piccoli Stati, formati da un centro cittadino, dai villaggi rurali (demi) e dalle campagne circostanti.

Ognuno di questi stati, chiamato "πόλις" (Polis, cioè "città"), era geloso della sua indipendenza.

La città vera e propria era formata di due parti: la città alta, detta Acropoli, in genere su un colle facile a difendersi, dove si trovano i templi più importanti degli dèi e la sede del governo; la città bassa, detta "άστυ" (astu), dove viveva la popolazione.

Al centro della città bassa si trova l'agorà, cioè la pubblica piazza, il luogo dove i cittadini si incontrano per le discussioni politiche o per scambi commerciali. Fuori della città si stende la campagna, disseminata di villaggi (demi). Certo la città vera e propria è il cuore dello Stato, ma è la campagna che le fornisce i prodotti alimentari necessari alla sua vita.

Sono cittadini della Polis, sia quelli che vivono nella città vera e propria, sia gli abitanti dei villaggi rurali.