Max Tosi

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
Approfondimento



Max (Massimo) Tosi è nato il 1 ° marzo 1913 a Villanova Marchesana Provincia di Rovigo Sua madre Telene Canella (Canell-Tosi) era Friulana; suo padre Luigi è venuto dal Veneto. Fin da piccolo Max Tosi aveva trascorso l'estate con sua madre in Val Gardena, così ben presto imparò il ladino gardenese. Già a 15 anni ha scritto la sua prima poesia in lingua ladina (Ansciuda inviërnela). Ha studiato dal 1934 Lettere e Filosofia presso l'Università Cattolica Sacro Cuore di Milano. Ha poi insegnato in diverse scuole superiori a Bressanone, Bolzano e in alcune città italiane. In fine è vissuto a Merano, dove ha insegnato fino alla sua morte a Maia Alta

Durante gli anni della guerra è stato per un certo tempo nel SOD (steward Alto Adige) a Bolzano. Dopo la seconda guerra mondiale fu Tosi uno dei primi promotori dell'identità ladina. Il 4 novembre 1945 ha fondato con alcuni ladina a Merano l'Unione di Ladins Culturela un Maran, che ha cercato di prendere piede in Val Gardena. Innamorato della cultura ladina lo si vede impegnarsi personalmente nella distribuzione, vestito con l'abbigliamento tradizionale, della rivista da lui edita Popul Ladin Già il 4 aprile 1946, ha progettato la RAI Sender Bozen, la prima trasmissione radio in lingua Ladina Tosi è morto il 10 novembre 1988 presso l'ospedale di Martin Brunn a Merano. Tosi ha pubblicato numerosi testi sotto gli pseudonimi Forfesc e Marmul.


Opere[modifica]

  • Max Tosi: S. 16 La Ciantia dla Ladinia in 30 cianties per Gherdëina. Herausgeber Union di Ladins de Gherdëina. Edizions Carrara Bergamo 1955. (in ladino)
  • Ciofes da Mont. Union di Ladins de Gherdeina. St. Ulrich in Gröden 1975. (in ladino)
  • La mpermetuda, in: “Ladinia”, V, 1981, S. 305–308. (in ladino)
  • Sul lim de Val Müstair, in: “Ladinia”, VI, 1982, S. 262–263. (in ladino)
  • Vìjites via per la nuet, in: “Ladinia”, VIII, 1984, S. 172–177. (in ladino, traduzione in italiano din Walter Belardi)

Bibliografia[modifica]

  • Frida Piazza. Max Tosi, poet ladin. Ai monc dla patria. Danterëures. Spiedl de nosc tëmps, in: “Ladinia”, I, 1977, S 195–200. (in ladino)
  • Walter Belardi. Max Tosi poeta ladino (Studi gardenesi XII), in «Archivio Alto Adige», 79 (1985), S. 6-33.
  • Walter Belardi. Narrativa Gardenese. Max Tosi. Università La Sapienza Roma - Union di Ladins de Gherdeina Urtijei 1988. S. 271-289. (in ladino)
  • cm (Christian Moroder). Prof. Max Tosi. Calender de Gherdeina 1989. Union di Ladins de Gherdeina. St. Ulrich in Gröden. S. 58-60. (in ladino con dati anagrafici errati)
  • Walter Belardi. Max Tosi. Profilo storico-politico della lingua e della letteratura ladina dolomitica (Studi ladini XIX), ediz. “Il Calamo”, Roma 1994. S. 70.
  • Chiocchetti Nadia: Nosta Jent. Persones y personalités dla Ladinia. Union Generela di Ladins dles Dolomites. Fotolito Longo (manca l'anno), testi in ladino, italiano e tedesco, ISBN 88-901703-4-4. Pagg. 144-146 e 265-266.
  • Rut Bernardi Paul Videsott Geschichte der ladinischen Literatur p. 635.

Max Tosi ie nasciù dl 1913 da familia furlana a Villanova Marchesana (RO) y ie ruvà per gaujes de lëur a abité a Maran.

Si oma, la maestra Telene Canell, ti à dat inant n gran amor per i lingac y davia che I univa ai frësc te Gherdëina via per l instà, à Max Tosi mparà l ladin de Gherdëina, che ël ratova si vëir lingaz dl' ana. Bele cun chindesc ani scrijovel si prima cumposizion lirica per ladin "Ansciuda inviërnela".


L à studià leteratura y lingac a Milan y daldò al nsenià materies letereres a Maran, ulache l à metù su cun la professëura Tresl Gruber la "Union Culturela di Ladins a Maran" dl 1945. L ie nce stat l prim che se à cruzià che l vënie fat trasmiscions tl radio per ladin. Dl 1946 al dat ora la revista ladina "Popul ladin", che ël nstës spartiva ora persunalmënter ma che ne à nia vivù giut ala longia.


Tres si culaburazion cun Frida Piazza, Malia Obletter y Alex Moroder se al dat ju dassën cun la vita culturela y leterera ladina, ma l à nce messé patì truepa incomprenscions da pert de cërta persones de Gherdëina.


Si sëula edizion de liriches y stories curtes ie unida publicheda dl 1975 cun l titul "Ciofes da Mont". Cun gran savëi lirich y sensibeltà artistica iel stat n model per generazions de scritëures ladins. N possa bën dì che si produzion leterera ie stata chëla che à inaugurà la leteratura ladina nueva do la segonda gran viera. N pert ie si stil unì influenzà dai simbolisc' franzëusc che l cunesciova drët bën. Tosi à nce purtà pro a arichì l lingaz ladin cun criazions lessicales nueves, n pert tëutes dal rumantsch, n pert dal franzëus.


Purtruep al vivù scialdi da sëul y dalonc da si Ladinia che l amova tan dassën a Maran, ulache l ie mort dl 1988.