Materia:Religioni del mondo classico

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
Crystal Clear action view bottom.png
Crystal Clear app kedit.svg
Questa materia è incompleta
Tutti i contributi sono ben accetti perché sono state scritte poche lezioni di questa materia (o nessuna). Se vuoi contribuire è consigliato (ma non obbligatorio) prendere visione della pagina del Dipartimento che si occupa dello sviluppo delle lezioni di tuo interesse.


Argomento "materia" non riconosciuto. Per vedere le categorie esistenti fai clic su "►":

 

Religioni del mondo classico

Gnome-fs-directory.svg Tutte le lezioni in ordine alfabetico

Nuvola kdict glass.pngArea di Lettere e filosofia

P religion world.svg ex area di Teologia (accorpata a Lettere)
Questa materia fa parte dei seguenti corsi:
Corso di Archeologia
Corso di Lingue e letterature classiche

Questa materia è curata dagli utenti del
Dipartimento: Studi umanistici

Cartella arancione.jpg
Crystal Clear filesystem desktop.png
Presentazione
Le religioni riferibili a questo ambito appartengono alle civiltà greca e romana.

Le religioni del mondo classico erano, quantomeno nei loro aspetti di culti cittadini, per la maggior parte politeiste: credevano cioè a più dèi ognuno dei quali presiedeva a una "potenza" (ad esempio Ares/Mars era il dio della potenza dello scontro fisico nel combattimento, mentre Zeus/Iupiter rappresentava, tra le altre, la potenza della regalità divina).

I Greci, anche se erano divisi in tante πόλεις, città stato indipendenti, erano consapevoli di formare una cultura unitaria, infatti condividevano culti simili e simili racconti cosmogonici e mitologici. L'arte greca, così come quella romana, rappresentava i propri dèi in forma antropomorfa, in quanto ritenuta la più adeguata per essi.

I Romani, pur possedendo dei propri miti fondativi, a partire dal VII/VIII secolo a.C., e grazie alla mediazione degli Etruschi, assorbirono la mitologia dei Greci.

Gli dèi greci così come quelli romani, almeno per quanto attiene i miti raccontati ad esempio da Omero ed Esiodo, potevano operare anche il male per realizzare la propria volontà esigendo dagli uomini la loro sottomissione.

Accanto ai culti, ai racconti cosmogonici e mitologici dei poeti e dei cantori, e all'arte religiosa, fin dalle origini della cultura classica si collocano le riflessioni teologiche dei filosofi, i quali consideravano i miti delle allegorie quando non palesemente falsi o ridicoli.

Nel corso dei secoli, nell'ambito del mondo classico, si diffondono anche le religioni dette "misteriche" con una diversa (quando non contrapposta) valutazione del divino e dell'umano rispetto ai più diffusi culti e miti propri della religione cittadina.

Cartella arancione.jpg
Crystal Clear app kwrite.png
Programma
Cartella arancione.jpg
Crystal Clear app clean.png
Verifiche d'apprendimento

È possibile, e fortemente consigliato, integrare le lezioni e valutare la propria preparazione attraverso queste esercitazioni. È possibile verificare la conoscenza di un argomento specifico o dell'intero programma.

Questa materia al momento non prevede verifiche d'apprendimento.

Cartella arancione.jpg
Nuvola apps bookcase.svg
Risorse

La Biblioteca del Dipartimento di Studi umanistici contiene risorse utili per approfondire. Se vuoi, aggiungi tu altre risorse.