Utente:Galessandroni

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
Babel utente
it-N Questo utente può contribuire con un livello madrelingua in italiano.
en-3 This user has advanced knowledge of English.
es-1 Este usuario tiene un conocimiento básico del español.
pt-1 Este utilizador tem um nível básico de português.
Utenti per lingua

Ciao a tutti!

Sono Giacomo, insegno Telecomunicazioni e Tecnologie Informatiche all'ITIS "Enrico Mattei" di Urbino.

Con i miei alunni, ho creato il progetto Maestri di coding dove facciamo attività di... STEM (il coding è soltanto una scusa, non usiamo praticamente mai il computer) con i bimbi delle elementari: loro imparano, i miei alunni imparano a esprimersi con un linguaggio non tecnico. E in più sorrisi a non finire, insomma: vincono tutti!

Nel 2019, se non ci fosse stata l'apocalisse zombie, il progetto avrebbe cambiato nome in sei diciannovesimi da leggersi in forma di frazione , ma anche come intervallo di età: i miei alunni si sarebbero recati nelle scuole medie, e i ragazzini delle scuole medie avrebbero replicato le attività proposte nelle scuole elementari. Purtroppo abbiamo fatto solo un'attività delle sei programmate.

Per i feticisti che - per ragioni a noi sconosciute - volessero ascoltare il suono della mia voce (sempre insieme ai miei alunni) ho realizzato una web-radio che abbiamo chiamato High Voltage Experiments, disponibile nelle peggiori piattaforme web del pianeta, da Spotify (o Spuffi, come lo pronuncia mia moglie) in giù.

Link utili[modifica]

Prova {{Agenda 2030}}[modifica]

Agenda ONU 2030
SDG LOGO nonUN-IT slogan
6
Obiettivo 6: Garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie

Acqua accessibile e pulita è un aspetto essenziale del mondo in cui vogliamo vivere. Il nostro pianeta possiede sufficiente acqua potabile per raggiungere questo obiettivo. Ma a causa di infrastrutture scadenti o cattiva gestione economica, ogni anno milioni di persone, di cui la gran parte bambini, muoiono per malattie dovute ad approvvigionamento d’acqua, servizi sanitari e livelli d’igiene inadeguati.

La carenza e la scarsa qualità dell’acqua, assieme a sistemi sanitari inadeguati, hanno un impatto negativo sulla sicurezza alimentare, sulle scelta dei mezzi di sostentamento e sulle opportunità di istruzione per le famiglie povere di tutto il mondo. La siccità colpisce alcuni dei paesi più poveri del mondo, aggravando fame e malnutrizione.

Entro il 2050 è probabile che almeno una persona su quattro sia colpita da carenza duratura o ricorrente di acqua potabile.

Fatti e cifre
Dal 1990 a oggi 2,6 miliardi persone in più hanno avuto accesso a migliori risorse di acqua potabile, ma ancora 663 milioni di persone ne sono sprovviste.
Almeno 1,8 miliardi di persone a livello globale utilizzano fonti di acqua potabile contaminate da escrementi.
Tra il 1990 e il 2015, la proporzione di popolazione mondiale che utilizza migliori fonti di acqua potabile è salita dal 76 al 91%.
Tuttavia, la scarsità d’acqua colpisce più del 40% della popolazione globale, una percentuale di cui si prevede un aumento. Oltre 1,7 miliardi di persone vivono in bacini fluviali dove l’utilizzo d’acqua eccede la sua rigenerazione.
2,4 miliardi di persone non hanno accesso a servizi igienici di base come WC o latrine.
Più dell’80% delle acque di scarico prodotte da attività umane è scaricato in fiumi o mari senza sistemi di depurazione.
Ogni giorno, circa 1000 bambini muoiono a causa di malattie diarroiche prevenibili legate all’acqua e all’igiene.
L’energia idrica è la più importante e più utilizzata fonte di energia rinnovabile; nel 2011, essa ha rappresentato il 16% della produzione elettrica totale mondiale.
Circa il 70% dell’acqua estratta da fiumi, laghi e acquedotti è usata per l’irrigazione.
Inondazioni e altre calamità legate all’acqua sono responsabili del 70% dei decessi dovuti a disastri naturali.
Traguardi
6.1 Ottenere entro il 2030 l’accesso universale ed equo all’acqua potabile che sia sicura ed economica per tutti.
6.2 Ottenere entro il 2030 l’accesso ad impianti sanitari e igienici adeguati ed equi per tutti e porre fine alla defecazione all’aperto, prestando particolare attenzione ai bisogni di donne e bambine e a chi si trova in situazioni di vulnerabilità.
6.3 Migliorare entro il 2030 la qualità dell’acqua eliminando le discariche, riducendo l’inquinamento e il rilascio di prodotti chimici e scorie pericolose, dimezzando la quantità di acque reflue non trattate e aumentando considerevolmente il riciclaggio e il reimpiego sicuro a livello globale.
6.4 Aumentare considerevolmente entro il 2030 l’efficienza nell’utilizzo dell’acqua in ogni settore e garantire approvvigionamenti e forniture sostenibili di acqua potabile, per affrontare la carenza idrica e ridurre in modo sostanzioso il numero di persone che ne subisce le conseguenze.
6.5 Implementare entro il 2030 una gestione delle risorse idriche integrata a tutti i livelli, anche tramite la cooperazione transfrontaliera, in modo appropriato.
6.6 Proteggere e risanare entro il 2030 gli ecosistemi legati all’acqua, comprese le montagne, le foreste, le paludi, i fiumi, le falde acquifere e i laghi.
6.a Espandere entro il 2030 la cooperazione internazionale e il supporto per creare attività e programmi legati all’acqua e agli impianti igienici nei paesi in via di sviluppo, compresa la raccolta d’acqua, la desalinizzazione, l’efficienza idrica, il trattamento delle acque reflue e le tecnologie di riciclaggio e reimpiego.
6.b Supportare e rafforzare la partecipazione delle comunità locali nel miglioramento della gestione dell’acqua e degli impianti igienici.