Tirteo (superiori)

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Tirteo (superiori)
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Letteratura greca per le superiori 1
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 50%.


Tirteo (in greco antico Τυρταῖος, Tyrtâios) è stato un poeta greco antico.

Vita[modifica]

Vissuto nel VII secolo a.C., periodo in cui Sparta era in guerra contro i Messeni, era probabilmente originario di Sparta, anche se esistono due tradizioni che affermano diversamente:

  • secondo una era originario di Mileto per l'uso del dialetto ionico
  • secondo l'altro era proveniente da Atene. Secondo Licugo gli Spartani, essendo in conflitto con i Messeni, chiesero consigli all'oracolo di Apollo delfico il quale suggerì di chiedere un comandante da Atene. Gli Ateniesi decisero di lasciare a loro Tirteo, poiché era zoppo.

Come già accennato, l'ipotesi più accreditata è quella dell'origine spartana. Egli utilizzava il dialetto ionico perché era la lingua dell'elegia. L'origine ateniese, invece, sarà stata inventata per attribuire questo grande poeta la patria ateniese.

Opere[modifica]

I filologi alessandrini riordinarono i suoi scritti in cinque libri, tra cui "Esortazioni", "Buon governo" e "Canti di marcia". Delle sue opere rimangono 220 versi, molti dei quali frammenti papiracei illeggibili.

Note[modifica]