Teatro del Novecento (superiori)

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Teatro del Novecento (superiori)
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Letteratura italiana per le superiori 3
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 25%.

Nel dopoguerra il teatro mantiene una continuità con la produzione dell'epoca precedente. Perde tuttavia di importanza la figura dello scrittore che compone testi teatrali per affidarli a una compagnia: nella drammaturgia del Novecento, l'autore è un uomo di teatro in senso ampio, spesso un attore, che elabora da sé i copioni per gli spettacoli e nella maggior parte dei casi ne cura anche la regia.[1]

In questo scenario si distinguono le opere di autori come Ugo Betti e Diego Fabbri, che nella forma simbolica del processo e dell'indagine affrontano tematiche morali. Importanti sono anche le esperienze drammaturgiche di alcuni scrittori di cui si è già parlato: in questo caso si possono citare Vitaliano Brancati, Ennio Flaiano, Alberto Moravia, Leonardo Sciascia, Pier Paolo Pasolini.[2] Degne di nota sono infine le personalità di Eduardo De Filippo e Dario Fo, Premio Nobel per la letteratura nel 1997.

Note[modifica]

  1. Guido Baldi, Silvia Giusso, Mario Razetti, Giuseppe Zaccaria, Moduli di storia della letteratura. La poesia, la saggistica e la letteratura drammatica del Novecento, Torino, Paravia, 2002, p. 189.
  2. Giulio Ferroni, Profilo storico della letteratura italiana, Torino, Einaudi, 1992, p. 1062.