Reperti del passato

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Reperti del passato
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Storia per la scuola media 1




Ma come facciamo a sapere che sono esistite tutte queste persone? Solo perché ce lo dicono i nostri genitori e i nostri insegnanti?

No. Crediamo all'esistenza degli uomini del passato perché nella loro vita queste persone hanno lasciato molte tracce della loro esistenza, e queste tracce si possono spiegare solamente con il fatto che tali persone sono realmente esistite.

Per esempio, se arriviamo su una spiaggia deserta e vediamo delle impronte di piedi nella sabbia bagnata, capiamo che non più di poche ore prima qualche persona ha camminato a piedi nudi su quella spiaggia. Infatti, le impronte non possono essersi fatte da sole; e se qualcuno avesse camminato lì solamente il giorno prima, le impronte sarebbero svanite per effetto della marea; e se fosse passato un cane o una persona con le scarpe, le impronte avrebbero una forma diversa.

Solo i piedi di un uomo passato poco prima possono aver lasciato tali impronte.

Analogamente, noi possiamo vedere molte prove dell'esistenza degli uomini del passato: le costruzioni (case, templi, fortezze, monumenti); gli oggetti per uso casalingo, lavorativo o militare (anfore, piatti, coltelli, spade); i disegni e le scritte su muri o su lapidi; le ossa di uomini morti; i documenti scritti (rotoli,libriVK, fogli sciolti, tavolette di argilla). Tali oggetti antichi sono detti reperti, che significa cose trovate.

Per esempio, in un museo ci sono dei fogli di carta in cui sta scritto un importante trattato politico; e questo ci dovrebbe dimostrare che tale trattato è stato veramente firmato dai capi di stato citati nel trattato.

Altri progetti[modifica]

Altri progetti