Muscoli della regione toracica

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Muscoli della regione toracica
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Anatomia umana

Muscoli estrinseci[modifica]

Grande pettorale[modifica]

Origina dai 2/3 mediali del margine anteriore della clavicola, dall'emifaccia anteriore dello sterno e dalle prime 6 cartilagini costali. Le fibre convergono in una lamina piatta e resistente e terminano in un tendine che si va ad inserire sul labbro laterale del solco bicipitale
E' innervato dal nervo omonimo, collaterale del plesso brachiale.
Adduce ed intraruota l'omero.

Piccolo pettorale[modifica]

Origina dall'apice del coracoide: la sua lamina decorre verso il basso per aprirsi poi in tre penne che si inseriscono all'apice esterno della 3a, 4a e 5a costa.
E' innervato dal nervo omonimo, collaterale del plesso brachiale.
Abbassa, intraruota ed abduce la spalla, ed eleva le coste.

Dentato anteriore (o grande dentato)[modifica]

Origina dal margine vertebrale interno della scapola: le sue fibre si allargano anteriormente ricoprendo la gabbia toracica e dividendosi in penne che si agganciano alla faccia anteriore delle prime 10 coste.
Innervato dal nervo toracico lungo, collaterale del plesso brachiale.
Eleva le coste, abduce ed extraruota la scapola.

Diaframma[modifica]

E' una vasta lamina con concavità inferiore, che suddivide il torace dall'addome. La parte centrale è formata da un plateu aponevrotico che prede il nome di centro frenico. Presenta tre diverse sedi di inserzione:

  • Inserzione costale: aderisce alla faccia interna delle ultime 5 coste.
  • Inserzione sternale: piccole fibre si legano al processo xifoideo.
  • Inserzione lombare: attuata tramite i pilastri mediale (le fibre si legano al corpo di L2-L4 a destra, L2-L3 a sinistra), intermedio (fibre che raggiungono il corpo di L3 ed il sovrastante disco intervertebrale) e laterale (2 arcate fibrose che si inseriscono sul processo costiforme di L2 e alla 12a costa).

E' innervato dal nervo frenico, ramo terminale del plesso cervicale.
Il suo ruolo è quello di elevare le ultime coste, diminuendo così la pressione intratoracica (facendo affluire l'aria ai polmoni) ed aumentando quella addominale.