Mazdeismo cristiano

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Mazdeismo cristiano
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Zoroastrismo




Nell'ultimo decennio del Novecento, richiamandosi alla visione dell'Accademia neoplatonica di Marsilio Ficino (1433-1499), agli studi compiuti dalla scuola storico-religiosa tedesca nell'Ottocento e alle riflessioni di Piero Martinetti (1872-1943), due esponenti della Chiesa Universalista (Joseph L. Gentili e Michele Moramarco) riproposero dalle colonne del Brooklyn Universalist Christian il tema dei nessi tra il messaggio di Zarathushtra (Zoroastro) e quello di Gesù.

Da tale ricerca ha preso corpo una teologia mazdeo-cristiana, esposta nei volumi di M. Moramarco "La celeste dottrina noachita" (1994), "Il Mazdeismo universale" (2010) e "I Magi Eterni. Tra Zarathushtra e Gesù", scritto con Graziano Moramarco (2012), e si sono formati cenacoli di mazdei cristiani.

Negli Stati Uniti d'America, Ken R. Vincent - ministro di culto, studioso di NDE (Near Death Experiences, esperienze di pre-morte) e redattore del periodico Universalist Herald - ha fornito un valido apporto all'incontro tra Mazdeismo e Cristianesimo con le opere "The Magi. From Zoroaster to the Three Wise Men" (1999) e "The Golden Thread. God's Promise of Universal Salvation" (2005).

I mazdei cristiani ritengono che il miglior modo di comprendere e testimoniare la fede cristiana sia quello di radicarla, oltre che nelle correnti elohista e profetica di Israele, nelle idee zoroastriane sulla natura di Dio e sullo stato conflittuale del cosmo; a sua volta il Mazdeismo troverebbe compimento nella missione di Gesù e nelle visioni dualiste presenti in altre tradizioni spirituali (platonismo, manicheismo, mandeismo ecc.). A sostegno delle loro tesi, i mazdei cristiani citano, tra numerose altre fonti, la storia evangelica dei Magi (Mt.2, 1-12), gli evidenti influssi mazdei sull'ebraismo post-esilico e sulla letteratura infra-testamentaria (Libri di Enoch, Salmi e Regola di Guerra degli esseni, ecc.), i richiami alle ascendenze zoroastriane della rivelazione cristiana in alcuni Vangeli dell'Infanzia (arabo-siriaco, armeno) e nel "Libro dell'Ape" del vescovo nestoriano Solomon di Basra (XIII sec.).

Il 18 ottobre 2003, Moramarco riceveva il navjote mazdeo, ovvero l'iniziazione alla fede di Zarathushtra, da un mobed (sacerdote, dal persiano antico magupat) discendente dei "magi" iraniani migrati in India a partire dal VII sec. per sfuggire all'islamizzazione dell'Iran. Questo passo abilitò il cercatore italiano - già sostenitore di una prospettiva pan-cristiana, alimentata dalla comunione con Quaccheri, Unitariani, General Baptists, Anglicani (Broad Church), Universalisti - a procedere nell'opera di raccordo - reale e dunque legittimo, anche se velato dalla storia religiosa ufficiale - tra il culto di giustizia e bontà proposto da Zarathushtra e l'anelito al Regno di Dio, "in spirito e verità" (Gv. 4, 23), di Gesù.

Nella storia cristiana degli ultimi secoli, pensatori come Andrew Michael Ramsay (1686-1743), Louis-Claude de Saint-Martin (1743-1803), Wilfred Monod (1867-1943) e Clive Staples Lewis (1898-1963) hanno attestato la pregnanza dottrinale del "dualismo" zoroastriano.

I mazdei cristiani insistono tanto sugli aspetti esistenziali (l'angoscia, la scelta, il rapporto personale con Dio, ecc.), quanto su quelli essenziali (la metafisica della Luce e della Parola, presenti sia nelle Gatha - inni - di Zarathushtra, sia nel Vangelo secondo Giovanni) che apparentano in modo inequivocabile le due vicende spirituali.

Intensa, nei quadri spirituali, della Fraternità Mazdea Cristiana, la venerazione della Madre Divina: chiamata Armaiti nel Mazdeismo, si rivela entro lo stato umano, in modo esemplare, nella Beata Vergine Maria della tradizione cristiana.

Bibliografia essenziale

M. Moramarco, La celeste dottrina noachita (Ce.S.A.S, Reggio E. 1994) M. Moramarco, Il Mazdeismo Universale. Una chiave esoterica alla dottrina di Zarathushtra (Bastogi, Foggia 2010) M. Moramarco - G. Moramarco, I Magi Eterni. Tra Zarathushtra e Gesù (Om Edizioni, Bologna 2013) K.R. Vincent, The Magi. From Zoroaster to the "Three Wise Men (Bibal Press, North Richland Hills, Texas, 1999) K.R. Vincent, The Golden Thread. God's Promise of Universal Salvation (Universe, Lincoln, NE, 2005)

Collegamenti esterni[modifica]