Le Istituzioni Religiose della Monarchia Romana

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Le Istituzioni Religiose della Monarchia Romana
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Diritto romano
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.


A Roma, durante il Periodo Monarchico, esistevano varie Istituzioni Religiose di cui i Collegi più importanti erano:

  • Il Collegio degli Auguri: Che erano nel numero di quattro auspici per la Nomina del Rex (Innauguratio) con il Volo degli Uccelli.
  • Il Collegio Poncificale: Presieduto dal Pontifex Maximus che Festo vede come l'arbitro di tutte le cose divine e umane (Custodisce il Diritto Antica Mores Maiorum cioè Collegio che custodisce e da il Più Antico Diritto). Il Pontefice deriva, probabilmente, questo nome dall'essere stato, almeno nella Roma più Arcaica, colui che creava i ponti sul Tevere (Pontefice = Pontem + Facere cioè "Costruire i Ponti") per poi essere stata figurativamente visto come "Colui Che Costruisce Ponti Tra Cittadini e Dei". I Pontefici erano detentori del Calendario (Infatti conosceva le Fasi Lunari e il Cammino Luminoso così da poter indicare i giorni Fasti e Nefasti cioè rispettivamente se si possa o meno agire in giudizio in quel giorno) e realizzavano gli Annales Pontificum (Dove venivano segnati gli eventi più importanti per conservarne la memoria). Inoltre, come detto, erano i Custodi Mores Maiorum (Cioè indicavano le Azioni per Potere Agire in Giudizio). Fino al 312 a.C. (Plebiscito Ovinio) è composto da Soli Patrizi. Il Diritto lo interpretavano secondo il Potere in Favore dei Patrizi. I Pontefici manterrano questa Funzione di Detentori del Diritto anche Dopo le Dodici Tavole. La loro funzione era quella dell' Interpretatio Iuris e avevano come attività il Respondere (Cioè dare Responsum cioè Responsi su Casi Giuridici in base ai Mores Maiorum), Cavere (Cioè adattare un Negozio Giuridico ad un Caso Concreto che lo necessità) e l' Agere (Cioè dare un' Actio o Schema Giuridico a chi lo chiede per stare in un Processo).