La musica classica

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
La musica classica
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Storia della musica
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.

Nella storia della musica, la musica classica propriamente detta, anche periodo classico, epoca classica, classicismo musicale o classicismo in musica, è la musica composta fra il barocco e il romanticismo, ovvero nella seconda metà del Settecento, con appendice nella prima parte dell'Ottocento, fino agli anni immediatamente successivi al Congresso di Vienna.

Il polo del movimento classicista è in particolare Vienna (tanto che si parla di Classicismo viennese o Wiener Klassik), città dove operavano Franz Joseph Haydn, Wolfgang Amadeus Mozart, e Ludwig van Beethoven, i tre più grandi protagonisti della stagione classicista.

Caratteristiche[modifica]

La stagione del Classicismo musicale si colloca circa tra il 1760 e il 1830 e presenta caratteri analoghi a quelli del neoclassicismo nelle arti figurative, quali la ricerca della linearità e il gusto delle simmetrie.

L'estetica del classicismo è caratterizzata da una forte razionalizzazione del discorso, dal tentativo di istituire un equilibrio tra le parti della composizione e dall'adozione di regole rigorose. Il tipico esempio è l'introduzione dello schema formale noto come forma-sonata, particolare struttura basata sulla dialettica tra due temi e articolata in tre parti (da qui il nome bitematica tripartita): esposizione, sviluppo e ripresa.

In questo periodo si afferma l'opera lirica:

  • l'opera seria raffigurava principalmente la storia antica e la mitologia.
  • l'opera buffa rappresenta scene di vita quotidiana in cui si prendevano in giro i nobili e i loro privilegi. Nell'opera buffa il personaggio, oltre a saper cantare, doveva anche saper recitare.

È durante il Classicismo che si afferma l'orchestra sinfonica modernamente intesa. Inoltre il clavicembalo è progressivamente sostituito dal pianoforte, in cui il controllo delle dinamiche consente una maggiore resa espressiva.

Protagonisti[modifica]

Oltre ai tre grandi protagonisti di quest'epoca (Haydn, Mozart e Beethoven, sopra citati), anche questi furono strettamente legati alla musica e furono protagonisti dell'epoca classica. Essi furono: Giovanni Paisiello, Carl Philipp Emanuel Bach, Christoph Willibald Gluck, Luigi Boccherini, Johann Baptist Vanhal, Michael Haydn, Carl Ditters von Dittersdorf, Joseph Martin Kraus, Giuseppe Sarti, Andrea Luca Luchesi, Carl Stamitz, Hyacinthe Jadin, Luigi Cherubini, Antonio Salieri.