James Matthew Barrie

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
Icona
Attenzione, questa pagina è stata importata da uno degli altri progetti di Wikimedia, pertanto non risponde in modo esatto alle esigenze e alla formattazione di questo progetto. Il testo necessita, quindi, di essere adeguato e formattato secondo le linee guida di Wikiversità.
lezione
James Matthew Barrie
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Classici della letteratura per ragazzi




È ricordato principalmente per aver creato il personaggio di Peter Pan, il "ragazzo che non voleva crescere".

Biografia[modifica]

Originario della regione dell'Agnus, da una famiglia calvinista. Suo padre David Barrie era un tessitore di modesto successo. Sua madre Margaret Ogilvy Barrie aveva assunto le responsabilità della sua defunta madre all'età di 8 anni. Barrie era l'ottavo figlio su nove (due dei quali morti prima della sua nascita), ed era un bambino fisicamente molto piccolo e gracile (caratteristiche che mantenne anche da adulto), che cercava di attirare su di sé le attenzioni dei fratelli raccontando storie.

Quando Barrie aveva sei anni, il fratello maggiore David (il preferito di sua madre) morì, il giorno prima del suo 14º compleanno, in un incidente mentre pattinava sul ghiaccio. La tragedia lasciò sua madre devastata, e Barrie cercò di prendere il posto di David nelle attenzioni di sua madre, indossando anche i vestiti del fratello e fischiettando nel modo in cui lo faceva lui.[1] Nonostante ci siano prove del contrario, si è molto speculato sul fatto che il trauma possa essere stato la causa della sua apparente asessualità.[2] In ogni caso, Barrie e sua madre usavano trascorrere il tempo insieme leggendo classici della letteratura come Robinson Crusoe and The Pilgrim's Progress.

All'età di 8 anni, Barrie fu mandato alla Accademia di Glasgow (Glasgow Academy), assieme ai suoi congiunti Alexander e Mary Ann; proseguì poi i suoi studi alla Forfar Academy. A tredici anni, lasciò definitivamente la sua casa per studiare all'Accademia di Dumfries (Dumfries Academy), quindi all'Edinburgh University'. Iniziò la carriera di giornalista a Nottingam; quindi si trasferì a Londra, dove intraprese la carriera di scrittore.

I suoi primi due romanzi furono pubblicati a Kirriemuir con lo pseudonimo di Thrums. Scrisse quindi una serie di testi teatrali, tra cui si ricordano Quality Street, What Every Woman Knows e The Admirable Crichton. Nel 1893 scrisse anche il libretto di un'opera lirica comica, Jane Annie, che chiese di revisionare e completare all'amico Arthur Conan DoyleArthur Conan Doyle.

La creazione del personaggio di Peter Pan ebbe un'articolazione abbastanza complessa. In effetti, quello che è stato definito il principe dei folletti comparve per la prima volta nel 1902 in alcuni capitoli del romanzo The Little White Bird (L'uccellino bianco), ispirato a Barrie da un gruppo di ragazzini conosciuti durante le passeggiate assieme al proprio cane San Bernardo attraverso i viali dei giardini londinesi di Kensington. L'amicizia - spesso discussa e talvolta al centro di acri malignità, con accuse neppure troppo velate di pederastia - con i cinque figli della vedova Llewellyn-Davies (uno dei quali si chiamava, appunto, Peter come il futuro protagonista di tante avventure), sarebbe risultata fondamentale. Il legame tra lo scrittore, che era peraltro già sposato, con la famiglia, divenne poi talmente saldo che, alla morte di lei, lo scrittore si sarebbe fatto carico dei cinque ragazzini.

Il debutto sulle scene teatrali di Peter Pan - considerato anche la data ufficiale della nascita del mito di Peter Pan - avvenne due anni dopo, nel 1904, mentre nel 1906, a seguito del successo della commedia, furono ristampati i capitoli del romanzo The Little White Bird in cui appariva la figura di Peter Pan, isolandoli dal contesto e rinominandoli col titolo (Peter Pan in Kensington Gardens) Nel 1911, venne pubblicato il romanzo Peter e Wendy, basato sull'opera teatrale del 1904.

Barrie morì nel 1937 e il suo corpo è stato sepolto a Kirriemuir, vicino ai genitori, alla sorella e al fratello David.

La sua vita, e in particolare le vicende che lo hanno portato alla frequentazione della famiglia Llewellyn-Davies e a scrivere il suo capolavoro Peter Pan, sono state portate sullo schermo cinematografico nel film di Marc Forster del 2004 Neverland - Un sogno per la vita, con Johnny Depp nel ruolo dello scrittore.

Opere[modifica]

Barrie intento a giocare in un parco con Michael Llewelyn Davies

Elenco completo delle opere teatrali di Sir James Matthew Barrie, ricavato dal The Plays of J. M. Barrie - Hodder & Stoughton - Londra e pubblicato sul numero 147-148 del mensile Il Dramma, diretto da Lucio Ridenti, nell'anno 1952.

  • Becky Sharp - 1891
  • Ibsen's Ghost - 1891Perdsv
  • Richard Savage - 1891
  • Walker, London - 1892
  • Iane Anne - 1893
  • The Professor's Love Story - 1894
  • The Little Minister - 1897
  • The Wedding Guest - 1900
  • Quality Street - 1902
  • The Admirable Crichton - 1902
  • Little Mary - 1903
  • Peter Pan - 1904
  • Pantaloon - 1905
  • Alice Sit by the Fire - 1905
  • Josephine - 1906
  • Punch - 1906
  • What Every Woman Knows - 1908
  • Old Friends - 1910
  • The Twelve Pound Look - 1910
  • A Slice of Life - 1910
  • Rosalind - 1912
  • La statua di Peter Pan nei giardini di Kensington a Londra
  • The Will - 1913
  • The Adored One - 1913
  • Half an Hour - 1913
  • The Dramatics Get what they Want - 1913
  • Der Tag - 1914
  • The New Word - 1915
  • Rosy Rapture Pride of the Beauty Chorusv - 1915
  • A Kiss for Cinderella - 1916
  • Seven Women - 1917
  • The Old Lady Shows Her Medal - 1917
  • Dear Dangers - 1920
  • Mary Rose - 1920
  • Shall We Join the Ladies? - 1921
  • Barbara's Wedding - 1927
  • The Boy David - 1936

Bibliografia[modifica]

Note[modifica]

  1. Birkin, Andrew: J. M. Barrie & the Lost Boys (Contables, 1979; revised edition, Yale University Press, 2003)
  2. Why Zebras Don't Get Ulcers by Robert M. Sapolsky (1994) ISBN 978-0-8050-7369-0

Altri progetti[modifica]

Categoria: Classici della letteratura per ragazzi