Introduzione al diritto ecclesiastico

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Introduzione al diritto ecclesiastico
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Diritto ecclesiastico





Il Diritto ecclesiastico è quel settore dell'ordinamento giuridico dello stato che riguarda il fattore religioso.

È il complesso delle norme, emanate dallo Stato in materia ecclesiastica, che regola i rapporti fra lo Stato e le confessioni religiose.
Va quindi distinto dal diritto canonico - complesso delle norme dettate dalla Chiesa Cattolica, che regolano i rapporti umani e sociali tra i suoi membri e in particolare del clero - e da tutti gli altri ordinamenti confessionali, anch'essi giuridicamente strutturati, che pure producono diritto.

Le norme di Diritto Ecclesiastico non costituiscono un corpo organico, ma sono sparse in tutti i settori nei quali si articola il nostro ordinamento giuridico, potendosene rinvenire oltre che nella costituzione, nel Codice civile, nelle Leggi Amministrative e Finanziarie, come in quelle concernenti il Diritto del lavoro e il Diritto Commerciale. Norme, queste, unilaterali.

Vi è anche una legislazione che ha radici in atti bilaterali, le cui norme rimangono estranee all'ordinamento fintantoché non assumono vigore al suo interno o con Leggi di Esecuzione o con Leggi di Approvazione nelle quali si sostanzia l'impegno che lo Stato ha assunto con le singole confessioni tramite le intese. Questa disciplina è anche detta Diritto Concordatario in quanto il sistema pattizio si rivela fondamentale nella relazione tra la Chiesa Cattolica e gl ordinamenti civili che nei secoli si sono succeduti (imperi, regni, ordinamenti giuridici statali).