Il carsismo (superiori)

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Il carsismo (superiori)
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Scienze naturali per le superiori 5
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.

La reazione chimica che causa il carsismo[modifica]

L'acqua piovana può essere resa leggermente acida dall'anidride carbonica atmosferica che si discioglie in essa. Si forma così l'acido carbonico, rappresentato dalla seguente formula: H2O + CO2H2CO3. In questo modo l'acqua riesce a dissolvere le rocce insolubili, soprattutto quelle calcaree.

L'azione di disgregazione dei calcari per opera di acque ricche di acido carbonico da origine ai fenomeni carsici (il carsismo).

Forme di erosione[modifica]

Le "vaschette"

L'azione dell'acqua leggermente acida varia nel tempo. Prima si manifesta al di sotto della superficie, sotto lo strato erboso o boscoso, nelle rocce più in superficie; poi, con il passare del tempo l'acqua inizia a sciogliere le rocce più in profondità.

Nei paesaggi carsici si possono trovare i campi carreggiati, le doline, gli inghiottitoi, le foibe, le polja, i pozzi e gli abissi verticali.

Karren[modifica]

La forma più superficiale di erosione carsica è rappresentata da una serie di fitte scanalature e “vaschette” di piccole dimensioni. Queste forme di erosione sono chiamate campi carreggiati o karren, sono zone calcaree che presentano numerosi solchi, più o meno paralleli e con profondità variabile da pochi centimetri a qualche metro, separati da creste, arrotondate o aguzze e taglienti; si originano per scorrimento e dissoluzione operata dalle acque meteoriche sulla superficie di rocce calcaree.

Campi carreggiati
Le doline

Doline[modifica]

La dolina è una depressione caratteristica delle zone calcaree a forma di imbuto, larga da pochi metri a qualche centinaio di metri e profonda fino a 30 m. Può sembrare come una buca, più o meno grande, a volte ricorda le buche causate da un bombardamento. Una dolina può formarsi per il crollo del tetto di una grotta oppure per la lenta dissoluzione delle rocce sottostanti la superficie, lungo le fessure presenti.

Se il fondo delle doline è riempito d'argilla, il terreno è impermeabile, e quando piove, l'acqua piovana si accumula formando dei piccoli laghi; se invece filtra in profondità, si formano gli inghiottitoi. Quando l’inghiottitoio è una profonda voragine a pozzo, la dolina è chiamata foiba. Le foibe sono dei grandi inghiottitoi della regione carsica e dell'Istria.

Le polja sono ampie depressioni pianeggianti con il fondo coperto di terra rossa percorse talvolta da un modesto corso d’acqua che scompare in un inghiottitoio.

Grotte e pozzi[modifica]

Spesso le fratture vengono allargate dall'azione di dissoluzione determinando pozzi e abissi verticali. I pozzi sono cavità sviluppate in senso verticale.

Le grotte (antri o caverne) hanno uno sviluppo per lo più orizzontale. A volte le grotte si formano per la progressiva compenetrazione dei singoli pozzi in espansione.

Forme di deposito[modifica]

All'interno delle grotte, l'anidride carbonica disciolta nelle acque può liberarsi: perciò, il bicarbonato disciolto nelle acque si trasforma in carbonato di calcio, che precipita in una forma amorfa, detta alabastro, e origina così diverse strutture di calcite:

Stalattite[modifica]

L'acqua entra nelle grotte, il bicarbonato di calcio evapora sul soffitto e pian piano, goccia dopo goccia, si vanno a formare delle colonne che pendono dalla volta della grotta, di lunghezza variabile da pochi centimetri a diversi metri che vengono chiamate stalattiti;

Stalagmite[modifica]

L'acqua che gocciola sul pavimento della grotta può formare una struttura che dal basso si sviluppa verso l'alto, detta stalagmite.

Colonna[modifica]

Le colonne che si formano per incontro del prolungamento verso il basso delle stalattiti e crescita verso l'alto delle stalagmiti. I tempi di formazione sia delle stalattiti sia delle stalagmiti sono lunghissimi, si parla infatti di centinaia di anni, ma soprattutto di migliaia perché si formino le colonne.