Vai al contenuto

I principali trend evolutivi del settore agricolo

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
lezione
lezione
I principali trend evolutivi del settore agricolo
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Economia e politica agroalimentare: le politiche UE

L’agricoltura non è più l’unico soggetto fondamentale della produzione agro alimentare, questo poteva essere vero negli anni ’50, oggi non è più vero. Il funzionamento delle imprese agricole dipende sempre di più dalle relazioni con i soggetti a monte e a valle. Il meccanismo della filiera è un meccanismo molto integrato.

1970 1980 1990 2000 2014
Agricoltura (AGR)
VA AGR/VA tot. (%) 8.1% 5.9% 3.3% 2.4% 2.2%
Occupanti AGR/Occupanti tot. (%) 20.1% 13.4% 7.5% 4.6% 3.7%
Industria alimentare (IA)
VA IA/VA tot. (%) 3.8% 2.8% 2.6% 2.7% 1.8%
VA IA/VA industria (%) 11.6% 8.5% 9.1% 10.4% 11.4%
Occupati IA/Occupati tot. (%) 2.2% 2.2% 2.2% 2.1% 1.8%
Occupanti IA/Occupanti industria (%) 7.8% 7.4% 8.4% 9.2% 11.2%
VA AGR/VA (AGR+IA) (%) 68.3% 67.9% 56.4% 47.5% 55.0%
Consumi alimentari (CA)
CA/Consumi tot. (%) 36.7% 27.8% 20.3% 16.2% 18.5%
VA (AGR+IA)/CA (%) 49.5% 47.6% 44.7% 44.6% 31.2%

L’agricoltura ha un peso sempre meno importante nell’economia complessiva (2% del PIL). Quindi è un settore che si sta restringendo ma che acquisisce importanza perché è fortemente integrato con i settori a monte e a valle. Altri aspetti importanti da evidenziare è il fatto che il peso del valore della materia prima sul prodotto finale è sempre meno importante (VA AGR/VA (AGR + IA)): il peso dell’industria alimentare sale e il peso della trasformazione cresce sempre di più. Il contenuto in servizio dei prodotti è un trend in crescita. La distribuzione del valore aggiunto tende a favorire i soggetti a valle della filiera. Oggi non siamo più di fronte all’esigenza dell’autosufficienza alimentare, perché vi è l’importazione. Se un paese che non è specializzato nella produzione di un certo alimento, lo acquista dall’estero al posto di produrlo internamente questo può generare dei vantaggi per i produttori.

Le politiche dei prezzi e dei mercati[modifica]

Le politiche dei prezzi e dei mercati sono stati il cuore della PAC fino agli anni ’90. Fare politica agricola fino agli anni ’90 ha voluto dire incidere sui prezzi dei prodotti agroalimentari e quindi intervenire sul funzionamento dei mercati. Questa politica dei prezzi e dei mercati è stata concepita come naturale applicazione degli obiettivi del Trattato di Roma. Nei primi anni di applicazione della politica agricola, le politiche dei 6 paesi membri sono state adeguate a questo modello, ma soprattutto mentre i paesi aderenti all’UE armonizzavano le politiche di sostegno al settore agricolo, liberalizzavano il commercio interno abbattendo le barriere interne. Questo è un processo che continua ancora oggi perché l’UE continua ad allargarsi. La gradualità era necessaria per il processo di abbattimento delle barriere doganali tra gli SM.