I completamenti della frase latina (superiori)

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
I completamenti della frase latina (superiori)
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Grammatica latina per le superiori 2
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.

Il Predicato e il Soggetto forniscono le informazioni indispensabili di una frase, ma non bastano. Servono spesso delle informazioni aggiuntive: queste informazioni "completano" appunto il messaggio. Tali completamenti assumono diverse vesti, quali i "Complementi" (espressi nei sei casi: Nominativo, Genitivo, Dativo, Accusativo, Vocativo e Ablativo), le "Reggenze" (cioè costrutti specifici di determinati verbi), gli "Attributi" e le "Apposizioni". Tutti questi elementi morfosintattici servono a trasmettere un'informazione più precisa.

I Casi in latino hanno una funzione morfosintattica e semantica di vitale importanza. Essi infatti attraverso le desinenze (che incidono nell'aspetto morfologico della parola) creano collegamenti tra parole stabilendo nessi logici tra esse (aspetto sintattico) e indirizzando chi legge verso una grande area di significato (aspetto semantico). Si suole dividere i casi in due categoria:

  • I Casi Diretti: Nominativo, Accusativo e Vocativo.
  • I Casi Indiretti: Genitivo, Dativo e Ablativo.

I Casi non sono un fenomeno esclusivamente latino. Esistono ad esempio anche in greco e sono usati per declinare nomi, aggettivi e pronomi.

L'Apposizione[modifica]

L' Apposizione è costituita da un sostantivo che determina un altro sostantivo, a cui si pone accanto (apposizione significa appunto "porre accanto"). Esempio Lentulum consulem Marcellus collega et plerique magistratus consecuti sunt (Caes.) ===> "Marcello, il collega, e la maggior parte dei magistrati seguirono il console Lentulo".

Essa si pone accanto ad un nome per determinarne un particolare, per fornire un'informazione necessaria. In italiano essa può essere introdotta da vari elementi (da, come, in qualità di). Se l'apposizione è costituita da un sostantivo più un attributo o un complemento essa è detta composta, altrimenti è un'apposizione semplice. In latino essa concorda nel caso col nome a cui è riferita. Il sostantivo usato come apposizione infatti ha un suo genere e un suo numero. Per esempio urbs Athenae, "la città di Atene".

L'Attributo[modifica]

L' Attributo è un aggettivo che si aggiunge a un sostantivo per determinare un particolare aspetto. L'attributo concorda sempre in genere, numero e caso col nome a cui si riferisce. In caso di più nomi, di solito, si concorda con quello più vicino. Gli aggettivi, come i verbi e i sostantivi, possono creare dei costrutti legando a sé altre parole che non necessariamente in latino vanno espresse in un determinato caso, mentre in italiano vengono introdotte da una preposizione. Aggettivo e complemento rappresentano un gruppo unito, semanticamente coerente e coeso. Per quanto riguarda la dipendenza si può individuare quale complemento "dipenda" da un determinato aggettivo. Le principali costruzioni sintattiche legate a degli aggettivi interessano tre casi: genitivo, dativo e ablativo. Esempio: "Tu sei simile a tuo padre" in latino ugualmente sarà Tu es similis patri tuo (Concorda tutto al Dativo).