Giurgiulena

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
Giurgiulena
Giurgule s.jpg
Giurgiulèna
Dettagli lezione
MateriaDolci (Cucina e alimentazione)
AvanzamentoAvanzamento lezione completa al 100%
Dettagli ricetta
Difficoltà3o5dots.svg Normale
Tempo di preparazione1 giorno
Ingredientisemi di sesamo, mandorle, miele, zucchero
Origini
Altri nomigiuggiulena, cubàita
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniSicilia
Calabria
Dettagli
Ingredienti principalisemi di sesamo, mandorle, miele, zucchero
 

La Giurgiulèna (chiamata anche Giuggiulena, o Cubàita in Sicilia occidentale) è un tipico dolce di Natale, in uso nella cucina siciliana (inserito tra i Prodotti agroalimentari tradizionali siciliani) e in gran parte della Calabria.

Informazioni Generali[modifica]

L'ingrediente principale è il sesamo, che in siciliano e in calabrese è indicato appunto con i termine giuggiulena, gigiolena, giuggiulea o ciciulena. La ricetta si basa sulla composizione di semi di sesamo versati nel miele e fissati dalla caramellizzazione degli zuccheri (in una versione arricchita si aggiungono anche mandorle e scorzette di arancia candite), a modo di torroncino.

Richiede una preparazione molto lunga, con un riposo di ventiquattr'ore. La giuggiulena viene in genere tagliata a rombi o rettangoli, a volte cosparsa con confetti colorati e presentata in porzioni individuali, a volte anche su aromatiche foglie di arancio. Come per molti altri dolci siciliani, anche la giuggiulena è un'eredità della pasticceria araba: in arabo il termine ǧulǧulān/ǧulǧalān significa, infatti, "seme di coriandolo o di sesamo".

Ricetta[modifica]

Ingredienti[modifica]

  • 300 gr di sesamo.
  • 50 gr di miele.
  • 100 gr di zucchero.
  • Un limone.

Preparazione[modifica]

  1. Versare tutto dentro una pentola, mettere su una fiamma bassa e mescolare continuamente fino a quando il sesamo comincerà a brillare (cioè quando gli zuccheri saranno caramellati), mentre in cucina si diffonderà un caratteristico profumo di sesamo caramellato.
  2. A questo punto versare il composto su una spianatoia bagnata (preferibilmente di marmo), e spianare la massa con le mani bagnate o un limone (che dà un lievissimo profumo di agrumi al dolce e permette di non bruciarsi le mani).
  3. Se la si vuole rendere più appetibile (soprattutto agli occhi dei bambini) cospargerla con dei confettini colorati, e tagliare subito (prima che indurisca) a strisce e poi a rombi, lasciare asciugare per un giorno e sistemare il tutto in porzioni individuali.

Video Ricetta[modifica]

Di seguito si fornisce il link ad una Video Ricetta presente su YouTube inerenti la Ricetta oggetto di Lezione:

Altri progetti[modifica]