Dermonautica

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Dermonautica
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Dermatologia e venereologia
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 25%.


Che cos'è la Dermonautica[modifica]

La Dermonautica è un segmento della dermatologia. Si tratta di una modalità di ricerca sul campo, specificatamente in mare, delle problematiche da iper-esposizione solare. La necessità di creare una disciplina specifica nasce dalla particolarità dell'ambiente nautico e dalla particolare aggressività degli agenti atmosferici nell'ambiente marino.

Danni provacati dal sole sulla cute[modifica]

Il danno provocato alla cute dall'esposizione cronica alle radazioni solari è di natura cumulativa e pressoché irreversibile soprattutto in quei soggetti che sono molto esposti al sole per motivi professionali, sportivi e/o di leisure come i marinai, i velisti, i pescatori e quanti vivono il mare come passione. L'esposizione prolungata al sole e senza la giuste protezioni può comportare il rischio di patologie tumorali della pelle, sia in riferimento alle lesioni melanocitarie (melanoma e suoi precursori), sia alle lesioni non melanocitarie (epiteliomi o carcinomi baso e spino-cellulari, carcinomi intraepidermici o in situ e delle precancerosi).

Protezione solare: effetti positivi e negativi[modifica]

Uno dei temi più attinenti alla Dermonautica riguarda la protezione solare, fondamentale per prevenire danni a breve ( eritema , foto-dermatite ) e lungo termine (invecchiamento cutaneo precoce, cancro della pelle). La materia è complessa e controversa: il sole esercita anche effetti benefici sulla pelle: psicologici,metabolici , addirittura terapeutici. La sintesi fotoindotta di vitamina D rappresenta l'esempio più eclatante del ruolo fondamentale dell'azione del sole sulla pelle, anche ai fini degli insostituibili effetti extraossei della vitamina D sui quali negli ultimi anni si stanno accumulando importantissime scoperte. Dagli inizi del ventunesimo secolo vi è un allarmante riscontro di una generale tendenza alla riduzione dei livelli di vitamina D nel sangue della popolazione mondiale, che spinge l'interesse sulla possibilità di utilizzare la fotoesposizione quale fonte naturale e gratuita della vitamina D, riducendo però al minimo il rischio fotocarcinogenetico. Oltre alla valutazione dermatologica da iper-esposizione solare, la Dermonautica studia i parametri cutanei durante la navigazione e dopo le immersioni. (fonte: Scripta Medica Dermatologica, anno 14 - n. 1/2011, pagg. 39-40)