Cenni di matematica finanziaria

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search

Se avessimo bisogno di soldi una delle possibilità di procurarceli è quella di chiedere un prestito. Chi ci presta i soldi però vuole essere in qualche modo ripagato e, generalmente, il prezzo pagato cresce nel tempo. Per dare una forma matematica a questa operazione finanziaria utilizziamo tre valori:

  • C il capitale, la somma richiesta, e si spera, ricevuta in prestito
  • M il montante la somma che il prestatore vuole di ritorno che cresce al passare del tempo
  • I l'interesse che è la differenza tra il capitale e il montante, anche questo valore aumenta più passa il tempo

E' piuttosto evidente che l'interesse I rappresenta di fatto il costo del prestito, se dovessimo confrontare due possibilità di avere in prestito del danaro, considerando lo stesso tempo trascorso, minore sarà l'interesse (I) e più conveniente è il prestito.

Dopo aver ottenuto un prestito e passato un determinato periodo di tempo la cifra da restituire (M)


è pari al montante (M) che si ottiene sommando il capitale (C) con l'interesse (I).

Ma come si calcola l'interesse?

Capitalizzazione semplice[modifica]