Basi di chimica (superiori)

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Basi di chimica (superiori)
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Scienze naturali per le superiori 5
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.

Gli atomi tendono a legarsi per raggiungere la situazione di ottetto, ossia di otto elettroni nell'orbitale più esterno. Un legame chimico è una forza di attrazione di tipo elettrico capace di tenere uniti gli atomi e quindi di dare origine alla sostanza.

Ci sono diversi tipi di legami chimici, che variano a seconda della loro elettronegatività, ossia la forza con cui atomo riesce ad attrarre gli elettroni responsabili del legame chimico (detti elettroni di valenza).

Tipologia[modifica]

  • Legame ionico: è quella forza di attrazione che tiene uniti gli ioni di segno opposto che si sono formati durante il trasferimento di elettroni da un atomo all'altro. La nube elettronica porta alla formazione di due ioni con struttura elettronica di ottetto. L'atomo più elettronegativo diventa uno ione negativo mentre l'atomo meno elettronegativo, cedendo gli elettroni di valenza per raggiungere la situazione di ottetto, diventa uno ione positivo; la forza che si instaura tra i due ioni è molte forte. Gli ioni tendono a disporsi nello spazio in modo cristallino, formando dei solidi. La differenza di elettronegatività è pari o superiore a 1,8.
  • Legame omopolare: capacità degli atomi, che partecipano al legame, di attrarre gli elettroni di valenza e la nube elettronica con la stessa forza. La nube elettronica è ugualmente condivisa mediamente nel tempo tra gli atomi. La differenza di elettronegatività è 0,4.
  • Legame eteropolare: gli elettroni di valenza stanno la maggior parte del tempo su un atomo, formando un dipolo cioè la carica degli elettroni è distribuita in modo asimmetrico tra gli atomi. Lo stato di aggregazione di questo legame è liquido e la differenza di elettronegatività è compresa tra 0,4 e 1,8.
  • Legame dativo: uno dei due elementi mete a disposizione due elettroni, l'altro un orbitale vuoto. Si crea per evitare un'espansione di ottetto. So2; SO3
Numero di ossidazione Desinenza
1 ipo...-oso
3 -oso
5 -ico
7 per...-ico

Nota: il numero di ossidazione indica il numero degli elettroni di valenza a disposizione.

Composti[modifica]

Composti binari[modifica]

Composti ternari[modifica]

Idrossido di calcio: