Architettura dell'elaboratore

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Architettura dell'elaboratore
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Fondamenti di informatica


Introduzione[modifica]

Esula dallo scopo di questo corso una descrizione dettagliata dell'architettura dell'elaboratore, ma è utile fare una brevissima introduzione. Un elaboratore nella forma originariamente descritta da Von Neumann è composto da due elementi principali, l'unità di elaborazione (CPU) e la memoria principale (RAM), con la CPU che preleva dalla memoria principale le istruzioni ed i dati da elaborare e salva sulla stessa i risultati.

Facendo una semplificazione che non fa certamente onore alla complessità di questo elemento, la CPU è una lunga catena di circuiti logici che riceve in ingresso dei segnali elettrici e sulla base di questi modifica i segnali all'uscita.

Architettura dell'Elaboratore (prima parte)[modifica]

Cenni di insiemistica[modifica]

Operazioni logiche[modifica]

I circuiti logici[modifica]

La rappresentazione dei circuiti logici e loro minimizzazione[modifica]

Semplici circuiti logici[modifica]

Architettura dell'Elaboratore (seconda parte)[modifica]

L'elaboratore come macchine virtuali multilivello[modifica]

Livello zero[modifica]

Livello Uno[modifica]

Livello Due[modifica]

Livello Tre[modifica]

Livello Quattro[modifica]

Livello Cinque[modifica]

Livello Sei[modifica]

Livello sette[modifica]

Storia dell'evoluzione dell'architettura del calcolatore elettronico[modifica]

Architettura odierna di un calcolatore elettronico[modifica]