Wikiversità:Politica di protezione delle pagine

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search

Gli amministratori hanno un'abilitazione che consente loro di "proteggere" le pagine, facendo sì che queste non possano essere modificate, o le immagini, in maniera tale che non possano essere sovrascritte, ad eccezione degli altri amministratori. Tali funzioni aggiuntive del software devono essere utilizzate solo in alcune circostanze, dal momento che limitano il normale utilizzo di Wikiversità.

Indicazioni per l'utilizzo[modifica]

Una protezione semi-permanente viene utilizzata per:

  • Proteggere pagine ad alta visibilità, quale ad esempio la Pagina principale, dai vandalismi.
  • Mantenere l'integrità del logo.
  • Mantenere l'integrità del copyright e delle pagine di licenza.
  • Mantenere l'integrità dei comunicati stampa pregressi.
  • Proteggere alcune pagine riservate all'"amministrazione del sistema".
  • Proteggere i testi di sistema del namespace MediaWiki.
  • Proteggere le pagine utente e le relative sottopagine che sono soggette a vandalismi reiterati.

Una protezione temporanea viene utilizzata per:

  • Imporre un periodo di riflessione per fermare una "edit war".
  • Proteggere una pagina o un'immagine che è stata recentemente oggetto di persistenti vandalismi o persistenti edit da un utente bloccato o bannato.
  • Prevenire modifiche ad una pagina mentre si identifica un errore legato al software MediaWiki.
  • Prevenire modifiche su una pagina molto trafficata, ad esempio durante la manutenzione, la suddivisione in sottopagine o voci secondarie, operazioni di archiviazione del contenuto e l'eliminazione di una violazione di copyright dalla cronologia.

La protezione di una pagina in una sua specifica versione non indica che c'è un supporto per quella particolare versione, non ha quindi senso insistere nel chiedere di ripristinare l'una o l'altra tra le precedenti versioni.

Le pagine di discussione e le pagine di discussione utente non devono essere protette se non in rari casi.

Nell'ipotesi che una pagina abbia una certa importanza, ad esempio perché è collegata dalla pagina principale, o recensita da un sito esterno, essa potrebbe diventare oggetto di vandalismi. È preferibile non proteggerla in questo caso, piuttosto considerare di aggiungerla ai propri osservati speciali ed effettuare il rollback degli eventuali vandalismi.

Modalità di utilizzo[modifica]

  1. Non modificare o effettuare un rollback su una pagina temporaneamente protetta, tranne che per aggiungere il template adatto o categorizzare la pagina.
  2. Non proteggere una pagina se si è coinvolti in una disputa riguardo la pagina stessa.
  3. Aggiungere i template in alto, vedere la sezione seguente e riportare il motivo della protezione nella riga Oggetto: quando si salva la modifica.
  4. Controllare che le pagine protette siano elencate nella Categoria:Pagine protette
  5. È opportuno esortare le parti a risolvere la disputa.
  6. Rimuovere l'avviso di protezione quando le pagine vengono sprotette e riportare il motivo della rimozione della protezione nell'oggetto della modifica.

Gli amministratori non dovrebbero proteggere pagine che li vedono direttamente coinvolti per aver effettuato modifiche sostanziali alla pagina o aver precedentemente espresso opinioni sulla pagina di discussione. Le abilitazioni degli amministratori non conferiscono privilegi per quanto riguarda le modifiche alle voci - gli amministratori dovrebbero recare un servizio all'intera comunità. L'amministratore che volesse proteggere una voce nella cui stesura è direttamente coinvolto è pregato di chiedere ad un altro amministratore di farlo.

Gli amministratori dovrebbero evitare di favorire una versione della voce piuttosto di un'altra, a meno che una versione non sia un vandalismo.

Inoltre, se il motivo della protezione è un'edit war, la protezione della pagina da parte di un amministratore non attesta la bontà di una versione in particolare. Vedi in proposito l'illuminante pagina "la versione sbagliata".

In generale, le pagine protette temporaneamente dovrebbero essere sprotette appena possibile e le pagine di discussione lasciate aperte.

Non c'è necessità di proteggere le pagine css e js quali utente/monobook.css o utente/cologneblue.js. Soltanto l'account associato a queste pagine può infatti modificarle.

Modifica di pagine protette[modifica]

La regola di non modificare una pagina protetta non si applica allo stesso modo nel caso di pagine protette in modo semi-permanente. Nel caso di queste pagine, gli amministratori devono adottare ogni cautela nelle modifiche ed effettuarle in accordo con il più ampio consenso ed ogni eventuale linea guida sull'argomento. In alcuni casi, come quando una modifica consiste in un cambiamento di rilievo su una pagina importante, gli amministratori dovrebbero considerare l'opportunità di sollevare il problema sulla pagina di discussione adatta.

Nei casi in cui una pagina è temporaneamente protetta, gli amministratori non dovrebbero modificare la pagina, dal momento che altri con un punto di vista diverso non hanno questa stessa possibilità. Ci sono, tuttavia, alcuni casi nei quali gli amministratori possono con cautela decidere di modificare una pagina protetta:

  • Aggiungere un template {{AvvisoNPOV}}, {{AvvisobloccoNPOV}} o {{Avvisobloccovandalismo}} informativo sullo stato attuale della voce.
  • Effettuare un revert ad una versione più vecchia della voce, antecedente l'inizio della controversia.
  • Effettuare un rollback ad una versione che incontra un maggiore consenso, come descritto in precedenza.
  • Correggere errori di stampa (typo), correggere i wikilink errati, aggiungere gli interlink.

Elenco delle pagine protette[modifica]

Se proteggi una pagina, o trovi una pagina non elencata nella categoria, aggiungi il template corretto o almeno aggiungila alla categoria stessa. Una breve descrizione del motivo per il quale la pagina è protetta dovrebbe essere inserito in alto nella pagina. Ulteriori spiegazioni o discussioni trovano posto nella relativa pagina di discussione.

Voci correlate[modifica]