Utente:SurdusVII/LEZIONE1

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search

Prima Lezione[modifica]

La LIS è l'acronimo della Lingua dei Segni Italiana.

E' molto usata dalla Comunità dei Sordi, che è un gruppo etno-linguistico.

Le lezioni vengono fatte attraverso i video, o dal vivo attraverso i corsi organizzate dalle associazioni come l'ENS.

Storia del Segno[modifica]

MATERIA: Linguistica[modifica]

Da dove viene l'idea la nascita del segno? Non si sa da cosa. Ma si ipotizza ancora oggi dagli studi che è stato propabilmente elaborato dalle "idee", nate dal cervello degli umani, sia dall'inizio della primitiva, cioè dalla preistoria alla protostoria.

Purtroppo non ci sono molti fonti a sapere di queste notizie certe. Ma si sa che c'è un fatto simile, in Sicilia, da una fonte che si spiega sul termine: "gesto". Qui in più avanti spiegeremo la differenza di "gesti" e "segni", di seguito ne segnaliamo due libri da capire meglio la differenza se volete approfondire l'argomento: I gesti dei siciliani (Nando Russo Editore) del 1983 e Il linguaggio dei gesti in Sicilia (Antares) del 2003 entrambi di Giuseppe Pitré. Altri libri che riguardano sui "segni" segnalo: La scrittura. Un viaggio attraverso il mondo dei segni (Edizioni Dedalo) del 1984 di Albertine Gaur; un altro ancora I segni parlano. Prospettive di ricerca sulla Lingua dei Segni Italiana di autrori vari, (Editore Franco Angeli) del 2008. Un altro ancora Le lingue dei segni: storia e semiotica di Tommaso Russo Cardona e Virginia Volterra (Edizioni Carocci) del 2007.

Dunque segnare è una via di comunicazione molto usata dalle persone Sorde che appartengono alla Comunità Sorda. Esiste anche la Lingua dei Segni Internazionale, ma qui non ne parlaimo dal punto di vista linguistico. Ma dal punto di vista storico di questa lingua!

Purtroppo come ho citato prima, ci sono pochi o rari dei fonti storici sull'esistenza, ma ci sono dei primi dizionari che ne parlavano di questo argomento, il più antico è senza dubbio, o forse ci sono ancora dubbi perchè non sono stati ancora fatti gli studi, quello scritto da un educatore spagnolo Juan Pablo Bonet del 1620 (Abecedario Demostrativo) di Juan Pablo Bonet del 1620. Forse è l'unica fonte. O forse no. Ma si sa qualcosa che sulla storia delle persone che si comunicavano con le mani era stato scritto su un trattato da Platone.

Il libro di Juan Pablo Bonet, in realtà, viene preso dalle lezioni e metodi del primo educatore sordo castigliano Pedro Ponce de Leon. Anche qui non ci sono molti fonti storici ma grazie al Bonet qualcosa ne abbiamo di notizie.