Sibilla Aleramo (superiori)

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Sibilla Aleramo (superiori)
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Letteratura italiana per le superiori 3
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.
Sibilla Aleramo

La Vita[modifica]

Sibilla Aleramo, pseudonimo di Marta Felicina Faccio detta "Rina" nasce ad Alessandria il 14 Agosto 1876. Trascorse l'adolescenza nelle merca dove si sposò a sedici anni. Separatasi nel 1901 andò a vivere a Roma dove scrisse il primo romanzo Una Donna nel 1906 col quale ottenne successo. A Roma, soprattutto nelle zone dell'Agro Romano, si dedicò a varie attività sociali soprattutto per la lotta contro l'analfabetismo insieme a Giovanni Cenna con il quale fondò varie scuole. Furono anni in cui scrisse anche vari volumi di versi e di prose. A Roma morì il 13 Gennaio 1960.

Le Opere[modifica]

Una Donna[modifica]

Nelle prime pagine emerge la figura paterna e l'autrice rievoca il suo rapporto con il padre che ha per lei una grande preferenza e che le trasmette gli ideali di forza e indipendenza nei quali egli crede. Il contatto con la madre appare invece più sbiadito perché con lei la fanciulla non riesce ad entrare pienamente in contatto e ne giudica il carattere debole e sottomesso.

Quando Sibilla ha circa otto anni, il padre, che è ingegnere, decide di lasciare Milano per andare a dirigere una fabbrica di bottiglie nelle Marche, sulla costa adriatica, a Portocivitanova - ora Civitanova Marche - e così tutta la famiglia si trasferisce. Sibilla è felice e con tutto l'entusiasmo e la curiosità dei suoi dodici anni collabora in modo attivo alla fabbrica come segretaria suscitando nella gente del paese meraviglia e critiche per il suo atteggiamento anticonvenzionale e sprezzante tra gli operai.

Tra il padre e la madre della protagonista intanto si accumulano le tensioni già esistenti nel periodo milanese che sfociano in un tentato suicidio della madre, la quale sopravvive, ma rimane vittima di una demenza progressiva che la porterà ad essere ricoverata nel manicomio di Macerata, dove vivrà fino alla morte, abbandonata da tutta la sua famiglia. La ragazza scopre poi che il padre ha una relazione extraconiugale e da quel momento prende verso di lui una posizione aperta e giudicante che causerà la rottura del rapporto affettivo con lui.

Questa brusca realtà e l'inizio di una storia amorosa con un giovane impiegato della fabbrica e la violenza sessuale della quale è vittima, fanno entrare con durezza la protagonista nel mondo adulto. Costretta al matrimonio, che accetta senza gioia, vive l'esperienza come un'ulteriore perdita di libertà anche perché il marito si dimostra ben presto una persona meschina e molto lontana dai suoi interessi. Nascerà un bambino che non servirà a modificare la situazione tra i coniugi.

Per aver risposto alle attenzioni di un uomo, il marito la maltratta brutalmente e la chiude in casa per un certo periodo durante il quale lei si rende conto che il suo vero ed unico affetto è il bambino, ma la depressione aumenta e, in un momento di sconforto, tenta il suicidio. A causa di un dissapore con il suocero, il marito decide di lasciare la fabbrica e di trasferirsi a Roma con la moglie e il figlioletto.

L'avvio di una collaborazione giornalistica con una rivista femminile rende maggiormente cosciente la protagonista che una donna deve poter esprimere anche al di fuori della famiglia la sua identità e conquistarsi una vita indipendente. Il pensiero della madre, che ha sacrificato ai figli e ad un uomo-padrone la sua esistenza infelice, l'aiuta a ripercorrere un cammino difficile ma necessario di rigenerazione.

Conosce un uomo che ha intrapreso un cammino di ricerca spirituale e trova conforto nella conversazione con lui, ma il marito, sospettoso di quella relazione, la maltratta nuovamente e l'unico motivo che la trattiene dal lasciare il tetto coniugale è il timore di non riuscire a portare con sé il bambino. Il marito la minaccia, se vuole andarsene non avrà mai il bambino. Una notte lei lo sente invocare il nome di una sua amica e capisce che quell'ometto ignorante si era innamorato della sua collega della rivista. Decide di lasciarlo per non ripetere una via di secolare soggezione e per dignità verso sé stessa. Dopo un doloroso percorso interiore, decide quindi di abbandonare la casa e il bambino al quale è dedicato il libro nella speranza che possa comprendere la tormentata strada che l'autrice-protagonista ha sentito di dover percorrere.

Il romanzo rappresenta molto fedelmente la vita dell'autrice, che si firma per la prima volta con il nome di Sibilla Aleramo, ma pur essendo una autobiografia è strutturato con un impianto letterario tale da poter essere considerato, come dice Maria Corti, un vero romanzo.

Altre Opere[modifica]

Prosa[modifica]

  • Il passaggio, 1919
  • Andando e stando prose: Errabunda, La pensierosa, Volti e destini, 1921
  • Trasfigurazione novella, 1922
  • Il mio primo amore, 1924
  • Amo dunque sono, 1927.
  • Gioie d'occasione miscellanea, 1930
  • Il frustino romanzo, 1932
  • Orsa minore note di taccuino, 1938
  • Dal mio diario. 1940-44, 1945
  • Il mondo è adolescente, 1949
  • Lettere a Elio, 1989

Poesia[modifica]

  • Momenti, 1921
  • Endimione, 1923
  • Poesie, 1929
  • Sì alla Terra nuove poesie, 1935
  • Selva d'amore, 1947
  • Aiutatemi a dire, 1951
  • Luci della mia sera, 1956
  • "Tutte le poesie", 2004

La Lezione fa parte del Progetto "Le Donne nella Letteratura Italiana" (superiori).