Progettare un database relazionale (superiori)

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Progettare un database relazionale (superiori)
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Informatica (istituti tecnici) per le superiori
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.

IMPLEMENTARE UN DATABASE[modifica]

Per implementare (cioe' costruire/progettare, NB. non ho ancora perdonato chi ha scritto incrementare) un database bisogna passare per tre fasi : la fase concettuale, quella logica e quella fisica . In quella concettuale si devono individuare gli archivi da costruire ad esempio se il committente fosse una banca gli archivi possono essere : CLIENT, DEPOSITI, OPERAZIONIBANCARIE, etc . Oltre alle tabelle si individuano anche i legami logici e gli attributi delle tabelle .Questa fase nella quale si individuano gli elementi più importanti della realtà fisica che si vuole descrivere e' la più generica delle 3 e per implementarla si usa il modello E/R (Entita Associazione)

organizzazione per livelli di un DB


Nella seconda fase quella logica si entra nel dettaglio della struttura di ciascuna tabella e si trasformano i collegamenti fra tabelle in ulteriori campi (dette chiavi esterne) , per realizzare questa fase utilizziamo il modello relazionale:

La terza fase e' quella fisica e qui si deve decidere come i dati vanno registrati nei file (struttura record etc) e come sono organizzati i file fra loro , fortunatamente nei DBMS moderni sono gli stessi software che realizzano e curano questi aspetti che una volta erano di competenza dei programmatori. Quindi noi ci occupiamo solo delle prime 2 fasi.