Processi di acquisto delle risorse tecniche correnti

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Processi di acquisto delle risorse tecniche correnti
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Bilancio

Abbiamo finalmente dato vita alla nostra società "Wikiversità S.p.A.", composta dai due soci Wiki Uno e Wiki Due. Adesso dobbiamo cominciare a produrre e per farlo dobbiamo acquistare risorse tecniche correnti. Essi possono essere di due tipi:

  • beni fisico-tecnici (materie prime, merci, materiali di consumo e altro...);
  • servizi (elettricità, acqua, gas, locazioni, manutenzioni, eccetera...);

All'acquisto di tali risorse avviene che:

  • assistiamo ad un inflow di condizioni patrimoniali produttive non numerarie;
  • assistiamo ad un outflow di risorse monetarie numerarie, che può essere:
    • immediato (in parte o in totale);
    • differito nel tempo (in parte o in totale).

Nel caso in cui la regolamentazione monetaria sia parzialmente o integralmente differita nel tempo, sorgeranno dei debiti cosiddetti di funzionamento (totalmente diversi dai debiti di finanziamento, si badi bene).

Con l'acquisto di risorse tecniche correnti la nostra società sostiene dei costi di esercizio.

Diciamo immediatamente che:

  • il conto in cui inseriamo l'inflow di risorse tecniche correnti è un conto monofase funzionante nella sola sezione Dare/+, senza ripresa di saldo;
  • il conto in cui inseriremo i valori numerari (certi, assimilati o presunti che siano) andranno in un conto bifase con ripresa di saldo.

Altra cosa importante da tenere a mente è che la "formalizzazione" degli effettivi valori di scambio si ha con la ricezione della fattura.

Ultima puntualizzazione da fare è la seguente: anche qualora la regolamentazione sia immediata (ad esempio, paghiamo subito in contanti), è meglio "fingere" che vi sia un debito di funzionamento, che verrà immediatamente azzerato con una successiva scrittura contabile. Questa prassi si definisce: liquidazione del costo di acquisto.

Vediamo come la nostra società affronta il problema dell'acquisto delle risorse tecniche correnti.

Acquisto delle risorse tecniche correnti[modifica]

La nostra società ha bisogno di merci, per un totale di 100, cui si deve aggiungere l'IVA del 20%. Si rivolge al fornitore "Wikinotizie S.r.l.", che ci consegna la merce. Vediamo che succede sul nostro libro giornale se la regolamentazione è immediata:

Regolamentazione immediata[modifica]

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Diversi Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. 120
Merci c/acquisti 100
Iva 20% a credito 20

La situazione dei conti è la seguente:

Merci c/acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
100
Iva 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
20
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
120


Quindi si passa al pagamento vero e proprio, a mezzo banca:

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. Banca c/c 120 120

La situazione dei conti è la seguente:

Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
120
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
120 120


Regolamentazione differita[modifica]

(Per comodità di spiegazione, vaglieremo una transazione che ha regolamentazione in parte differita e in parte immediata, e non totalmente differita) Consideriamo la medesima situazione presa in esame per la regolamentazione immediata. Questa volta, però, la regolamentazione è in parte immediata e in parte differita. In particolare:

  • il 50% viene pagato immediatamente;
  • il rimanente 50% verrà pagato:
    • per un importo di 50 con l'emissione di pagherò cambiari scadenti il 24 giugno p.v.;
    • per un importo di 10 con pagamento a mezzo banca il 24 luglio p.v.;

Vediamo che succede:

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Diversi Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. 120
Merci c/acquisti 100
Iva 20% a credito 20

La situazione dei conti è la seguente:

Merci c/acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
100
Iva 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
20
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
120


Fino a questo momento non cambia nulla rispetto alla regolamentazione immediata. Ma continuiamo:

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. Diversi 110
Banca c/c 60
Fornitore Wikinotizie S.r.l. c/effetti passivi 50

La situazione dei conti cambia:

Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
60
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
110 120
Fornitore Wikinotizie S.r.l.
c/effetti passivi(SP)
DARE/+ AVERE/-
50


Già adesso le cose sono molto diverse. Ma giungiamo al 24 giugno: in quella data dobbiamo pagare gli effetti passivi. E siccome siamo stati accorti, possiamo onorare il nostro debito, e scriviamo:

24.06.200X
dare
a
avere
+
-
Fornitore Wikinotizie S.r.l. c/effetti passivi Banca c/c 50 50

La situazione dei conti diventa:

Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
60
50
Fornitore Wikinotizie S.r.l.
c/effetti passivi(SP)
DARE/+ AVERE/-
50 50


Arriva quindi il 24 luglio 200X e dobbiamo provvedere al pagamento del residuo:

24.07.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. Banca c/c 10 10

La situazione dei conti diventa:

Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
60
50
10
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
110 120
10


Anticipi a fornitori[modifica]

Non è raro che, nel momento in cui si acquistano delle risorse tecniche correnti, si assista ad un versamento da parte dell'acquirente di parte del denaro dovuto prima ancora di ricevere la merce. Sono due le tipologie possibili:

  • gli acconti sul prezzo di acquisto (anticipi a fornitori);
  • le caparre attive.

Tuttavia, data l'affinità fra le due tipologie, ci limiteremo a trattare solo gli anticipi a fornitori.

Si tratta di un credito che l'acquirente vanta provvisoriamente verso il fornitore, in attesa che questi gli fornisca la merce richiesta. Si assiste dunque ad un outflow di risorse monetarie, mentre non si riscontra alcun inflow di condizioni produttive. Inoltre, poiché l'azienda che riceve l'acconto deve emettere per legge una fattura, questo tipo di operazione è imponibile di IVA.

La nostra azienda acquista ancora dal nostro fornitore "Wikinotizie S.r.l." le solite merci per un valore di 100 più IVA 20%. Questa volta, però, la nostra azienda pagherà 25 + IVA prima di ricevere la merce, e altri 75 + IVA al ricevimento della merce. Vediamo che accade ai nostri conti:

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Diversi Debiti vs Fornitore Wikinotizie S.r.l. 30
Fornitore Wikinotizie S.r.l. 25
Iva 20% a credito 5

La situazione dei conti è la seguente:

Debiti vs Fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
30
Iva 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
5
Fornitore Wikinotizie S.r.l.
c/anticipi (SP)
DARE/+ AVERE/-
25


Subito dopo effettuiamo il pagamento dell'anticipo appena registrato:

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs Fornitore Wikinotizie S.r.l. Banca c/c 30 30

E i conti cambiano:

Debiti vs Fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
30 30
Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
30


Il 31 maggio riceviamo la merce e paghiamo il residuo:

31.05.200X
dare
a
avere
+
-
Diversi Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. 115
Merci c/acquisti 100
Iva 20% a credito 15

La situazione dei conti è la seguente:

Merci c/acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
100
Iva 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
5
15
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
30 115
30


L'anticipo adesso deve essere portato a pagamento del debito. Pertanto:

31.05.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. Fornitore Wikinotizie S.r.l. c/anticipi 25 25

La situazione dei conti è la seguente:

Fornitore Wikinotizie S.r.l.
c/anticipi (SP)
DARE/+ AVERE/-
25
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
30 115
25 30


Provvediamo ora a pagare il residuo di 90:

31.05.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. Banca c/c 90 90
Banca c/c (SP)
DARE/+ AVERE/-
30
90
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
30 115
25 30
90


Attenzione: il conto "Banca c/c" fa risultare uscite per 120, che è esattamente la cifra che abbiamo pagato, mente il conto "Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l.", pur avendo una movimentazione, diciamo, maggiore, ha saldo 0, dunque non abbiamo più alcun debito.

Si noti anche il calcolo dell'IVA. All'atto del pagamento dell'anticipo, abbiamo considerato anche un IVA di 5. L'IVA totale è di 20, perciò, avendone già pagati 5, nel momento in cui riceviamo la merce per 100, dovremo pagarne solo 15. E infatti il conto "IVA 20% a credito" risulta movimentato esattamente per 20.

Rettifiche indirette[modifica]

Sappiamo che il conto degli acquisti è un conto monofase, dunque, per effettuare delle rettifiche, occorre agire in modo indiretto, ovvero, accendendo un conto all'uopo. L'unico momento in cui questo conto monofase può funzionare come bifase è quando si hanno da sanare errori di registrazione e comunque di lieve entità.

Le rettifiche indirette possono essere:

  • sconti commerciali attivi;
  • resi su acquisti;
  • abbuoni di quantità attivi;
  • sconti di cassa;
  • premi attivi di quantità;
  • premi attivi di denaro;
  • arrotondamenti attivi di prezzi;
  • arrotondamenti straordinarie di errori rilevanti/significativi (solo in questo caso potranno essere anche rettifiche decrementative).

Sconti commerciali attivi[modifica]

Gli sconti commerciali attivi (in inglese, trade discount) avvengono quando il fornitore ci accorda una riduzione del prezzo di listino o comunque del prezzo abitualmente applicato dal fornitore. Essi esprimono valori non numerari reddituali, ovvero componenti positivi di reddito. Contestualmente a tale riduzione di prezzo, avviene una riduzione dell'IVA.

Facciamo una prima esemplificazione: acquistiamo merci per 100, e il fornitore ci accorda uno sconto commerciale del 10%, ovvero di 10. L'imponibile ai fini dell'IVA, pertanto scende da 100 a 90, ovvero dovremo pagare 18 invece che 20. Dunque per l'acquisto di questa merce dovremo pagare 90 + 18 = 108. Procediamo all'iscrizione nel nostro libro giornale. Teniamo bene a mente quanto avremmo dovuto pagare e quanto invece paghiamo.

dare
a
avere
+
-
Diversi Diversi
Merci c/acquisti 100
Iva 20% a credito 18
Sconti commerciali attivi 10
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. 108
Merci c/acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
100
IVA 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
18
Sconti commerciali
attivi (CE)
DARE/+ AVERE/-
10
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
108


Adesso non ci resta che pagare quanto dovuto:

dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. Banca c/c 108 108
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
108 108
Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
108


Resi su acquisti[modifica]

Per resi su acquisti si intende quella merce che non abbiamo giudicato idonea a entrare nel nostro ciclo produttivo, ad esempio perché si tratta di merce difettosa, oppure perché abbiamo ricevuto più merce di quanta richiesta. Non si può semplicemente restituire la merce, perché abbiamo un documento, la fattura, che riporta la quantità che abbiamo ricevuto, pertanto dobbiamo dapprima registrare quanto fatturato, e solo poi segnare i resi.

La nostra azienda ha richiesto merce per 100, ma ne riceve per 150. Vediamo come dobbiamo comportarci:

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Diversi Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. 180
Merci c/acquisti 150
Iva 20% a credito 30

La situazione dei conti è la seguente:

Merci c/acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
150
Iva 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
30
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
180


Adesso segnaliamo i resi:

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. 60
Resi su acquisti 50
Iva 20% a debito 10
Resi su acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
50
Iva 20%
a debito (SP)
DARE/+ AVERE/-
10
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
60 180


Notiamo che non abbiamo rettificato direttamente neppure il conto "IVA 20% a credito", ma lo abbiamo fatto indirettamente accendendo il conto "IVA 20% a debito".

Ora provvediamo a pagare quanto dovuto:


24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Banca c/c Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. 120 120
Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
120
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
60 180
120


Abbuoni attivi[modifica]

Si ottengono abbuoni attivi quando il fornitore decide di non farci pagare parte della merce già fatturata. Di solito questo avviene perché la merce che abbiamo ricevuto è rovinata o comunque non è più rivendibile neppure dal venditore. Per questo nella fattura essi non vengono rilevati, ma vengono resi noti attraverso delle note di accredito, attraverso le quali si rettifica anche il valore dell'IVA a credito. Gli abbuoni attivi, infine, sono dei componenti positivi di reddito.

Vediamo cosa succede. Come al solito, riceviamo innanzitutto la nostra merce per un valore di 150 + IVA, pertanto:

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Diversi Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. 180
Merci c/acquisti 150
Iva 20% a credito 30
Merci c/acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
150
Iva 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
30
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
180


Il 31 maggio riscontriamo che alcune unità di prodotto, per un totale di 50 unità di moneta di conto, non utilizzabili. Lo facciamo presente al fornitore, il quale, una volta constatata la situazione, ci invia una nota di accredito, con il quale ci informa di avere abbuonato tale unità di prodotto. Il 4 giugno riceviamo la nota di accredito, e per questo possiamo procedere alla rettifica:

04.06.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. Diversi 60
Abbuoni attivi 50
Iva 20% a credito 10
Abbuoni attivi
(CE)
DARE/+ AVERE/-
50
Iva 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
30 10
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
60 180


Provvediamo infine a pagare il residuo:

04.06.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. Banca c/c 120 120
Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
120
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
60 180
120


Sconti attivi di cassa[modifica]

Gli sconti attivi di cassa si distinguono dagli sconti commerciali attivi: i primi, infatti, esprimono delle rettifiche indirette del costo sostenuto effettivamente non in fase di liquidazione, bensì successivamente. Anche gli sconti attivi di cassa sono componenti positivi di reddito.

Come al solito acquistiamo merce dal solito fornitore, per totali di 150 + IVA.

24.05.200X
dare
a
avere
+
-
Diversi Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. 180
Merci c/acquisti 150
Iva 20% a credito 30
Merci c/acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
150
Iva 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
30
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
180


Il 31 maggio il fornitore ci fa sapere che se saldiamo il nostro debito in anticipo rispetto a quanto pattuito, egli ci accorderà uno sconto del 10% sulle merci acquistate. Lo sconto non è stato pattuito contrattualmente, ma non è ancora passato un anno, pertanto, a termini di legge, è possibile rettificare anche l'IVA a credito. Accettiamo e il 4 giugno provvediamo a pagare il nostro debito.

04.06.200X
dare
a
avere
+
-
Debiti vs fornitore Wikinotizie S.r.l. Diversi 180
Sconti attivi di cassa 15
Iva 20% a credito 3
Banca c/c 162
Sconti attivi di cassa
(CE)
DARE/+ AVERE/-
15
Iva 20%
a credito (SP)
DARE/+ AVERE/-
30 3
Debiti vs fornitore
Wikinotizie S.r.l. (SP)
DARE/+ AVERE/-
180 180
Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
162


Operazioni di acquisto in moneta non di conto[modifica]

Abbiamo finora operato con un'impresa, la Wikinotizie S.r.l., che utilizza la nostra stessa moneta di conto. Cosa accade quando invece abbiamo a che fare con un'azienda che non utilizza la nostra stessa moneta di conto? Prendiamo il caso di una trattativa con una società inglese, la "Wikipedia & Co. Ltd". Facciamo attenzione: il nostro partner ha una moneta di conto diversa dalla nostra, e se trattiamo nella sua divisa, dobbiamo ricordare bene che nei nostri conti non c'è spazio per la sterlina (e neppure per il franco svizzero, il dollaro e tutte le monete diverse da quella che usiamo noi): pertanto dobbiamo effettuare un cambio al rapporto corrente prima di iscrivere i valori nel nostro sistema. Se la regolamentazione è immediata, non ci sono particolare problemi: basta fare la conversione e iscrivere il valore ottenuto nel nostro sistema. Se invece la regolamentazione è differita, accade sovente (praticamente sempre) che il valore convertito rilevato all'inizio della trattativa si discosti più o meno dallo stesso valore convertito invece al momento della regolamentazione. In particolare possono avvenire:

  • perdite su cambi, che sono componenti negativi di reddito e si rilevano su conti monofase;
  • utili su cambi, che sono componenti positivi di reddito e si rilevano su conti monofase.

Poiché è alquanto raro che non vi sia né una perdita né un utile su cambi in caso di regolamentazione differita, né sussistendo particolari difficoltà a riguardo, ci limiteremo a esaminare solo questi due casi.

Perdite su cambi[modifica]

Pattuiamo con la "Wikipedia & Co. Ltd" l'acquisto di merci per 100 £ con regolamentazione differita. Trattandosi di transazioni internazionali, non vi è IVA a credito. All'epoca della stipula, il cambio è di 1 £ contro 1,5 unità della nostra valuta di conto, pertanto, alla stipula, il costo che sosteniamo è di 150 in valuta di conto. Ciò premesso, passiamo alle scritture a libro giornale.

13.06.200X
dare
a
avere
+
-
Merci c/acquisti Debiti vs fornitore Wikipedia & Co. Ltd 150 150
Merci c/acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
150
Debiti vs fornitore
Wikipedia & Co. Ltd (SP)
DARE/+ AVERE/-
150


Un mese dopo provvediamo al pagamento: il cambio, in tale data, è di 1 £ contro 1,6 unità della nostra valuta. Pertanto dovremo registrare una perdita su cambi. Inoltre, dobbiamo registrare delle spese bancarie.

13.07.200X
dare
a
avere
+
-
Diversi Banca c/c 165
Debiti vs fornitore Wikipedia & Co. Ltd 150
Perdite su cambi 10
Spese e commissioni bancarie 5
Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
165
Debiti vs fornitore
Wikipedia & Co. Ltd (SP)
DARE/+ AVERE/-
150 150
Perdite su
cambi (CE)
DARE/+ AVERE/-
10
Spese e commissioni
bancarie (CE)
DARE/+ AVERE/-
5


Utili su cambi[modifica]

Pattuiamo con la "Wikipedia & Co. Ltd" l'acquisto di merci per 100 £ con regolamentazione differita. Trattandosi di transazioni internazionali, non vi è IVA a credito. All'epoca della stipula, il cambio è di 1 £ contro 1,5 unità della nostra valuta di conto, pertanto, alla stipula, il costo che sosteniamo è di 150 in valuta di conto. Ciò premesso, passiamo alle scritture a libro giornale.

13.06.200X
dare
a
avere
+
-
Merci c/acquisti Debiti vs fornitore Wikipedia & Co. Ltd 150 150
Merci c/acquisti
(CE)
DARE/+ AVERE/-
150
Debiti vs fornitore
Wikipedia & Co. Ltd (SP)
DARE/+ AVERE/-
150


Fin qui è tutto uguale all'ipotesi della perdita sul cambio. Ma adesso le cose cambiano: un mese dopo provvediamo al pagamento: il cambio, in tale data, è di 1 £ contro 1,4 unità della nostra valuta. Pertanto dovremo registrare un utile su cambi. Inoltre, dobbiamo registrare le solite spese bancarie.

13.07.200X
dare
a
avere
+
-
Diversi Diversi
Utili su cambi 10
Banca c/c 145
Debiti vs fornitore Wikipedia & Co. Ltd 150
Spese e commissioni bancarie 5
Banca c/c
(SP)
DARE/+ AVERE/-
145
Debiti vs fornitore
Wikipedia & Co. Ltd (SP)
DARE/+ AVERE/-
150 150
Utili su
cambi (CE)
DARE/+ AVERE/-
10
Spese e commissioni
bancarie (CE)
DARE/+ AVERE/-
5