Metalli araldici

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Metalli araldici
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Araldica


Nell'araldica i metalli sono due: oro e argento. Gli altri, come il rame, il ferro, il bronzo, il piombo, ecc., si dovrebbero considerare come rappresentazioni al naturale, benché alcuni di essi possano essere simboleggiati dal tratteggio monocromatico [1].

I due metalli sono usualmente rappresentati con i due « colori » corrispondenti: giallo e bianco. Si deve infatti tener presente il fatto che in araldica il colore giallo in quanto tale non esiste e il colore bianco si trova solo molto raramente, soprattutto per raffigurare il colore dl pelo di alcuni animali. In origine gli scudi erano di legno dipinto con una pittura « smaltata » - da cui gli smalti – talvolta coperto di metallo.

Note[modifica]

  1. Dal "Vocabolario araldico ufficiale", a cura di Antonio Manno – edito a Roma nel 1907.