Libri di testo scolastici in italiano

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search

I libri di testo scolastici sono i libri utilizzati all'interno delle scuole.

Italia[modifica]

Scuola primaria[modifica]

La fornitura gratuita dei libri di testo agli alunni delle scuole primarie era stata inizialmente disposta con l'art. 1, primo comma, della L. 719/1964, poi trasfuso nell'art. 156, co. 1, del d.lgs. 297/1994 che ha confermato la stessa da parte dei comuni, secondo modalità indicate dalla legge regionale. Con sentenza 454/1994, la Corte costituzionale aveva dichiarato l'illegittimità costituzionale di entrambe le disposizioni, nella parte in cui limitavano la fornitura gratuita dei libri di testo agli alunni delle scuole primarie statali o abilitate a rilasciare titoli di studio aventi valore legale, escludendo gli alunni che adempivano all'obbligo scolastico in modo diverso. Successivamente, l'art. 27 della L. 448/1998 aveva sostanzialmente esteso tale previsione, disponendo che, nell'a.s. 1999-2000, i comuni dovevano garantire la gratuità, totale o parziale, dei libri di testo agli alunni della scuola dell'obbligo (allora comprendente i 3 anni della scuola secondaria di I grado), in possesso dei requisiti richiesti, e dovevano assicurare la fornitura anche in comodato agli studenti delle scuole secondarie di II grado, sempre in possesso dei requisiti richiesti[1].

L'art. 5 del D.L. 137/2008 (L. 169/2008) aveva stabilito che l'adozione dei libri di testo – che in base all'art. 151 del d.lgs. 297/1994 compete al collegio dei docenti – doveva avvenire con cadenza pluriennale (ogni 5 anni nella scuola primaria, e ogni 6 nella scuola secondaria), a meno che non ricorressero specifiche e motivate esigenze. Aveva disposto, altresì, che i competenti organi scolastici dovevano adottare libri di testo in relazione ai quali l'editore si fosse impegnato a mantenere invariato il contenuto per un quinquennio, fatta salva l'eventuale predisposizione di appendici di aggiornamento, da rendere comunque disponibili separatamente. Ancora in seguito, l'art. 6 del D.L. 104/2013 (L. 128/2013), novellando il citato art. 151 del d.lgs. 297/1994, ha reso facoltativa l'adozione dei libri di testo da parte del collegio dei docenti. Da ultimo, la nota MIUR 4586 del 15 marzo 2019 ha confermato che le adozioni dei testi scolastici sono deliberate dal collegio dei docenti nella seconda decade di maggio per tutti gli ordini e gradi di scuola. In materia, il 22 maggio 2017 il MIUR e l'Associazione italiana editori hanno sottoscritto un protocollo di intesa per la raccolta e la pubblicazione dei dati connessi con le adozioni dei libri di testo delle scuole ed istituti del primo e del secondo ciclo di istruzione. Il protocollo faceva seguito a quello stipulato il 24 giugno 2014, relativo alla rilevazione dei dati connessi con le adozioni dei libri di testo delle scuole ed istituti del primo e del secondo ciclo di istruzione, e all'addendum stipulato il 30 giugno 2016, con la finalità di consentire al MIUR di rendere pubblici i dati adozionali, la cui validità era terminata il 31 dicembre 2016. La finalità del Protocollo – valido fino al 31 dicembre 2019 – è la costituzione della Banca dati adozionale dei libri di testo adottati dalle istituzioni scolastiche[2], rendendo pubblici i medesimi dati e garantendo a tutti i soggetti interessati l'accesso gratuito e non discriminatorio agli stessi[3].

Case editrici scuola[modifica]

Casa editrice Proprietà Sede Caratteristiche Scuola primaria Sito
Giunti Scuola Giunti Editore Soprattutto adottato nelle scuole medie Libri di testo scuola primaria Giunti Scuola http://www.giuntiscuola.it
Ibiscus Edizioni http://www.ibiscusedizioni.it
Eli La Spiga Edizioni Loreto http://www.laspigaedizioni.it/
Libreria scolastica http://www.libreriascolastica.it/
Lisciani Scuola http://www.liscianiscuola.it/
Loescher http://www.loescher.it/
Mirò Editori http://www.miroeditori.it/libri/
Mondadori Possiede anche Einaudi e Piemme scuola, LeMonnier, Signorelli, e, Juvenilia, Minerva[4] Milano Il testo editore in Italia per fatturato e dichiara di avere il 13% dell'editoria scuolastica[4] http://http://collane.librimondadori.it/
Istituto Geografico De Agostini spa http://www.deagostini.it
Angeli http://www.francoangeli.it
Ardea Editore http://www.ardeaeditrice.it/
Armando Armando srl http://www.armando.it
Bonacci Editore srl http://www.bonacci.it
Borgione http://www.borgione.it/
Bulgarini http://www.bulgarini.it/
Carocci http://www.carocci.it/
Casa Editrice Tredici http://www.tredieci.com
Cedam Scuola http://www.cedamscuola.it/
De Agostini Scuola (DeA Scuola) Possiede Garzanti scuola e linguistica, Cedam, Marietti, Cideb, Ghisetti&Corvi, Theorema, Petrini, Valmartini e Black Cat che fa libri in lingua originale[4] È la quinta casa editrice scolastica in Italia per fatturato[4] http://www.deagostiniscuola.it/
Editrice La Scuola http://www.lascuola.it/
Edizioni Didattiche Gulliver http://www.gulliverscuola.eu/
Edizioni del Borgo http://www.edizionidelborgo.it/
Ernesto Bignami Editore srl http://www.bignami.com
Fabbri Editori Rcs http://www.fabbriscuola.it/scuola_primaria/index.html
Gruppo Editoriale Il Capitello Torino http://www.capitello.it/
Gruppo Editoriale Spaggiari http://www.spaggiari.eu/
Raffaello Cortina Editore http://www.raffaellocortina.it
Raffaello Editrice http://www.raffaelloeditrice.it
Scolastica Editrice http://www.etabeta.it
Sei Editrice http://seieditrice.com/
Scuola Book http://www.scuolabook.it/
Zanichelli Appartiene alla famiglia Enriques. Possiede Loescher, D’Anna, oltre ai dizionari Zingarelli, Ragazzini, Boch[4] Bologna Primo posto in Italia per fatturato[4] http://www.zanichelli.it
Pearson In Italia comprende comprende Paravia, Bruno Mondadori, Linx, Archimede, Elmedi, i Pinguini[4] Milano L'editore più grande del mondo e il secondo posto in Italia per fatturato[4]
Bompiani per la scuola Rcs
Edizioni Il Quadrifoglio Rcs
Rcs Possiede Bompiani per la scuola, Fabbri, Edizioni il Quadrifoglio, Calderini, Etas, Edagricole scolastico e aula Digitale[4] Il quarto editore più grande per fatturato in Italia[4]
Calderini Rcs
Etas Rcs
Aula Digitale Rcs
Edagricole scolastico Rcs
Garzanti scuola e linguistica De Agostini Scuola
Hoepli Milano Specializzata in manuali tecnici. Al sesto posto in Italia tra gli editori scolastici per fatturato[4]
Sei Salesiani
Atlas Bergamo
Lattes Torino
Palumbo Palermo
Gruppo La Scuola Brescia
Principato Milano


Controversie[modifica]

Il settore dell'editoria scolastica è il quarto mercato editoriale in Italia con bestsellers di cui nessuno si accorge e con i primi cinque editori che si dividono il 71% del mercato[4]. Tra i bestseller dell'editoria scolastica il libro di testo di matematica di Bergamini-Barozzi (Zanichelli), fisica di Amaldi (Zanichelli), filosofia di Abbagnano (Person)[4].

Un'accusa che viene mossa spesso agli editori scolastici è che pubblicano continuamente nuove edizioni, rendendo impossibile rivendere i libri usati[4].

Note[modifica]

  1. Libri di testo. La fornitura gratuita o in comodato dei libri di testo, studio della Camera dei deputati, documentazione parlamentare, 29 maggio 2019, CC BY-SA.
  2. http://consultazione.adozioniaie.it/
  3. Libri di testo. La fornitura gratuita o in comodato dei libri di testo, studio della Camera dei deputati, documentazione parlamentare, 29 maggio 2019, CC BY-SA.
  4. 4,00 4,01 4,02 4,03 4,04 4,05 4,06 4,07 4,08 4,09 4,10 4,11 4,12 4,13 Il business dei libri di scuola L'editoria scolastica è un quarto del mercato dei libri in Italia, ma funziona in modi del tutto diversi da quella che si rivolge alle librerie in "Il Post.it, 29/09/2015 https://www.ilpost.it/2015/09/29/come-funziona-leditoria-scolastica/.

Altri progetti[modifica]