Le ripartizioni del campo

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Le ripartizioni del campo
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Araldica


La ripetizione di partizioni semplici è definita ripartizione e si dice ripartito lo scudo che ne è ricoperto. A seconda del tipo di partizione che viene ripetuta, si incontrano le seguenti ripartizioni:

  • palato, quando le linee di partizione sono verticali,
  • fasciato, quando le linee di partizione sono orizzontali,
  • bandato, quando le linee di partizione sono parallele alla diagonale che va dal vertice superiore sinistro a quello inferiore destro,
  • sbarrato, quando le linee di partizione sono parallele alla diagonale che va dal vertice superiore destro a quello inferiore sinistro,
  • scaglionato, quando le linee di partizione sono a forma di scaglione, cioè formate da due semirette che si incontrano in un punto disposto lungo la linea verticale centrale dello scudo e si dirigono verso due punti posti sui lati dello scudo in posizione più bassa rispetto al punto di unione;
  • scaglionato riverso, quando lo scaglionato presenta i punti sui lati dello scudo più in alto di quello di unione.

Ogni ripartizione è detta di (n+1) pezzi in funzione del numero n di linee che la determinano.

La ripartizione, nel suo formato standard, è di 6 pezzi e in questo caso non se blasona il numero. In tutti gli altri casi il numero va indicato. In molti casi il nome della ripartizione viene modificato quando i pezzi sono più di 8, per cui si hanno le seguenti alterazioni:

  • il palato di 10 (o più) pezzi diviene verghettato di 10 (o più pezzi);
  • il fasciato di 10 (o più) pezzi diviene burellato di 10 (o più pezzi);
  • il bandato di 10 (o più) pezzi diviene cotissato di 10 (o più pezzi);
  • lo sbarrato di 10 (o più) pezzi diviene traversato di 10 (o più pezzi).

Si deve notare che il termine cotissato viene talvolta utilizzato per indicare, in stretta aderenza all'uso che ne fa l'araldica francese, la pezza lunga (quasi esclusivamente la banda) accostata da due cotisse, abitualmente dello stesso smalto della pezza ma talora anche di smalto diverso.

In generale il campo ripartito si blasona come: [palato / fasciato / trinciato / tagliato / scaglionato] di <smalto A> e di <smalto B> di <numero> pezzi. Il primo smalto da blasonare è quello che occupa l'angolo destro superiore dello scudo, tranne nel caso del trinciato in cui il primo smalto è quello che si posiziona nell'angolo superiore sinistro. Nella blasonatura di stile italo-francese si suole omettere il numero dei pezzi quando questo è pari e sei.

L'attributo che definisce il tipo di campo ripartito presenta talora il prefisso contra-. Questo prefisso indica che lo scudo è a sua volta diviso da una linea, sempre orientata secondo una delle direzioni araldiche, in due aree in cui gli smalti delle ripartizioni sono invertiti, equivalendo quindi a un passaggio dall'uno all'altro. La direzione araldica della linea di separazione viene abitualmente omessa quando è perpendicolare alla direzione delle ripartizioni; negli altri casi deve essere blasonata. Nella blasonatura è possibile indicare sia la partizione che divide in due lo scudo, sia la sola direzione araldica, ad esempio: contrabandato partito o contrabandato in palo.

Quando i due settori dello studio presentano smalti diversi non si può parlare di campo ripartito, ma di due partizioni separate ognuna delle quali porta smalti suoi propri.