Lavagne interattive multimediali

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
Lavagna Interattiva multimediale

La Lavagna Interattiva Multimediale, detta anche L.I.M., è un dispositivo elettronico avente le dimensioni di una tradizionale lavagna didattica, sul quale è possibile disegnare usando dei pennarelli virtuali o il sistema Touch screen.

Nello schema originario, è collegata ad un personal computer, del quale riproduce lo schermo. Permette quindi di mantenere il classico paradigma didattico centrato sulla lavagna, estendendolo con l'integrazione di multimedia, l'accesso ad internet e la possibilità di usare software didattico in modo condiviso. Può essere collegata anche ad un tablet ed in tal caso ha la funzione di far condividere un testo.

Tipologie[modifica]

Sulla base della tecnologia usata per interagire con il computer si possono attualmente classificare sei tipi di lavagne interattive multimediali:

  1. Elettromagnetiche
  2. Analogico-resistive
  3. Ottiche basate sull'infrarosso
  4. Laser
  5. Ultrasoniche
  6. Basate su tecniche di riconoscimento delle immagini

A seconda della tecnologia usata, può essere necessario usare degli appositi pseudo-pennarelli, oppure può essere possibile interagire con il computer toccando la lavagna stessa con un qualunque oggetto, o semplicemente con le dita.

Le lavagne interattive multimediali si dividono inoltre in due categorie per quanto concerne la tecnica di visualizzazione: possono essere retroproiettate o a proiezione frontale.

La prima lavagna interattiva multimediale risale al 1991[1].

Scuola italiana[modifica]

L'introduzione della lavagna interattiva multimediale nella scuola italiana risale al 2006 quando il ministro della pubblica istruzione Giuseppe Fioroni ne ha annunciato l'introduzione in Italia. L'iniziativa è stata poi ripresa, nell'ottobre 2008, dal ministro Maria Stella Gelmini che ha rilanciato il piano con l'obiettivo di dotare le scuole italiane di 10.000 lavagne multimediali. Obiettivo poi allargato negli anni successivi. Anche il suo successore Francesco Profumo ha affermato che la LIM è fondamentale nel rinnovamento tecnologico della didattica

« "Credo che ci debba essere un mix di tradizione e innovazione". »

Radio Tre Scienza

Bibliografia[modifica]

  • La Scuola con la LIM (Guida didattica per la Lavagna Interattiva Multimediale) di R. Gagliardi - M. Gabbari - A. Gaetano - Editore: Editrice La Scuola - Link: [2]
  • Glover and Miller (November 2002), "The Introduction of Interactive Whiteboards into Schools in the United Kingdom: Leaders, Led, and the Management of Pedagogic and Technological Change" International Electronic Journal For Leadership in Learning, Volume 6, Number 24 [3]
  • Glover, D and Miller, D, Averis, D and Door, V. (2005) The interactive whiteboard: a literature survey. Technology, Pedagogy and Education (14) 2: 155–170.
  • Smith, H.J. , Higgins, S., Wall, K., and Miller, J. (2005) Interactive whiteboards: boon or bandwagon? A critical review of the literature, Journal of Computer Assisted Learning, 21(2), pp. 91–101.
  • Giovanni Bonaiuti, Didattica attiva con la LIM - Metodologie, strumenti e materiali con la Lavagna Interattiva Multimediale, Edizioni Erickson
  • Francesco Zambotti, Didattica inclusiva con la LIM - Strategie e materiali per l'individualizzazione con la Lavagna Interattiva Multimediale, Edizioni Erickson

Altri progetti[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]