La poesia comico-realistica

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
La poesia comico-realistica
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materie:

Rustico Filippi[modifica]

Cecco Angiolieri[modifica]

Opere[modifica]

-Rime

Rime
  • s:Rime (Angiolieri)/I - – Accorri accorri accorri, uom, a la strada!
  • II - Or non è gran pistolenza la mia
  • III - I' ho sì poco di grazia 'n Becchina
  • IV - Oimè d'Amor, che m'è duce sì reo
  • V - Egli è sì agro il disamorare
  • VI - Quanto un granel di panico è minore
  • VII - Io poterei così star senz'amore
  • VIII - Quando veggio Becchina corrucciata
  • [[s:Rime (Angiolieri)/IX - Io averò quell'ora un sol dì bene|IX - Io averò quell'ora un sol dì bene]]
  • X - La mia malinconia è tanta e tale
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XI - E' m'è sì malamente rincresciuto|XI - E' m'è sì malamente rincresciuto]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XII - L'animo riposato aver solìa|XII - L'animo riposato aver solìa]]
  • XIII - Il cuore in corpo mi sento tremare
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XIV - Chi vol vantaggio aver a l'altre genti|XIV - Chi vol vantaggio aver a l'altre genti]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XV - Amor, poi che 'n sì greve passo venni|XV - Amor, poi che 'n sì greve passo venni]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XVI - L'Amor, che m'è guerrero ed enemico|XVI - L'Amor, che m'è guerrero ed enemico]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XVII - Quand'i' solev'udir ch'un fiorentino|XVII - Quand'i' solev'udir ch'un fiorentino]]
  • XVIII - Se si potesse morir di dolore
  • XIX - Eo ho sì tristo il cor di cose cento
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XX - Me' mi so cattiveggiar su 'n un letto|XX - Me' mi so cattiveggiar su 'n un letto]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXI - Da po' t'è 'n grado, Becchina, ch'i' muoia|XXI - Da po' t'è 'n grado, Becchina, ch'i' muoia]]
  • XXII - Becchina mia! – Cecco, nol ti confesso
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXIII - E' non è neun con cotanto male|XXIII - E' non è neun con cotanto male]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXIV - Lo mi' cor non s'allegra di covelle|XXIV - Lo mi' cor non s'allegra di covelle]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXV - Sonetto, da poi ch'i' non trovo messo|XXV - Sonetto, da poi ch'i' non trovo messo]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXVI - Anima mia, cuor del mi' corp', amore|XXVI - Anima mia, cuor del mi' corp', amore]]
  • XXVII - Oncia di carne, libra di malizia
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXVIII - Se 'l cor di Becchina fosse diamante|XXVIII - Se 'l cor di Becchina fosse diamante]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXIX - Se tutta l'acqu'a balsamo tornasse|XXIX - Se tutta l'acqu'a balsamo tornasse]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXX - Figliuol di Dio, quanto ben avre' avuto|XXX - Figliuol di Dio, quanto ben avre' avuto]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXXI - I' ho sì gran paura di fallare|XXXI - I' ho sì gran paura di fallare]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXXII - – Deh, bàstat'oggimai, per cortesia|XXXII - Deh, bàstat'oggimai, per cortesia]]
  • XXXIII - Io son sì altamente innamorato
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXXIV - I' ho tutte le cose ch'io non voglio|XXXIV - I' ho tutte le cose ch'io non voglio]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXXV - Per ogne gocciola d'acqua, c'ha 'n mare|XXXV - Per ogne gocciola d'acqua, c'ha 'n mare]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXXVI - S'i' non torni ne l'odïo d'Amore|XXXVI - S'i' non torni ne l'odïo d'Amore]]
  • XXXVII - Qualunque ben si fa, naturalmente
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXXVIII - Chi non sente d'Amor o tant'o quanto|XXXVIII - Chi non sente d'Amor o tant'o quanto]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XXXIX - – Becchin'amore, i' ti solev'odiare|XXXIX - Becchin'amore, i' ti solev'odiare]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XL - Sed i' avess'un sacco di fiorini|XL - Sed i' avess'un sacco di fiorini]]
  • XLI - Io poterei così disamorare
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XLII - La mïa donna m'ha mandato un messo|XLII - La mïa donna m'ha mandato un messo]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XLIII - Sed i' avess'un mi' mortal nemico|XLIII - Sed i' avess'un mi' mortal nemico]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XLIV - Il come né 'l perché ben lo sa Dio|XLIV - Il come né 'l perché ben lo sa Dio]]
  • XLV - Se io potesse con la lingua dire
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XLVI - E' fu già tempo che Becchina m'era|XLVI - E' fu già tempo che Becchina m'era]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XLVII - – Becchin'amor! – Che vuo', falso tradito?|XLVII - Becchin'amor! – Che vuo', falso tradito?]]
  • XLVIII - Da Giuda in fuor, neuno sciagurato
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XLIX - Qualunque giorno non veggio 'l mi' amore|XLIX - Qualunque giorno non veggio 'l mi' amore]]
  • L - Lassa la vita mia dolente molto
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LI - Maladetta sie l'or' e 'l punt'e 'l giorno|LI - Maladetta sie l'or' e 'l punt'e 'l giorno]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LII - I' m'ho onde dar pace e debbo e voglio|LII - I' m'ho onde dar pace e debbo e voglio]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LIII - Io vorre' 'nanzi 'n grazia ritornare|LIII - Io vorre' 'nanzi 'n grazia ritornare]]
  • LIV - Becchina, poi che tu mi fosti tolta
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LV - Ogn'altra carne m'è 'n odio venuta|LV - Ogn'altra carne m'è 'n odio venuta]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LVI - Credenza sia, ma sì 'l sappia chi vuole|LVI - Credenza sia, ma sì 'l sappia chi vuole]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LVII - S'i' mi ricordo ben, i' fu' d'amore|LVII - S'i' mi ricordo ben, i' fu' d'amore]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LVIII - Sed i' fossi costretto di pigliare|LVIII - Sed i' fossi costretto di pigliare]]
  • LIX - Qual uomo vuol purgar le sue peccata
  • LX - Io combattei con Amor ed hol morto
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXI - Io sent'o sentirò ma' quel, d'Amore|LXI - Io sent'o sentirò ma' quel, d'Amore]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXII - I' sono innamorato, ma non tanto|LXII - I' sono innamorato, ma non tanto]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXIII - E' non ha tante gocciole nel mare|LXIII - E' non ha tante gocciole nel mare]]
  • LXIV - Or se ne vada chi è innamorato
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXV - Tutto quest'anno ch'è, mi son frustato|LXV - Tutto quest'anno ch'è, mi son frustato]]
  • LXVI - In questo mondo, chi non ha moneta
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXVII - Così è l'uomo che non ha denari|LXVII - Così è l'uomo che non ha denari]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXVIII - Se l'omo avesse 'n sé conoscimento|LXVIII - Se l'omo avesse 'n sé conoscimento]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXIX - Or udite, signor, s'i' ho ragione|LXIX - Or udite, signor, s'i' ho ragione]]
  • LXX - Un danaio, non che far cottardita
  • LXXI - Di tutte cose mi sento fornito
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXII - La povertà m'ha sì disamorato|LXXII - La povertà m'ha sì disamorato]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXIII - I' son sì magro, che quasi traluco|LXXIII - I' son sì magro, che quasi traluco]]
  • LXXIV - A chi nol sa non lasci Dio provare
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXV - In una ch'e' danar mi danno meno|LXXV - In una ch'e' danar mi danno meno]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXVI - Quando non ho denar, ogn'om mi schiva|LXXVI - Quando non ho denar, ogn'om mi schiva]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXVII - Ogne mie 'ntendimento mi ricide|LXXVII - Ogne mie 'ntendimento mi ricide]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXVIII - In nessun modo mi poss'acconciare|LXXVIII - In nessun modo mi poss'acconciare]]
  • LXXIX - Per ogni oncia di carne che ho addosso
  • LXXX - La stremità mi richer per figliuolo
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXXI - Per sì gran somma ho 'mpegnate le risa|LXXXI - Per sì gran somma ho 'mpegnate le risa]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXXII - I' ho sì poco di quel ch'i' vorrei|LXXXII - I' ho sì poco di quel ch'i' vorrei]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXXIII - Egli è maggior miracol, com'io vivo|LXXXIII - Egli è maggior miracol, com'io vivo]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXXIV - Se Die m'aiuti, a le sante guagnele|LXXXIV - Se Die m'aiuti, a le sante guagnele]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXXV - Babb'e Becchina, l'Amor e mie madre|LXXXV - Babb'e Becchina, l'Amor e mie madre]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXXVI - S'i' fosse foco, arderei 'l mondo|LXXXVI - S'i' fosse foco, arderei 'l mondo]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXXVII - Tre cose solamente mi so 'n grado|LXXXVII - Tre cose solamente mi so 'n grado]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXXVIII - Qual è senza danari 'nnamorato|LXXXVIII - Qual è senza danari 'nnamorato]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/LXXXIX - Sed i' credesse vìvar un dì solo|LXXXIX - Sed i' credesse vìvar un dì solo]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XC - I' potre' anzi ritornare in ieri|XC - I' potre' anzi ritornare in ieri]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XCI - I' ho un padre sì complessionato|XCI - I' ho un padre sì complessionato]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XCII - Morte, merzé, se mi' prego t'è 'n grato|XCII - Morte, merzé, se mi' prego t'è 'n grato]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XCIII - Sed i' avesse mille lingue in bocca|XCIII - Sed i' avesse mille lingue in bocca]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XCIV - Il pessimo e 'l crudele odio, ch'i' porto|XCIV - Il pessimo e 'l crudele odio, ch'i' porto]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XCV - Non potrebb'esser, per quanto Dio fece|XCV - Non potrebb'esser, per quanto Dio fece]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XCVI - Non si disperin quelli de lo 'nferno|XCVI - Non si disperin quelli de lo 'nferno]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XCVII - Chi dice del suo padre altro, ch'onore|XCVII - Chi dice del suo padre altro, ch'onore]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XCVIII - Tant'abbo di Becchina novellato|XCVIII - Tant'abbo di Becchina novellato]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/XCIX - I' non vi miro perzar, morditori|XCIX - I' non vi miro perzar, morditori]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/C - Lassar vo' lo trovare di Becchina|C - Lassar vo' lo trovare di Becchina]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CI - Dante Alighier, Cecco, 'l tu' serv'e amico|CI - Dante Alighier, Cecco, 'l tu' serv'e amico]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CII - Dante Alighier, s'i' so bon begolardo|CII - Dante Alighier, s'i' so bon begolardo]]
  • CIII - Quando Ner Picciolin tornò di Francia
  • CIV - A cosa fatta non vale pentere
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CV - Egli è sì poco di fede e d'amore|CV - Egli è sì poco di fede e d'amore]]
  • CVI - Senno non val a cui fortuna è cònta
  • CVII - Stando lo baldovino dentro un prato
  • CVIII - Questo ti manda a dir Cecco, Simone
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CIX - Avvegna ched i' paghi 'l tu' mirare|CIX - Avvegna ched i' paghi 'l tu' mirare]]
  • CX - Maladetto e distrutto sia da Dio
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXI - S'i' potesse d'amico in terzo amico|CXI - S'i' potesse d'amico in terzo amico]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXII - A cui è 'n grado de l'Amor dir male|CXII - A cui è 'n grado de l'Amor dir male]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXIII - Quando mie donn'esce la man del letto|CXIII - Quando mie donn'esce la man del letto]]
  • CXIV - I buon parenti, dica chi dir vuole
  • CXV - Con gran malinconia sempre istò
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXVI - L'uom non può sua ventura prolungare|CXVI - L'uom non può sua ventura prolungare]]
  • CXVII - Un mercennaio intende a grandeggiare
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXVIII - Chi de l'altrui farina fa lasagne|CXVIII - Chi de l'altrui farina fa lasagne]]
  • CXIX - Ciò che naturalmente fu creato
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXX - L'altrier sì mi ferìo una tal ticca|CXX - L'altrier sì mi ferìo una tal ticca]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXXI - I' son venuto di schiatta di struzzo|CXXI - I' son venuto di schiatta di struzzo]]
  • CXXII - Udite udite, dico a voi, signori
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXXIII - I' so non fermo in su questa oppenione|CXXIII - I' so non fermo in su questa oppenione]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXXIV - Un Corzo di Corzan m'ha sì trafitto|CXXIV - Un Corzo di Corzan m'ha sì trafitto]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXXV - In tale, che d'amor vi passi 'l core|CXXV - In tale, che d'amor vi passi 'l core]]
  • CXXVI - Deh guata, Ciampol, ben questa vecchiuzza
  • CXXVII - Pelle chiabelle di Dio, no ci arvai
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXXVIII - Ogni capretta ritorn'a su' latte|CXXVIII - Ogni capretta ritorn'a su' latte]]
  • [[s:Rime (Angiolieri)/CXXIX - Salute manda lo tu' Buon Martini|CXXIX - Salute manda lo tu' Buon Martini]]