L'Italia nel Rinascimento

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
L'Italia nel Rinascimento
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Storia moderna


Il Rinascimento iniziò in Italia nel XIV secolo e continuò nel XVII secolo. Significava letteralmente "rinascita", poiché era visto come una rinascita dell'apprendimento e della cultura classici. Ci sono stati sviluppi nella filosofia (in particolare nell'umanesimo), nella scienza, nella tecnologia e nella guerra.A quel tempo, l'Italia era il centro della cultura in Europa. Gli scrittori della classe media erano sostenuti dal mecenatismo nobiliare e, di conseguenza, all'inizio del Rinascimento la letteratura fiorì accanto al revival classico. Ciò portò alla nascita dell'umanesimo, un movimento intellettuale che sosteneva lo studio della storia e della letteratura come mezzo principale per identificarsi con le glorie del mondo antico. L'umanesimo sosteneva l'apprendimento classico e la partecipazione attiva dell'individuo negli affari civici.

La concezione rinascimentale della vita e del ruolo dell'uomo sulla terra era più laica che in passato, ma non era in alcun modo non religiosa. Ora si credeva che Dio tenesse le persone al di sopra di ogni altra cosa e che la cosa più grande dell'essere umani fosse il libero arbitrio dell'uomo di scegliere. Le persone venivano celebrate, poiché gli studiosi del Rinascimento sostenevano che gli uomini sono fatti a immagine di Dio e che dovremmo celebrare i talenti e le capacità che Dio ci ha dato. La gente credeva che la vita sulla Terra fosse intrinsecamente preziosa e che i cittadini dovessero sforzarsi di essere il meglio che possono. L'enfasi del Rinascimento era sull'individuo piuttosto che sul collettivo.

La Casa dei Medici governò Firenze (come Repubblica, poi Ducato di Firenze e Granducato di Toscana), per la maggior parte del periodo dal 1434 all'inizio del XVIII secolo. Hanno patrocinato molti intellettuali associati al Rinascimento; questi includevano Leonardo da Vinci, Michelangelo, Galileo Galilei, Sandro Botticelli è particolarmente a Niccolò Machiavelli, il padre della moderna scienza politica.

Niccolò di Bernardo dei Machiavelli[modifica]

Niccolò di Bernardo dei Machiavelli (3 maggio 1469 – 21 giugno 1527) è stato uno storico, politico, diplomatico, filosofo, umanista e scrittore italiano con sede a Firenze durante il Rinascimento. Fu uno dei fondatori della moderna scienza politica, e più specificamente dell'etica politica political. Il testo principale principale che verrà utilizzato in questa unità è Il principe di Niccolò Machiavelli. Il Principe è un trattato politico e segue la dottrina delle Relazioni Internazionali del Realismo Classico. Pubblicato per la prima volta nel c. 1516, Il principe è diventato da allora uno dei principali pezzi storici sulla politica e sull'arte di governo durante il Rinascimento in Italia.

La ricerca di Machiavelli ha mostrato che un leader di successo di una nazione ha agito in diversi modi:

  • Il suo potere dovrebbe essere ritenuto più importante dell'etica e della morale
  • È meglio essere temuto, non amato, ma non dovrebbe mai essere odiato
  • I suoi consiglieri dovrebbero essere sinceri e leali, dovrebbe evitare gli adulatori e dovrebbe selezionare consiglieri vecchi ed esperti perché mancano dell'ambizione di tentare di rubare il suo potere
  • Dovrebbe essere sia il leone (coraggioso) che la volpe (astuta)
  • Dovrebbe rompere i trattati e le promesse quando ne beneficia e dovrebbe presumere che tutti gli altri faranno lo stesso