Ipovedenti

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Ipovedenti
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Didattica per ipovedenti




La definizione normativa degli ipovedenti Attualmente è stata fissata nella legge n.138 del 3 aprile 2001, che distingue tra:

  1. "ipovedenti gravi": coloro che hanno un visus compreso tra 1/20 e 1/10 oppure una riduzione del campo visivo tra il 10% e il 30%;
  2. "ipovedenti medio-gravi": coloro che hanno un visus compreso tra 1/10 e 2/10 oppure una riduzione del campo visivo tra il 30% e il 50%;
  3. "ipovedenti lievi" (coloro che hanno un visus compreso tra 2/10 e 3/10 oppure una riduzione del campo visivo tra il 50% e il 60%.

L'ipovisione è una condizione di acutezza visiva molto limitata che ha notevoli conseguenze sulla vita quotidiana. Può essere causata da vari fattori (siano essi congeniti o acquisiti). La vista si può ridurre fortemente in seguito a patologie che possono colpire diverse strutture oculari, che vanno dalla cornea alla retina, fino al nervo ottico.

L'ipovisione può essere associata a malattie che provocano una riduzione del campo visivo. Ad esempio, nel caso del glaucoma avanzato, che danneggia il nervo ottico, è come se si guardasse attraverso un tubo; oppure si può essere colpiti da patologie della macula, la zona centrale della retina (la più comune è la degenerazione maculare senile, che provoca la perdita della visione centrale). L'ipovisione grave può degenerare in cecità, che può essere parziale o totale.

Classificazione della cecità e dell'ipovisione[modifica]

Per indicare il deficit visivo che porta ad avere una visione ridotta esiste una classificazione specifica:

  • La cecità o amaurosi è definita totale quando l'occhio non percepisce affatto la luce.
  • La cecità funzionale è presente quando il sistema visivo percepisce la luce, ma è incapace di percepire le forme.
  • La cecità legale è presente quando la percezione, non superiore a 1/20 nei ciechi parziali, non permette l'autonomia del soggetto. L'ampiezza del campo visivo è inferiore al 3% per i ciechi totali oppure al 10% per i ciechi parziali (ad entrambi gli occhi o nell'occhio migliore anche con correzione).
  • l'ipovisione può essere grave (residuo visivo non superiore a 1/10 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore anche con correzione; residuo perimetrico binoculare inferiore al 30%), medio-grave (residuo visivo non superiore a 2/10 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore anche con correzione; residuo perimetrico binoculare inferiore al 50%) oppure lieve (residuo visivo non superiore a 3/10 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore anche con correzione; residuo perimetrico binoculare inferiore al 60%).

La fascia d'età è definita statisticamente in un range compreso, il più delle volte, tra i 65 e gli 84 anni. Vedi Associazione Nazionale Subvedenti


Altri progetti[modifica]