Introduzione alla sociologia

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Introduzione alla sociologia
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Istituzioni di sociologia

La meta di questo capitolo è presentare i metodi assunti dai sociologi nel loro studio della vita sociale. Questo non è un capitolo sulle statistiche né sui dettagli specifici dei metodi di investigazione sociologica. Lo scopo primario è illustrare come i sociologi vanno oltre il senso comune nel tentare di spiegare o capire i fenomeni sociali.

Senso comune[modifica]

Senso comune, nella lingua di ogni giorno, è "l'insieme di opinioni di persone ordinarie" o "giudizio prudente ma spesso non sofisticato. Una definizione di common sense è nel sito inglese Merriam-Webster. La sociologia e le altre scienze sociali sono state accusate di non essere nulla più che scienze del senso comune. Mentre c'è certamente della base per l'accusa — alcune delle scoperte della sociologia confermano il senso comune di come la società sembra funzionare - la sociologia va ben oltre il senso comune nella sua ricerca di conoscenza. La sociologia fa questo applicando metodologia scientifica ed empirismo ai fenomeni sociali. È anche interessante notare che il senso comune possa svilupparsi da investigazioni sociologiche. Scoperte passate in studi sociologici possono entrare nella cultura di ogni giorno, diventando senso comune quello che davvero è il risultato di investigazione sociologica. Esempi di investigazione sociologica che servono da fondazione per il senso comune sono qui sotto.

Negli anni settanta e primi anni ottanta, un nuovo movimento religioso stava guadagnando la notorietà per la sua espansione rapida. Questo movimento, la Chiesa dell'unificazione, fu criticato pesantemente perché incoraggiava i membri ad abbandonare tutti i legami dai non-membri ed aggregarsi in centri di movimento per accettare la visione di un mondo migliore. Le accuse di brainwashing erano comuni: si credeva che I Moonies stessero costringendo persone a congiungersi al movimento ed abbandonare le loro vite precedenti contro la loro volontà. Per determinare se le accuse erano accurate, Eileen Barker (1984) intraprese un lungo investigazione sociologica per esplorare come persone vennero ad affiliarsi con i Moonies. Lei trovò che i convertiti all'Unificazione non erano costretti contro la loro volontà ma avevano preso una decisione ragionata di congiungersi al movimento. In altre parole, il movimento non faceva il lavaggio del cervello, offriva una visione nuova ed alternativa, ma non costringeva nessuno ad adottarla. Ciò che scopriì la Barker era che i Moonies erano accusati di fare il lavaggio del cervello perché (1) loro erano un Movimento Religioso Nuovo e (2) loro incoraggiavano una separazione distinta dal mondo esterno. Questa è un'accusa comune a Movimenti Religiosi Nuovi, specialmente quelli che richiedono impegni significativi dai loro membri. Questo esempio illustra come la sociologia può esaminare il senso comune nei processi sociali.

Un esempio di sociologia che offre una base per senso comune è la ricerca di William Chambliss (1973) su posizione sociale e devianza. Chambliss osservò due gruppi di giovani uomini per vedere come accoppiavano la loro immagine ai loro comportamenti. I due gruppi furono nominati I Migliori e I Peggiori. I Migliori venivano dalla borghesia e, agli occhi di genitori, insegnanti, e in forza di legge erano come santificati — non potevano fare alcuno sbaglio. I Peggiori venivano da famiglie di bassa classe ed erano accusati costantemente di sbagliare. Chambliss, nell'osservare i due gruppi, notò che I Migliori erano più devianti dei Peggiori, ma loro scampavano al giudizio perché commettevano i loro atti di devianza fuori città. I Peggiori, a causa della loro mancanza di mobilità e fondi, commettevano i loro atti di devianza in pubblico, portando i loro concittadini a considerarli devianti estremi. Le scoperte di Chambliss, non sono senso comune, ma le cose stanno così. Le persone sanno comprendere che il ritratto pubblico di uno stesso individuo non può rappresentare il suo privato. Questo è il caso dei serial killer, come accade in molti film.