Il Ricorso per Cassazione

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Il Ricorso per Cassazione
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Diritto processuale civile
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.

Il Ricorso per Cassazione è un mezzo d'impugnazione ordinario a effetto limitatamente devolutivo esperibile dinanzi alla Corte Suprema di Cassazione.

Disciplina[modifica]

Motivi del Ricorso per Cassazione[modifica]

Si possono far valere solo errores in procedendo (vizi nello svolgimento cioè nell'applicazione di norme processuali) ed errores in iudicando (vizi nell'applicazione di diritti sostanziali e nel percorrere l'iter logico che conduce a tale applicazione).

Tale mezzo d'impugnazione, di solito, ammette solo la fase rescindente, perché il giudizio verte sull'accertamento della sussistenza del vizio e sulla sua eventuale cassazione; il giudizio rescissorio spetta al Giudice di rinvio. Solo nel caso che non risultino ulteriori e necessari accertamenti in Cassazione avvengono entrambi i giudizi.

Il Ricorso non sospende l'esecuzione della Sentenza; solo nel caso che per istanza di parte il Giudice appuri che possa derivare grave e irreparabile danno l'esecuzione è sospesa con Ordinanza (procedimento art. 373 c.p.c.).

In sede civile, possono essere impugnate per ricorso:

  • Le Sentenze pronunciate in grado di appello o in unico grado per:
    • Vizi di attività: Erronea applicazione della legge processuale che determina la nullità dell'atto se non viene sanata, nullità che si può estendere a tutto il processo fino alla Sentenza: art. 360 c.p.c. numeri 1, 2, 4, 5 (quest'ultimo è l'unico caso in cui il giudizio comprende anche la fase rescissoria);
    • Vizi di giudizio: Erronea applicazione della legge sostanziale;
  • Le Sentenze appellabili ma per le quali le Parti si siano accordate per omettere l'Appello, omissio medio, in caso di vizi di giudizio;
  • Le Sentenze del Giudice di Pace di valore minore di 1.100 euro (per le quali è stato disposto il giudizio secondo equità);
  • Tutti i provvedimenti emessi in forma diversa dalla Sentenza quando incidono su diritti soggettivi, hanno natura decisoria e non sono altrimenti impugnabili (Ricorso Straordinario per Cassazione).

Procedimento[modifica]

Il Ricorso per Cassazione, che è l'atto introduttivo, deve contenere, a pena di inammissibilità:

    • L'indicazione delle Parti;
    • L'indicazione delle Sentenza o decisione impugnata;
    • L'esposizione sommaria dei fatti;
    • I motivi con l'indicazione delle norme su cui si fondano. L'illustrazione di ciascun motivo, per le sentenze emesse sino al 04/07/2009, si deve concludere, a pena di inammissibilità, con la formulazione di un quesito di diritto, che consenta alla Corte di enunciare un corrispondente principio di diritto. Per le Sentenze successive a tale data, avendo la legge n. 69/2009 abrogato l'art. 366-bis c.p.c. che ha introdotto l'obbligo di concludere con la formulazione di un quesito di diritto a pena di inammissibilità, non sarà più necessaria tale formulazione;
    • L'indicazione della Pprocura se conferita con atto separato;
    • Deve essere sottoscritto da avvocato iscritto ad apposito Albo.

Il Ricorso per Cassazione non contiene la vocatio in ius perché è rivolto solo alla Corte ma l'atto deve essere notificato al resistente prima del deposito alla Corte.

Il deposito del Ricorso per Cassazione in Cancelleria deve avvenire entro 20 giorni dall'ultima notifica a pena d'improcedibilità. Vanno depositati i seguenti documenti:

    • Eventuale Decreto del Patrocinio a Spese dello Stato;
    • Copia autentica della Sentenza o della decisione impugnata con la relata di notifica, se questa è avvenuta (con talune eccezioni di cui all'art. 369, 1º co., n. 2) c.p.c. e di cui a Cass. civ. n. 17066/2013) (n.b.: Importantissima sentenza delle SS.UU. civ. del 16/04/2009, n. 9005);
    • Procura Speciale;
    • Atti e documenti sui quali si fonda il Ricorso. Non si possono produrre documenti che non fossero già stati prodotti prima, a eccezione di quelli che riguardano la nullità della sentenza o l'ammissibilità del Ricorso o del Controricorso.

La Parte Resistente, se partecipa in maniera attiva, propone il Controricorso: Deve essere notificato al Ricorrente entro 20 giorni dal termine stabilito per il deposito del Ricorso per Cassazione.

Nel caso il Resistente volesse impugnare la Sentenza per altri motivi è possibile il Ricorso Incidentale da depositare insieme con il Controricorso, mentre la Parte che ha subito l'integrazione a norma degli artt. 331 e 332 c.p.c. deve proporre l'eventuale Ricorso entro 40 giorni dalla notificazione con atto notificato al Ricorrente Principale e alle altre Parti.

Redazione[modifica]

Schema[modifica]

Per la redazione del Ricorso per Cassazione si consiglia di seguire il seguente schema:

  1. Porre in alto al centro dell'atto "SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE";
  2. Indicare il nome dell'atto ("RICORSO PER CASSAZIONE") ponendolo al centro dello stesso;
  3. Individuare la Parte Ricorrente e inserire il suo nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale, residenza e domicilio eletto del Ricorrente. Indicare anche il nome, cognome, indirizzo dello studio, del Difensore. E' bene introdurre questa parte con la dicitura "PER" posta al centro dell'atto.
  4. Individuare la Parte Resistente e inserire il suo nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale, residenza e domicilio eletto del Resistente. Indicare anche il nome, cognome, indirizzo dello studio, del Difensore. E' bene introdurre questa parte con la dicitura "CONTRO" posta al centro dell'atto.
  5. Indicare il provvedimento giudiziale che si intende impugnare inserendo tutti i dati per la sua individuazione. E' bene introdurre questa parte con la dicitura "RICORSO" posta al centro dell'atto.
  6. Esporre le vicende processuali che hanno portato alla decisione impugnata. Nel ricostruire la storia processuale, in modo quanto più chiaro possibile, si consiglia di seguire l'ordine cronologico degli eventi. E' bene introdurre questa parte con la dicitura "FATTO" posta al centro dell'atto;
  7. Prospettare le ragioni giuridice poste a fondamento della domanda cioè esporre le ragioni di diritto per il quale si ritiene fondanta il Ricorso per Cassazione chiaramente evitando di dilungarsi in dissertazioni e, soprattutto, espondendo solo ragioni favorevoli alla propria Parte. Si consiglia di introdurre questa parte prima con la dicitura "DIRITTO" posta al centro dell'atto introducendo la parte per poi inserire la dicitura "MOTIVI" elencando dettagliatamente i motivi del Ricorso per Cassazione;
  8. Specificare le proprie conclusioni indicando ciò che si chiede di cassare alla Corte di Cassazione. Si consiglia di introdurre questa parte con "CONCLUDE" posta al centro dell'atto;
  9. Indicare il luogo e la data di redazione dell'atto;
  10. Il Difensore deve sottoscrivere l'atto;
  11. Redarre la Procura alle Liti in calce all'atto;
  12. Redarre la Relata di Notifica dell'Ufficiale Giudiziario inserendo come luogo quello dove è sito l'ufficio dell'Ufficiale Giudiziale e lasciando la data in bianco.

Esempio[modifica]

Un esempio di Ricorso per Cassazione è il seguente:

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE
RICORSO PER CASSAZIONE
PER

... (Cod. Fisc. ...) nato a ..., il ..., residente in ... (se è una società inserire “in qualità di legale rappresentante della società ...., con P.Iva ... avente sede legale in ...”), ed elettivamente domiciliato in ... presso lo studio dell'Avv. ... (indicare codice fiscale, indirizzo, fax e pec) che lo rappresenta e difende in virtù di mandato a margine del presente atto – Ricorrente

CONTRO

... (Cod. Fisc. ...) nato a ..., il ..., residente in ..., ed elett.te dom.to in ... presso lo studio del suo procuratore costituito Avv. ... (indicare codice fiscale, indirizzo, fax e pec) - Resistente

RICORSO

Avverso la sentenza n. ..., emessa dalla Corte di Appello di ..., in data ... e notificata il ... con la quale si statuiva quanto segue:

... RIPORTARE IL DISPOSITIVO DELLA SENTENZA IMPUGNATA ...

FATTO

Con atto di citazione del ... il sig. ... chiedeva ...

Costituendosi in giudizio il convenuto contestava la domanda deducendo che ...

Il giudice di primo grado con sentenza del ... dichiarava ...

Avverso tale sentenza veniva proposto gravame sulla base dei seguenti motivi: ...

Costituendosi in giudizio l’appellato chiedeva il rigetto dell’appello in quanto ...

La corte d’appello di ... decideva la causa come da dispositivo sopra trascritto.

DIRITTO

Avverso detta sentenza parte ricorrente propone ricorso per cassazione per i seguenti

MOTIVI

A) violazione dell’art. ... in relazione all’art. 360 primo comma lett. a) c.p.c.

B) violazione dell’art. ... in relazione all’art. 360 primo comma lett. b) c.p.c.

C) violazione e falsa applicazione degli articoli ... in relazione all’art. ... (citare norma di diritto) o all’art. (citare contratti e accordi collettivi nazionali di lavoro che si assumono violati)

D) per nullità delle sentenza o del procedimento

E) omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia .

-tutto ciò premesso,

CONCLUDE

Voglia la Ecc.ma Corte di Cassazione, in accoglimento dei motivi suesposti, cassare l'impugnata sentenza n. ... emessa dalla Corte di Appello di ... con vittoria di spese, competenze e onorari di causa.

....., lì .....

Avv. .....

PROCURA ALLE LITI

Io sottoscritto ……, nato a …… il …… (Cod. Fisc. ……), delego a rappresentarmi e difendermi nel presente giudizio (oppure “in qualità di legale rappresentante, delego a rappresentare e difendere nel presente giudizio la società ……, con P.Iva …, avente sede legale in ……”), in ogni sua fase e grado, con ogni più ampia facoltà del caso e di legge, ivi comprese, in via esemplificativa e non esaustiva, la facoltà di proporre e/o resistere a gravami, opposizioni, reclami, di riscuotere e quietanzare somme, di procedere in via esecutiva, di chiamare terzi in causa, di estendere o ridurre le domande, di proporre nuove domande ed eccezioni, di agire in via riconvenzionale, di transigere e/o conciliare, l’Avv. …… (cod. Fisc. ……).

Eleggo domicilio presso e nel suo studio in ……, via …… n° …….

Dichiaro di essere stato informato ai sensi dell’art. 4, 3° comma, D.lgs. n. 28/2010 e s.m.i., della possibilità di ricorrere al procedimento di mediazione ivi previsto e dei benefici fiscali di cui agli artt. 17 e 20 del medesimo decreto.

Dichiaro inoltre di essere stato informato, ai sensi dell’art. 2, 7° comma, D.L. n. 132/2014, della possibilità di ricorrere alla convenzione di negoziazione assistita da uno o più avvocati disciplinata dagli artt. 2 e ss. del suddetto decreto legge.

Dichiaro altresì di essere stato informato delle caratteristiche e dell’importanza dell’incarico, delle attività da espletare, delle iniziative ed ipotesi di soluzione, della prevedibile durata del processo, nonché di avere ricevuto tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento sino alla conclusione dell’incarico; altresì, dichiaro di aver ricevuto ed accettato un preventivo scritto relativo alla prevedibile misura del costo della prestazione, distinguendo fra oneri, spese, anche forfetarie, e compenso professionale. Sono stati resi noti gli estremi della polizza assicurativa

Dichiaro infine di aver ricevuto tutte le informazioni previste ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR) e art. 13 del D.lgs 196/2003 e s.m.i. e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per l’espletamento del mandato conferito.

....., lì .....

Sig. .....

Oppure per le società: Per la società ....., il Sig. ..... (sottoscrizione legale rapp.te)

La firma è autentica

Avv. .....

RELATA DI NOTIFICA

Io sottoscritto, Assistente U.N.E.P., ad istanza come sopra, ho notificato il suesteso atto a ... elett.te dom.to presso il suo procuratore costituito Avv. ... in ...

....., lì .....

L'Ufficiale Giudiziario .....