I tre moschettieri

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
Icona
Attenzione, questa pagina è stata importata da uno degli altri progetti di Wikimedia, pertanto non risponde in modo esatto alle esigenze e alla formattazione di questo progetto. Il testo necessita, quindi, di essere adeguato e formattato secondo le linee guida di Wikiversità.
lezione
I tre moschettieri
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Classici della letteratura per ragazzi




Il cardinale Mazzarino ricevuto dalla regina di Francia, Anna d'Austria

I tre moschettieri (Les trois mousquetaires) è un romanzo d'appendice scritto dal franceseAlexandre Dumas (padre) nel 1844 e pubblicato originariamente a puntate sul giornale w:Le Siècle. È uno dei romanzi più famosi e tradotti della letteratura francese e ha dato inizio a una trilogia, che comprende Vent'anni dopo (1845) e Il visconte di Bragelonne (1850).

I tre moschettieri del titolo sono Athos, Porthos e Aramis, a cui poi si aggiungere il protagonista del romanzo, D'Artagnan.

Trama[modifica]

In Francia, nel 1625: un povero guascone, Charles de Batz de Castelmore d'Artagnan, va a Parigi per entrare nelle guardie di re Luigi XIII. Porta con sé una lettera di presentazione indirizzata al signore di Tréville, capo dei moschettieri, ma questa lettera gli viene rubata dal cavaliere di Rochef. Dopo l'udienza con Tréville, fa un incontro accidentale con Athos, Porthos e Aramis, i più famosi moschettieri del re, che lo sfidano a duello l'uno all'insaputa dell'altro.

Mentre stanno per sfidarsi, le guardie del cardinale Richelieu li arrestano perché la legge proibiva i duelli, ma i moschettieri e D'Artagnan combbattono contro le guardie,uscendo vittoriosi.

Dopo qualche giorno vengono convocati dal re, che non li rimprovera per non aver rispettato le leggi, ma si complimenta con loro. In politica, il primo ministro, il cardinale Richelieu, è schierato formalmente con il Re, ma non ama la Regina (d' origini austriache), perché ha parenti Spagnoli, un pericolo per la Francia; inoltre il Duca di Buckingham è amante della regina che, in pegno della loro relazione, gli ha regalato dodici puntali di diamanti, originariamente dono del re di francia alla sposa.

Il Cardinale lo scopre e trama nell'ombra: propone al re di organizzare un ballo di corte, dove la regina avrebbe avuto l'occasione di sfoggiare i puntali di diamante. Il Re accetta e la Regina deve recuperarli al più presto. Costanza Bonacieux è la guardarobiera della regina di cui è innamorato D'Artagnan e questa gli chiede di assumere l'incarico. D'Artagnan accetta e parte con Athos, Porthos e Aramis, mentre gli uomini del cardinale sono messi sulle loro tracce dal marito di Costanza. Alla prima sosta in una locanda, i moschettieri sono provocati da un avventore che costringe Porthos al duello. Gli altri tre ripartono; fuori dalla cittadina di Beauvais incontrano degli uomini che stanno lavorando: è una trappola. Aramis è ferito e resta in una locanda, ma Athos e D'Artagnan proseguono il viaggio. Athos viene bloccato, ma D'Artagnan raggiunge Calais e s'imbarca per l'Inghilterra.

A Londra si presenta da Buckingham, che gli consegna i puntali, ma si scopre che ne mancano due, sottratti da Milady de Winter, una spia del cardinale. Il duca ne fa fare una coppia identica all'originale e D'Artagnan li porta a Parigi, in tempo per salvare l'onore della Regina. Il Cardinale si vendica e fa rapire Costanza da Milady. D'Artagnan, invece parte per ordine di Tréville, alla ricerca dei tre amici.

Per primo trova Porthos, rimasto nella locanda; poi Aramis, ritiratosi a Crevecoeur a meditare; infine Athos,nascosto nella dispensa della locanda. D'Artagnan ingaggia una lotta contro il conte di Winter, che, terminato lo scontro, lo invita nel suo palazzo, dove il giovane fa la conoscenza di Milady. D'Artagnan finge di innamorarsi di Milady per capire quale posizione occupa a corte; Milady, però, è innamorata del conte di Wardes e dà alla sua cameriera Ketty una lettera con una proposta di incontro; Ketty è però a sua volta innamorata di D'Artagnan e gli fa vedere la lettera. D'Artagnan decide di presentarsi al posto del Conte di Wardes con l'intenzione di fissare un incontro di notte per ucciderla. Quando sta per uccidere Milady, ella chiama aiuto e D‘Artagnan nota sulla sua spalla il simbolo del giglio, con il quale vengono marchiati i condannati a morte francesi. D'Artagnan deve scappare perché stanno arrivando delle persone, accorse alle grida di Milady; con lui scappa anche Ketty, che andrà in campagna da una tessitrice. Nel frattempo è scoppiata la guerra e i moschettieri vengono inviati a combattere a La Rochelle, l'ultima piazzaforte ugonotta.

Per vincere la guerra, Richelieu manda Milady ad assassinare il duca di Buckingham; D'Artagnan e gli altri lo scoprono e mandano una lettera a suo cognato, Lord Winter, che la intercetta e la arresta sulle coste inglesi. Una volta in prigione, tuttavia, Milady, con false storie, riesce a corrompere il generale Felton che la aiuta a evadere e poi, per lei, uccide con un pugnale il duca di Buckingham. D'Artagnan viene a sapere che Costanza sta morendo, avvelenata da Milady e, volendo a tutti i costi consegnare alla giustizia la donna, con l'aiuto dei tre moschettieri e un uomo dal mantello rosso, la cattura e l'accusa dei suoi tremendi delitti. Milady respinge le accuse e a questo punto si fa avanti l'uomo avvolto nel mantello rosso, il boia di Lilla. Molti Anni prima Milady era stata la responsabile del suicidio del fratello del boia e quindi viene giustiziata. Richelieu riconosce i servizi di D'Artagnan e lo nomina luogotenente dei moschettieri.

Personaggi principali[modifica]

Il moschettiere è una figura realmente esistente nella Francia dal XVI secolo fino al XIX. I moschettieri di cui si parla nel libro vengono riferiti alla compagnia reclutata dal re Luigi XIII come sua guardia personale. La compagnia dei moschettieri è contrapposta nel libro e nella storia alle guardie del Cardinale Richelieu, con cui si scontrano in numerosi duelli illegali.

I tre moschettieri protagonisti vengono presentati con dei soprannomi e sempre nominati con questi pseudonimi così da nascondere il loro vero nome che non verrà mai rivelato.

Athos — Il più ammirato fra i tre da d'Artagnan. Di animo nobile e distinto, riesce con il suo approccio freddo a nascondere le sue emozioni. È forse il più viziato fra i quattro amici, non si fa mancare nulla ed è abile conoscitore della scherma e dell'equitazione. Quando ancora non era moschettiere, ma conte de la Fère, ha sposato una giovane rivelatasi poi marchiata a fuoco, e che più tardi si scoprirà essere l'incantatrice Milady. È il più intelligente, anche se stima d'Artaganan come tale.

L'ultimo è appunto chiamato dal conte "figlio mio". All'inizio del primo romanzo, l'autore scrive di aver ritrovato le "Memorie del Conte de la Fere" e di avere saputo pressoché l'intera storia da queste memorie: in realtà Dumas padre ricaverà il soggetto della sua trilogia dalle autentiche "Memorie di D'Artagnan", scritte dal vero personaggio storico. Riceverà, nel corso degli altri due libri, gli ordini cavallereschi Della Giarretiera (conferitogli da Carlo I Stuart, Inghilterra), Dello Spirito Santo (da Anna d'Austria, Francia), ed, infine, del Toson d'Oro (conferitogli da Carlo II Stuart, nonostante, lo specifica lo stesso Dumas, l'ordine sia spagnolo).

Grimaud — Servo di Athos, affezionato al suo padrone che venera per la sua intelligenza. Non parla quasi mai perché, per un grande periodo di tempo, il suo padrone Athos lo fa rimanere muto per anni e anni, e nonostante in seguito gli abbia permesso di parlare, si esprime in poche parole e molti gesti. Obbedisce ciecamente al suo signore.

Planchet — Servo di d'Artagnan, umile, coraggioso e legato al padrone. Il ruolo dei servitori in questo libro è molto importante. Vengono menzionati molto spesso e sarà anche grazie a loro che i quattro amici riusciranno nelle loro imprese.

Porthos — Questi è il più alla mano dei tre. Gioca spesso ai dadi scommettendo tutto quello che gli capita tra le mani. La sua amante, la signora Coquenard, è moglie di un procuratore, ed egli confida in lei per le proprie finanze, ma il marito ottantenne impedirà più di una volta questi favori. Tra i Moschettieri è quello che tiene di più al suo onore. Anche lui usa un nome "di battaglia" al posto del suo nome autentico: du Bracieux. Anna d'Austria lo nominerà, alla fine di "Vent'anni dopo", barone du Vallon (castello al quale ha dato il nome), de Bracieux de Pierrefonds (entrambe tenute da lui comprate). Sicuramente è il più forte dei tre moschettieri.

Mosqueton — Normanno servo di Porthos, il cui vero nome è Bonifacio, presta servizio al suo padrone senza molte pretese. Sempre vestito in maniera elegante, grazie ad un abile sarto, fa fare bella figura a Porthos. Dopo che il suo padrone è diventato barone, ha cambiato il suo nome in Mouston, anche se d'Artagnan lo chiama sempre con il nome che aveva prima.

Aramis — All'apparenza è uomo di chiesa mancato, il quale solo provvisoriamente indossa le vesti di Moschettiere, il che gli dà modo, fra un richiamo alla fede e l'altro, di amare una nobildonna. I suoi studi di indirizzo ecclesiastico traspaiono dalla conoscenza delle arti e della lingua latina; molto spesso compone poesie. Diventerà abate d'Herblay.

Bazin — Servo di Aramis, è certo che il suo padrone un giorno vestirà gli abiti ecclesiastici. Egli stesso si veste sempre di nero, come si conviene al servo di un uomo di chiesa. Dolce e pacifico, è bigotto e devotissimo ad Aramis, suo padrone, ed alla Santa Romana Chiesa.