Componenti Hardware Rete/Livello di rete

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Componenti Hardware Rete/Livello di rete
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Laboratorio di informatica I




Il livello rete (Network layer) è il livello 3 della pila ISO/OSI. Questo livello riceve datagrammi dal Livello di trasporto e forma pacchetti che vengono passati al livello di collegamento.

Il compito del livello di rete è la trasmissione di pacchetti tra due host arbitrari, che in generale non sono direttamente connessi (ovvero non hanno un collegamento diretto tra di loro). Nel modello ISO/OSI, il livello di rete è presente in tutti i commutatori della rete, mentre i livelli superiori sono presenti solo nei nodi terminali.

Router[modifica]

Moderno router

Nella tecnologia delle reti informatiche un router, in inglese letteralmente instradatore, è un dispositivo di rete che si occupa di instradare pacchetti tra reti diverse ed eterogenee.

Un Router lavora al livello 3 (rete) del modello OSI, ed è quindi in grado di interconnettere reti di livello 2 eterogenee, come ad esempio una LAN ethernet con un collegamento geografico in tecnologia frame relay o ATM.

La funzione di instradamento è basata sugli indirizzi di livello 3 (rete) del modello OSI, a differenza dello switch che instrada sulla base degli indirizzi di livello 2 (collegamento). Gli elementi della tabella di instradamento non sono singoli calcolatori ma reti locali. Questo permette di interconnettere grandi reti, senza crescite incontrollabili della tabella di instradamento.

Rispetto ai bridge, infatti, i router, operando a livello 3, non utilizzano il MAC address ma l'indirizzo IP, per cui vanno configurati e non sono plug and play.

Per garantire la massima affidabilità e lo sfruttamento ottimale dei collegamenti in caso di reti complesse costituite da molte sottoreti diverse e variamente interconnesse, i router si scambiano periodicamente fra loro informazioni su come raggiungere le varie reti che collegano l'un l'altro, che poi usano per ricavare ed aggiornare delle tabelle di instradamento interne da consultare ogni volta che devono smistare i pacchetti di dati in arrivo.

Rispetto ad un bridge, il router blocca le tempeste broadcast e razionalizza meglio le connessioni tra host posti su segmenti diversi.

Per fare questo sono stati messi a punto dei protocolli di routing appositi, come OSPF e BGP, attraverso i quali i router si scambiano informazioni sulle reti raggiungibili.

Alcuni router possiedono anche un firewall incorporato, poiché il punto di ingresso/uscita di una rete verso l'esterno è ovviamente il luogo migliore dove effettuare controlli sui pacchetti in transito.

Si vanno sempre più diffondendo router che incorporano la funzionalità di access point per Wi-Fi.

I router possono essere normali computer che fanno girare un software apposito , o - sempre più spesso - apparati specializzati, dedicati a questo solo scopo. I router di fascia più alta sono basati su architetture hardware specializzate per ottenere prestazioni wire speed, letteralmente alla velocità della linea. Questo significa che un router wire speed può inoltrare pacchetti alla massima velocità delle linee a cui è collegato.