Cifra di merito del sonar

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search
lezione
Cifra di merito del sonar
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Principi, sistemi e metodologie per la localizzazione subacquea passiva
Avanzamento Avanzamento: lezione completa al 100%.

La cifra di merito del sonar, indicata con la sigla , rappresenta il massimo valore della perdita di trasmissione che consente la scoperta di una sorgente acustica d'intensità prefissata con le desiderate probabilità di rivelazione e di falso allarme ; maggiore sarà il valore di migliori saranno le prestazioni del sonar.

Algoritmi per il calcolo della di un sonar passivo[modifica]

In termini logaritmici (deciBel) la di un sonar passivo è definita dall'espressione:

dove:

  • livello di pressione emesso dalla sorgente acustica ricevuta, espresso in banda [1]
  • livello spettrale del rumore ambiente generato dalla somma del rumore del mare e del rumore proprio del battello , che raggiunge la base ricevente attraverso il fissaggio di quest'ultima alla piattaforma.

Parte di questa espressione, il termine , viene utilizzata per il controllo della funzionalità del sonar e della piattaforma, secondo l'impostazione di una particolare funzione di progetto indicata con la lettera

Comportamento della in funzione delle sue variabili[modifica]

La cifra di merito del sonar passivo s'incrementa, ad esempio, quando il livello della sorgente cresce; infatti se la sorgente acustica emette più rumore, maggiore potrà essere la perdita di trasmissione accettata dal sonar con conseguente incremento della portata di scoperta.

La decresce invece con il decremento dell'indice di direttività ; ciò per il fatto che, se il diminuisce, aumenta il rumore captato dalla base con la conseguenza di un peggioramento delle prestazioni di scoperta.

Analogamente un incremento del rumore ( sia di che di ) o un aumento voluto della soglia di rivelazione portano ad una diminuzione della , con la conseguenza di una riduzione della portata di scoperta.

Dato che un incremento del rumore proprio che giunge alla base ricevente tramite il fissaggio a scafo di quest'ultima, provoca una riduzione della portata di scoperta, il controllo periodico dell'addendo della cifra di merito, , è utile affinché le prestazioni del sonar non si degradino all'insaputa dell'operatore.

Il controllo di consente inoltre la verifica dell'integrità della base ricevente che, se alterata da guasti parziali ed imprevisti, con il conseguente decremento del , può a sua volta provocare una riduzione delle prestazioni del sonar.

Considerazioni numeriche sulla [2][modifica]

Sonar passivo installato su di un battello perfetto[3]

Un battello ideale non trasmette rumore alla base ricevente; in questo caso la variabile è dovuta soltanto al rumore del mare ; se in tali condizioni assumiamo ad esempio:

  • (soltanto rumore del mare)

si ha:

= = .

Con questo valore di il sonar può contare su di un notevole margine di attenuazione del rumore emesso dal bersaglio; tale attenuazione consente una portata di scoperta di

Sonar passivo installato su di un battello reale

Un battello reale trasmette rumore alla base ricevente; in questo caso la variabile è dovuta alla somma del rumore del mare e del rumore del battello .

Supponiamo che siano:

sarà:

= =

da cui:

=

Con questo valore di il sonar può contare ancora su di un discreto margine di attenuazione; tale attenuazione consente una portata di scoperta di

Battello reale con base ricevente avente alcuni sensori in avaria

Se un guasto alla base del sonar riduce il da a , ferme restando le variabili esposte in precedenza, si ha:

= =

da cui: = =

Con questo valore di il sonar ha un margine di attenuazione del rumore emesso dal bersaglio sensibilmente inferiore rispetto ai due valori precedenti.

Tale attenuazione consente una portata di scoperta .

Gli esempi numerici mostrano come, con il degrado della , la portata di scoperta del sonar si riduce da ad un minimo di

Osservazioni sul binomio [modifica]

Le computazioni condotte in precedenza mostrano come il degrado della , in qualsiasi condizione ambientale, dipenda dall'alterazione del binomio ; ovvero

=

quindi, oltre che da (rumore del mare), dall'alterazione di

e/o

Queste variabili dipendono rispettivamente dalla piattaforma e dalla base acustica del sonar e sono legate tra loro tramite la seguente funzione indicata con il simbolo :

= = .

Il valore di è fissato in sede di progetto del sonar in base a studi accurati e misure su [4] e [5]

Supponiamo ora che in un progetto sia stato calcolato per e e che si debba controllarlo sul campo su di un sottomarino di recente varo.

Vediamo come controllare il valore nominale di progetto dopo la messa a punto integrale della piattaforma e del sonar:

Si misura in una zona di mare priva di rumori, trovando ad esempio:

Si misura in modo appropriato =

Si computa la differenza tra i due valori:

=  ;

Il valore di misurato indica che l'obiettivo del valore nominale di progetto è stato raggiunto.

Supponiamo ora che il battello venga controllato periodicamente e che, durante un controllo, con mare a livello il sia sceso da a a causa di un'anomalia alla base ricevente.

In queste condizioni il valore di risulterà:

= =

e di conseguenza il valore di sarà:

=

Il controllo mette in evidenza che ha subito un decremento di , è quindi fuori dalla tolleranza rispetto al valore nominale controllato in sede di messe a punto; con conseguente riduzione della portata di scoperta.

Il controllo eseguito non individua se il decadimento di dipende dal o da un incremento anomalo di , in ogni caso pone il problema di una verifica accurata su entrambi i valori.

Sistema di misura per  ; e calcolo di [modifica]

Abbiamo visto come con le misure di e e il successivo calcolo di sia possibile avere un riscontro sulla costanza delle prestazioni offerte dalla CM.

Iniziamo ora l'illustrazione del metodo adottato per la misura sulla piattaforma delle variabili citate facendo riferimento alla figura 1:

figura 1 Struttura d'insieme misuratore del

Il rilievo di si esegue tramite l'idrofono omnidirezionale trCm fissato allo scafo tramite idoneo ammortizzatore[6] in grado di tagliare tutte le vibrazioni provocate dalla piattaforma.

I segnali ricevuti da trCm sono applicati all'amplificatore con filtro di banda Am1 e da questo all'elaboratore Elb che, dopo conversione A/D, mette a calcolo .

All'uscita di un fascio direttivo del sonar, sia preformato che a collimazione manuale, viene prelevato il segnale da inviare a sua volta all'elaboratore Elb, il segnale dopo conversione A/D viene messo a calcolo in forma logaritmica .

L’elaboratore esegue l’operazione :

=

restituendo su apposito indicatore numerico il valore di

Procedura di misura del in mare[modifica]

  • Ormeggio del battello in una zona priva di sorgenti idrofoniche; l'idrofono trCm capta il rumore del mare che viene trasformato in segnale elettrico S1 e successivamente amplificato e filtrato nella banda stabilita per le misure sull'elaboratore Elb.
  • Puntamento di un fascio direttivo del sonar verso un arco di mare privo di segnali acustici; questa operazione porta alla captazione del rumore del mare e del rumore proprio [7] in forma di segnale S2 secondo l'espressione:

  • Invio in modo automatico delle variabili e all'elaboratore per il calcolo:

=

Il calcolo di è preceduto da una regolazione automatica dei livelli dei segnali S1 e S2 per compensare le differenze di guadagno insite nei due sensori; i calcoli vengono eseguiti in termini logaritmici in modo da fornire il valore in .

Cenni storici[modifica]

Si è mostrato come si possa tenere sotto controllo la parte degradabile della di un sonar passivo affinché la stessa garantisca sempre la massima portata di scoperta in base alle condizioni ambientali e tattiche del momento.

Il sistema illustrato in questa pagina è simile a quello progettato e successivamente costruito, negli anni 70, dalla Soc. USEA con la sigla .

Con il si sorvegliava la stabilità nel tempo del valore di iniziale (sottomarino e sonar a punto) con la garanzia di poter eseguire rapidi interventi, in porto, volti a ripristinare i dati originali sul campo.

L'apparato, studiato per i sottomarini classe Sauro, è stato implementato nella struttura del sonar IP70/74.

Il piccolo apparato ha dato prova di essere un sistema "robusto" e fondamentalmente semplice, in grado di assicurare in mare le prestazioni richieste dalla MMI.

Note[modifica]

  1. Il livello, espresso in banda , è indicato con l'apostrofo per distinguerlo dal valore spettrale espresso invece in banda di .
  2. Le procedure per le computazioni delle portate di scoperta fanno riferimento alle seguenti variabili: f1 = 4000 Hz; f2 = 6000 Hz; BW = 2000 Hz; d * = 1; Priv. = 50%; Pfa. = 20% ; propagazione sferico-cilindrica
  3. Condizione ideale presa a modello per evidenziare le variazioni della
  4. Le misure di sono eseguite con accelerometri disposti a scafo
  5. Le misure del sono eseguite in vasca anecoica.
  6. In virtù dell'ammortizzatore il segnale in uscita da trCm dipende soltanto da e non da
  7. Np è captato dalla base idrofonica del sonar, perché questa è estesa lungo un ampio settore del battello

Bibliografia[modifica]

  • Robert J. Urick, Principles of underwater sound, Mc Graw – hill, 3ª ed. 1968
  • V.O.Knudsen, Ambient Noise, Rep. n.3 Survey of Underwater Sound ( O.S.D.R. Rep. 433 Norc Rep-6-1-1848 P8 31021, 1944.
  • Giuseppe Pazienza, Fondamenti della localizzazione marina, Studio grafico Restani La Spezia, 1970