I progetti Wikimedia/Wikiquote/Wikiquote/script

Da Wikiversità, l'apprendimento libero.
Jump to navigation Jump to search

Wikiquote è un'antologia libera e multilingue che raccoglie e organizza aforismi e citazioni particolarmente significativi o illustrativi.

Oltre alle frasi di persone o personaggi noti, Wikiquote colleziona anche espressioni rilevanti senza una paternità precisa, come ad esempio i proverbi e i modi di dire.

Tutte le citazioni degne di nota di uno specifico autore sono inserite in una voce a lui dedicata.

Nella pagina, le sue frasi sono raggruppate in base alle opere o ai contesti di provenienza: opere letterarie, teatrali o musicali, programmi televisivi o radiofonici, articoli di giornale, fumetti e cartoni animati… l'importante è che siano fonti reperibili e verificabili.

Le opere collettive, come i film o i romanzi scritti a più mani, che per definizione non hanno un unico autore, hanno una loro voce specifica.

In Wikiquote si raccolgono anche espressioni degne di nota di cui l'autore è sconosciuto, come proverbi, modi di dire e slogan.

Esistono poi le pagine tematiche che raccolgono le citazioni dedicate ad uno specifico argomento.

Gli accordi internazionali, come pure il diritto italiano, concedono la libertà di citazione, purché si rispettino determinate condizioni.

Wikiquote è l'unico progetto Wikimedia che contiene anche materiale ancora completamente protetto dal copyright tradizionale.

Una citazione deve sempre essere breve e funzionale a fini didattici, scientifici o, in genere, illustrativi.

La sua trascrizione deve essere esatta: non è corretto attribuire a qualcuno quello che non ha detto.

Se necessario, vanno inserite anche informazioni aggiuntive minime che possano aiutare a comprendere il valore del brano scelto.

Ogni citazione deve essere collegata alla sua fonte.

Sono ammesse le citazioni riferite da qualcun altro, ma dove possibile si preferisce la fonte originale.

I riferimenti bibliografici devono essere precisi e riportati in modo completo nel paragrafo specifico della pagina.

In Wikiquote si insiste molto sull'accuratezza e la precisione delle fonti, tanto che esiste anche una pagina dedicata alle citazioni riportate in modo errato o assegnate alla persona sbagliata.

In passato, l'inserimento in Wikiquote di citazioni senza l'indicazione della fonte era tollerato. Ora invece non è più ammesso.

In ogni voce, le citazioni senza fonte sono raccolte in un paragrafo dedicato: le più improbabili vanno via via eliminate, mentre per le altre si cerca di rintracciarne la provenienza.

I brani scelti devono esprimere in modo chiaro e sintetico un concetto, o essere, per come sono state scritte o pronunciate, particolarmente notevoli e originali.

Non vanno inserite tutte le frasi di una persona o un'opera, ma solo le più emblematiche e significative.

Le citazioni sono per loro natura di parte, ma una voce non deve contenere solo quelle che coincidono con il proprio orientamento politico o gusto personale.

Vanno invece selezionate le citazioni che al di là della propria opinione sono veramente illustrative di un soggetto, un'opera o un argomento.

Buona prassi è anche chiedersi se tra dieci anni la citazione avrà ancora una sua rilevanza.

Col tempo, le citazioni che si rivelano di scarsa importanza vanno cancellate.

In ogni voce è possibile trovare o aggiungere un collegamento alle pagine correlate dei progetti fratelli o di siti esterni.

Le citazioni devono infatti fornire spunti per l'approfondimento delle loro fonti, esattamente come una voce enciclopedica è un modo per orientarsi su un tema.

Una citazione inserita in una voce di un autore o di un'opera può anche essere riportata, in seconda battuta, all'interno di voci tematiche, dove si raccolgono citazioni riguardanti uno specifico argomento.

In queste pagine vanno aggiunte solo le citazioni che dicono effettivamente qualcosa di interessante sul tema, non quelle che menzionano solamente il concetto.

Le voci tematiche sono organizzate in categorie che raggruppano i temi a seconda della loro natura.

Dalle discipline ai luoghi, dalla politica alle azioni...

In queste pagine non sono riportati i riferimenti bibliografici, ma si rimanda alla pagina dell'autore o dell'opera che già li contiene.

Le citazioni sono elencate in ordine alfabetico, a meno che un autore o un'opera non abbia dedicato all'argomento un certo numero di brani significativi.

In queste pagine sono raccolti anche i proverbi, i modi di dire e in genere tutte quelle espressioni non attribuibili a una persona in particolare che toccano il tema della pagina.

Quest'ultime spesso non hanno altra collocazione se non in queste voci tematiche.

Le citazioni invece che concernono una persona, un'opera o un personaggio vengono inserite in un capitolo specifico nella loro pagina.

Wikiquote in italiano raccoglie esclusivamente frasi in italiano.

Ma come per Wikipedia esistono anche una Wikiquote in inglese, in francese, tedesco e molte altre lingue.

La versione italiana è attualmente la terza più sviluppata, dopo quelle inglese e polacca.

Per le citazioni in lingue diverse dall'italiano si devono usare le traduzioni ufficiali: nel caso dei film, le parole del doppiaggio italiano, anche se non tradotte letteralmente; nel caso dei libri, una traduzione italiana in commercio.

È indispensabile riportare sempre anche il nome del traduttore e dell'edizione tradotta.

Eccezionalmente è ammessa la versione in lingua originale, se questa è scritta in una forma particolare o è di difficile traduzione.

In alcuni casi, come per gli incipit di testi famosi, possono convivere più traduzioni dello stesso brano.

È concesso inserire traduzioni proprie come integrazione solo se non ne esistono di ufficiali, come ad esempio nel caso di proverbi di lingue straniere.

Nel progetto hanno anche un loro spazio i dialetti italiani da cui vengono ripresi proverbi, modi di dire, filastrocche e altre espressioni appartenenti alla cultura popolare di una regione.

Come Wikipedia, Wikiquote vive e si sviluppa grazie alla collaborazione aperta di tutti.

Chiunque può partecipare ed è davvero semplice!

E come disse Giacomo Leopardi scrivendo al fratello: "Il fare è il miglior modo d'imparare."